D’inverno causa freddo, strade ghiacciate e spesso scarsa visibilità, molti lasciano in letargo la propria moto, ma per gli irriducibili ecco qualche consiglio su come guidare quando le temperature si abbassano sotto lo zero e in presenza di ghiaccio o neve.

La moto

Sembrerà ovvio ma soprattutto d’inverno la moto dev’essere nelle sue condizioni migliori. Questo significa:

Pneumatici:

Devono essere in ottime condizioni e battistrada al 100% o quasi. Sono il diretto contatto col terreno e sono loro a fare il lavoro sporco. Inoltre con le temperature rigide si scaldano con molta difficoltà e la loro aderenza è nettamente inferiore alla norma, anche in una giornata soleggiata. Fate attenzione alla pressione, con i primi freddi tende ad abbassarsi!

Elettronica:

Se presente impostate la mappatura rain, renderà più dolce l’erogazione e in alcuni casi riduce i cavalli; comunque mai togliere controllo trazione né ABS

Sospensioni:

Se avete un assetto rigido meglio ammorbidirlo, una sospensione rigida necessita di più grip alla gomma.

La/Il pilota

Abbigliamento:

Anche l’abbigliamento ha la sua importanza. Il freddo irrigidisce, rallenta i riflessi e con le articolazioni fredde abbiamo meno sensibilità su freno e frizione. Quindi vestitevi adeguatamente preferendo abbigliamento tecnico, molto più sottile
(vedi articoli come attrezzare moto d’inverno e abbigliamento invernale)

Visibilità:

Prediligete abbigliamento e casco con parti catarifrangenti o meglio fluo (all’estero in molti paesi è diventato obbligatorio). In alternativa vi consiglio di indossare il buon giubbino d’emergenza. E assolutamente luci sempre accese!

La strada

Le strade d’inverno hanno molteplici insidie quali ghiaia, sale, ghiaccio e quando inizia a piovere si mescolano a sporco e smog rendendo le strade molto scivolose. Ricordate che il momento peggiore è quando inizia a piovere.
Attenzione a strisce pedonali, linee di mezzeria, tombini e rotaie: se potete, evitate di passarci sopra, altrimenti percorretele come se fossero lastre di ghiaccio.

La ghiaia la potete trovare ovunque: in curva lungo dei binari e nella parte esterna o lungo le tracce di scorrimento dell’acqua o lungo i bordi, quindi sempre massima attenzione.

Se durante la notte le temperature sono scese sotto lo zero, la mattina è facile trovare un sottile strato di brina ghiacciata e anche se durante la giornata le temperature si sono alzate non fidatevi! Nei punti d’ombra si possono nascondere delle lastre di ghiaccio anche se le temperature si sono alzate oltre lo zero.

Un sistema molto semplice per valutare se la strada è scivolosa o meno è “l’assaggio” con il piede, basta un attimo per rendersi conto della situazione del manto stradale.

La guida

Ogni movimento deve essere delicato come in caso di pioggia, ma con ghiaccio e neve ancor più!

Accelerazione:

Tenete la moto in perfetto equilibrio e accelerate delicatamente come se in mano aveste una farfalla e lasciate piano la frizione.

Se  state partendo su ghiaccio o neve, tenete le gambe larghe, in caso di necessità sarete voi gli sci; inoltre il gioco acceleratore – frizione deve essere molto dolce, piuttosto fate slittare appena la frizione ma state pronti a riprenderla nel caso il posteriore dovesse slittare, vuol dire che dovete essere ancora più delicati.

Frenata

Delicatezza è la parola chiave! Utilizzate maggiormente il freno posteriore e delicatissimi con l’anteriore, su terreni scivolosi meno si carica l’avantreno e meglio è. Tenete il più possibile la moto dritta e frenate in maniera graduale e continua, in tal modo non si carica eccessivamente in avanti e avrete un maggior controllo.
Da evitare assolutamente le frenate ripetute a singhiozzo.

In caso di ghiaccio e neve chiudere delicatamente il gas, mai toccare il freno anteriore ma utilizzate solo il posteriore. Se proprio non potete fare a meno di usare l’anteriore stringete molto bene il manubrio, il rischio che si chiuda lo sterzo provocando la scivolata è molto alto. Se la vostra moto ha la frenata combinata dovrete essere ancora più delicati.

L’ABS aiuta molto , soprattutto nelle moto più recenti, ma non è sempre così affidabile!

Utilizzate il più possibile il freno motore scalando delicatamente quando siete giù di giri e non a giri alti altrimenti col posteriore rischiate di perdere aderenza o addirittura il blocco della ruota.

Ricordatevi: aumentate la distanza di sicurezza!

Curve:

Impostate la traiettoria in modo da inclinare meno possibile la moto, l’aderenza sarà migliore e sarà più facile correggere eventuali errori. I cambi di direzione devono essere morbidi e delicati e anticipate il più possibile ogni movimento

A moto inclinata se dovete rallentare o correggere leggermente la traiettoria in curva su terreno scivoloso, non utilizzate mai il freno anteriore ma solo il freno posteriore e con delicatezza.

In presenza di ghiaccio o neve sfruttate al massimo la vostra corsia con una traiettoria il più larga possibile, senza MAI invadere l’altra corsia perché anche chi sopraggiunge dall’altra parte può avere la vostra stessa difficoltà e non potrà evitarvi. Dovrete essere delicatissimi come se stesse guidando sulle uova.

Lastra di ghiaccio

Non confidate mai troppo su strade asciutte e pulite, nelle zone d’ombra è facile trovare una lastra di ghiaccio. In  questo caso tenete il gas con delicatezza, senza né rallentare né accelerare: affrontatela tenendo la moto ben dritta senza movimenti bruschi.

Qualche consiglio in condizioni estreme

Se le strade sono completamente ghiacciate e/o innevate ma non avete altra possibilità che usare la moto allora sgonfiate un po’ i vostri pneumatici in modo da aumentare la superficie di aderenza e munitevi delle classiche fascette da elettricista, grandi abbastanza da poterle legare attorno alle ruote. In alternativa utilizzate una corda molto robusta (non deve rompersi altrimenti potrebbe incastrarsi nella trasmissione e bloccare la ruota posteriore) avvolgendo la ruota.

In mercato esistono anche catene per moto (non omologate in Italia) o kit per chiodare le gomme.

 

L’articolo è stato scritto in base all’esperienza della blogger.
Elena Celada
Copyright MissBiker 2017