Un piccolo oggetto ormai diventato indispensabile per noi motociclisti: evitare di armeggiare tra le tasche al casello per cercare gli spiccioli tra gli insulti degli automobilisti in coda è ormai per molti un passato lontano.

Abbiamo contattato personalmente TELEPASS S.p.A., società del Gruppo Atlantia che offre servizi di pagamento elettronico per la mobilità urbana ed extraurbana, e abbiamo posto alcuni dubbi prontamente risolti!

1 . NON SOLO PER L’AUTOSTRADA!

Telepass è ovviamente considerato l’apparato più utile per viaggiare in autostrada. Ma non solo!
Lo potete utilizzare in molti parcheggi, Area C di Milano, strisce blu e traghetti. Ovviamente anche per moto se indicato negli appostiti segnali. In stazione o in aeroporto, in fiera o in città, si può entrare e uscire dai parcheggi convenzionati senza fare file alle casse e senza biglietti.
Con Telepass Premium, inoltre, tante altre convenzioni e agevolazioni come l’assistenza stradale, sconti ecc (https://www.telepass.it/privati/premium)

2. NON BASTA AVERLO IN TASCA!

In merito al corretto posizionamento vi sono tre possibili tipi di installazione:
1) Installazione a manubrio: è reperibile in commercio uno specifico supporto da applicare al manubrio della moto.

2) Posizionamento all interno della borsa: per le moto con serbatoio in lamiera avente la superficie superiore sufficientemente piana e spaziosa, sono in commercio dei borselli da serbatoio che hanno nella zona anteriore un apposita tasca per l’alloggiamento del Telepass.

3) Installazione nel cassetto portaoggetti anteriore (purché in materiale plastico): è possibile installare il Telepass
all’interno del cassetto come sul parabrezza di una auto.In tutti i casi è comunque assolutamente indispensabile che il Telepass sia posizionato nella parte anteriore della moto, in senso ortogonale all’asse del veicolo e che la parte con il velcro (che serve unicamente per il fissaggio al parabrezza dell’auto) sia rivolta verso l’alto e leggermente inclinata in avanti.
Si fa notare che qualsiasi altro posizionamento, ad esempio nel taschino della giacca o dentro lo zaino o ancora dentro al bauletto posteriore, non garantisce il corretto scambio di informazioni tra il terminale Telepass e le apparecchiature di terra.

3. PANICO: LA SBARRA NON SI ALZA!

In caso di malfunzionamento, è consigliabile richiedere l’intervento dei nostri operatori tramite l’apposito pulsante;
solo in condizioni di traffico intenso, per motivi di sicurezza, è comunque preferibile transitare a lato della semisbarra: in caso di anomalia, l’eventuale rilevamento fotografico del motoveicolo in transito permetterà la corretta definizione della percorrenza effettuata a condizione che la targa del motoveicolo risulti associata alla propria posizione contrattuale.

4. NORME DI COMPORTAMENTO DEL MOTOCICLISTA

L’utilizzo del servizio Telepass moto è subordinato alla sottoscrizione da parte dei clienti dell’apposito modulo, con il quale si impegnano a fruire del servizio nel rispetto di precise norme comportamentali, tra cui l’esclusivo utilizzo di specifiche piste che sono evidenziate da un apposita segnaletica orizzontale, di colore giallo, posta a terra, indicante tre simboli della moto tracciati in sequenza e sono equipaggiate con aste di cadenzamento di dimensioni ridotte, di tipo pivottante , dotate di un terminale sferico in gomma, in modo da consentire il transito delle moto in assoluta sicurezza.

5. NON HO IL TELEPASS CON ME MA SONO CLIENTE: CHE FACCIO?

In nessun caso è consentito transitare su piste esclusivamente dedicate al servizio Telepass se sprovvisti di apparato.

Per maggiori informazioni: https://www.telepass.it