TomTom Rider 450 è il navigatore definitivo per motociclisti: impermeabile, resistente agli urti e completo di staffa per il montaggio su manubrio. Ma non solo! Diamo un’occhiata ai dettagli.

UNBOXING
La scatola contiene:
– navigatore TomTom Rider 450 con monitor touch da 4,3”
– cavo USB per la ricarica e dati
– cavo alimentazione da collegare alla moto
– staffa per manubrio RAM con viti e bulloni
– libretto di istruzioni

LE MAPPE
Il navigatore ha integrate e memorizzate le mappe europee e il loro aggiornamento è garantito a vita. La memoria interna è da ben da 16 GB ed espandibile tramite MicroSD in modo da poter scaricare mappe di altri stati.

MONTAGGIO
Semplicissimo e intuitivo il montaggio della staffa sul manubrio. In caso di dubbi si trovano tutte le indicazioni necessarie nel manuale di istruzioni. Il supporto girevole dove andrà collocato il TomTom Rider 450 può ruotare fino a 90 gradi per una visualizzazione perfetta. Unico neo: l’attacco del cavo di alimentazione non è staccabile purtroppo e lo devo legare con una fascetta al manubrio visto che non ho intenzione di collegarlo alla batteria.

ACCENSIONE
Dopo aver caricato il navigatore col cavo USB lo posso accendere pigiando sul tasto posto in alto a destra. La schermata impiega più di qualche secondo per l’accensione ma il pannello è molto intuitivo.

Da alto a sinistra abbiamo in ordine:
– pulsante di impostazione rapida
– pulsante di visualizzazione
– pulsante di zoom
– pulsante di menu principale

Dopo aver impostato la destinazione sulla schermata di destra troviamo:
– orario di arrivo previsto
– distanza/tempo di arrivo
– ritardo dovuto al traffico
– caratteristiche del percorso
– distanza dall’evento successivo

VOGLIA DI CURVE? SELEZIONA IL PERCORSO EMOZIONANTE!
Dopo aver aperto il menu principale seleziono il pulsante “Percorso emozionante”. Nella mappa si può pianificare un itinerario mentre nella parte superiore i tre pulsanti “livello di piega” mi illuminano: finalmente non sarò costretta alle solite opzioni dei navigatori.


IL TEST SU STRADA

Stabile e con una buona visibilità: così si presenta alla guida il TomTom Rider 450. Con i guanti riesco comodamente a selezionare e premere i pulsanti del menu.

In una giornata assolata il navigatore può fare l’effetto specchio e dare un po’ di fastidio. Abbastanza preciso in corsa anche se a volte leggermente in ritardo nelle indicazioni ma non quelle degli autovelox fortunatamente (compaiono sulla barra di destra con la distanza).
Interessante la possibilità di inserire la destinazione a voce grazie al riconoscimento vocale ma in mezzo al traffico la cosa può risultare un po’ difficoltosa.

Il servizio TomTom Traffic può essere attivato solo se si dispone di una connessione internet (ad esempio utilizzando il proprio smartphone come hot-spot).

CONCLUSIONI FINALI
Il TomTom Rider 450 è il perfetto alleato dei motociclisti che hanno voglia di viaggiare in serenità grazie ad un navigatore che finalmente offre una opzione divertente (percorso emozionante).
Ottima la possibilità di poter scaricare le mappe a vita, le segnalazioni di traffico e velox, l’impermeabilità in caso di maltempo, la connessione bluetooth con lo smartphone/interfono.  Da sottolineare TomTom Road Trips, il servizio che azienda olandese offre con più di 90 itinerari pre-impostati in cinque continenti.
I punti di interesse sono altrettanto interessanti: sono evidenziati i passi più belli e le strade panoramiche.
La durata della batteria dovrebbe essere di sei ore ma ovviamente questo dato cambia in base alla retro-illuminazione e nel mio caso non è durata oltre tre.
Prezzo:  da 399,95 euro

Lisa Cavalli
Copyright MissBiker 2017
Photo Credits @Giuly Ska