Sebbene la ragione del collegamento rimanga poco chiara, i dati suggeriscono quanto sia necessaria una maggiore attenzione quando si guida nelle notti con la luna piena.

Il motivo del collegamento non è chiaro, i ricercatori dicono che ci potrebbero essere diverse possibilità, compresa la luna piena che potrebbe distrarre i motociclisti o rendere più difficile misurare la velocità.

“Il nostro studio suggerisce che è necessario prestare la massima attenzione quando si guida una moto con la luna piena”, ha affermato il dott. Donald Redelmeier, coautore della ricerca dell’Università di Toronto.

Una normale corsa di un motociclista “è più pericolosa di quella di un  guidatore ubriaco senza cintura di sicurezza che viaggia per stessa distanza”, ha aggiunto. “Il rischio è una di quelle cose che le persone non riescono a percepire fino a quando non è troppo tardi – ecco perché abbiamo bisogno di scienza su questo”.

Mentre i motociclisti hanno molte distrazioni sulle strade, dalla natura a splendidi tramonti, il team di ricercatori afferma di aver scelto di concentrarsi sulla luna piena perché è grande, luminosa e può improvvisamente comparire nel campo visivo. Inoltre, gli eventi lunari possono essere facilmente rintracciati.

In un articolo sul British Medical Journal, Redelmeier – con Eldar Shafir della Princeton University – descrive come ha analizzato 40 anni di dati sulle morti in motocicletta negli Stati Uniti per verificare se esistesse un legame con le lune piene.

In totale, in quei giorni c’erano 494 lune piene tra l’inizio del 1975 e la fine del 2014, con 4.494 incidenti fatali tra il tardo pomeriggio e il mattino successivo.

Per analizzare se gli incidenti fossero più comuni in queste notti, il team ha esaminato il numero di arresti notturni esattamente una settimana prima e una settimana dopo ogni luna piena, quando ci sarebbe stata presente una mezza luna. Nello studio hanno confrontato i dati tenessero conto di una serie di fattori, tra cui il tempo, l’anno, il giorno della settimana e persino le modifiche ai manti stradali e ai livelli di traffico.

Presi insieme, i risultati rivelano che in media 9,1 incidenti avvenivano nelle notti con la luna piena, rispetto a poco più di 8,6 quando la luna non era piena, il che significava che c’era un rischio maggiore del 5% di schiantarsi.
Il risultato è stato mantenuto indipendentemente da fattori quali il periodo dell’anno e il decennio, dall’età del motociclista, dalle potenze del motore e dal fatto che utilizzassero o meno un casco. “Il 5% è un grande numero per quanto riguarda la sicurezza stradale”, ha affermato Redelmeier.

Quando il duo ha guardato le 65 notti in cui la luna era in realtà una super luna – un fenomeno in cui appare più grande e luminosa di una luna piena regolare – l’impatto è apparso ancora più grande, con un rischio maggiore del 32% di un incidente fatale rispetto a simili notti con mezza luna e il 22% di rischio in più rispetto alla luna piena regolare.

Redelmeier crede che ci siano almeno tre potenziali spiegazioni per il legame tra morti in moto e lune piene, inclusi effetti di luce prodotti dalla luna che potrebbero indurre i motociclisti a giudicare male la loro velocità, o che una luna piena significhi che più centauri- o altro traffico – potrebbero sbagliare ad interpretare le strade e i segnali di pericolo.

“Una diversa possibilità è questa idea di distrazione – cioè che alzare lo sguardo alla luna piena distoglie lo sguardo del motociclista dalla strada e crea un momento di disattenzione che può portare a una perdita di controllo”.

Ma, notano gli autori, lo studio aveva dei limiti, non ultimo il fatto che guardava solo i motociclisti e non esaminava le morti nelle notti di luna nuova.

David Spiegelhalter, professore di Winton per la comprensione pubblica del rischio presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato che lo studio è stato interessante.

“La più tipica fatalità è quella che interessa un uomo di mezza età che ha una collisione frontale a bordo di una moto grande mentre non indossa un casco”, ha detto. “Un 5% in più di motociclisti viene ucciso nelle notti di luna piena e gli autori suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto alla distrazione. Forse è semplicemente perché il 5% in più di questi idioti in età avanzata va a fare un giro in una bella notte luminosa? ”

Articolo tratto da The Guardian
Lisa Cavalli
Copyright MissBiker 2017