Intervista a Samantha Nardi

Ho attraversato tutto il Nord Italia per scovare la protagonista dell’intervista di oggi. L’ho trovata nascosta in mezzo ai tassellati campioni del Motocross delle Nazioni, tra i tecnici e meccanici di Dunlop, indaffarata e sorridente Missbiker: lei è Samantha Nardi.

Allora Samantha, ci vuoi dire in cosa consiste il tuo lavoro per Dunlop?
Mi occupo di Marketing di prodotto, seguo sia la parte Racing che le moto stradali. E’ molto interessante come lavoro, al di là del puro marketing come siamo abituati a concepire. Alla fine sono motociclista anche io..

Samantha Nardi

Che moto guidi?
Una Kawasaki ER-6N.. è piccola, ha pochi cavalli, il mercato la recepisce come la recepisce ma mi porta dove voglio e l’importante è quello!

Come sei arrivata a Dunlop?
Sono arrivata un po’ per caso diciamo, ovviamente non mi sono lasciata sfuggire questa opportunità.. mi sento quasi una privilegiata nel poter unire la mia passione a quello che è il mio lavoro.

Hai mai incontrato delle difficoltà in questo tuo percorso, essendo donna?
No no, non ho avuto assolutamente nessun tipo di difficoltà, né dal lato del mercato né dal lato aziendale. Anche perché la donna motociclista alla fine viene accolta positivamente anche dai maschietti. Poi mi fa piacere che in Italia stiano fiorendo sempre più comunità e centri di aggregazione per noi ragazze motocicliste, questo è sicuramente positivo.

Samantha Nardi

Secondo te com’è la motociclista di oggi?
E’ una motociclista consapevole, cui piace assaporare la libertà indipendentemente dal tipo di moto che possiede e quindi sa quello che vuole. Non è una persona facile da trattare.. forse, anche a livello tecnico, è un po’ più difficile trattare con una donna che con un uomo.

Come tu sicuramente saprai, negli ultimi tempi molte case motociclistiche, marchi di abbigliamento e tanti altri operatori del settore, hanno notato che la parte femminile del mercato è in grossa espansione e si stanno adeguando con modifiche o prodotti pensati esclusivamente per noi donne.. secondo te Dunlop come sta reagendo al cambiamento? Sono sulla strada giusta per dedicare una maggiore attenzione anche al mondo femminile o faticano ancora un po’ a vederci?
Il fatto che io sia in questo ruolo sicuramente una spinta la dà.. e questo è un segnale del fatto che Dunlop ci stia comunque lavorando; alla fine comunque non fa distinzione, siamo tutti uguali: motociclisti e motocicliste.. è ovvio che un pneumatico non è come un abito, non c’è differenza di vestibilità.. c’è differenza nello stile di guida  ma questo c’è anche tra gli uomini e tra le donne.

Quindi tu non noti nessuna differenza di genere tra i clienti? O pensi che l’uomo potrebbe essere magari un cliente un po’ più esigente?
Per i pneumatici l’uomo è un po’ più esigente.. io che controllo per esempio anche i commenti che ci arrivano sulla pagina Facebook o le mail dirette, vedo che statisticamente scrivono più gli uomini che le donne, ma questo potrebbe anche denotare che la donna ha un altro tipo di consapevolezza.

Tu che tipo di eventi segui con Dunlop oltre al Motocross delle Nazioni?
Seguo un po’ tutti gli eventi in ambito motociclistico italiano, dal motoraduno al Trofeo Motoestate, Moto di serie e altri tipi di manifestazioni che vengono fatte normalmente in Italia.

Quali sono gli obiettivi per il futuro?
Con Dunlop c’è da lavorare tanto e bene nello sviluppo del pneumatico stesso.. perché l’Azienda vuole sicuramente fare un prodotto che sia adatto a tutti gli stili di guida. Ci siamo rimboccati le maniche e stiamo veramente facendo tanto.
Per quanto riguarda me, a livello professionale, ovviamente vorrei rimanere in Dunlop… gli obiettivi sono gli stessi che mi ero prefissata quando ho cominciato a lavorare con loro: tentare di stimolare le community femminili nel mondo del motociclismo e dare una mano nella crescita di queste realtà.

Vuoi aggiungere qualcosa che non abbiamo detto in questa intervista?
Sono felice di essere tesserata Missbiker!! (ride, ndr)

Ilaria Castaldello

Copyright © 2015 – 2016 MissBiker – Ilaria Castaldello