La giusta pressione dei pneumatici è indispensabile per una guida più performante e sicura. In caso di perdita di aderenza, consumo eccessivo di carburante, guida faticosa, prova a misurare la pressione prima di portare la moto dal tuo meccanico di fiducia,

1. Le 5 cose che influiscono sulla pressione dei pneumatici

  1. Peso: una pressione che va bene per una persona di 70 kg difficilmente andrà bene per una persona che pesa molto di più o molto di meno.
  2. Tipologia di pneumatico: alcuni pneumatici hanno carcasse (parti interne) e fianchi più duri, il che significa che non hanno bisogno di una pressione elevata come uno pneumatico con una carcassa morbida.
  3. Temperatura dell’ambiente: la temperatura esterna influirà sul riscaldamento dei pneumatici. Impostare il posteriore a 2 bar in una giornata fredda non ti darà le stesse prestazioni di impostarlo alla stessa pressione in una giornata torrida, perché in una giornata calda il pneumatico si scalderà maggiormente e più velocemente.
  4. Pressioni a caldo e a freddo: Se si imposta la pressione su 2 bar quando il pneumatico è freddo, non sarà lo stesso che impostarlo su 2 bar quando il pneumatico è caldo.
  5. Pneumatici da strada e da pista: i pneumatici da strada sono generalmente progettati per funzionare a pressioni più elevate rispetto ai pneumatici da pista perché non si prevede che si surriscaldino così tanto. Inoltre alcuni pneumatici da pista hanno una struttura più rigida.

2. Come capire se la gomma è troppo gonfia

Nel caso la pressione di un pneumatico sia eccessiva potrebbero verificarsi alcuni problemi più o meno evidenti:

  • scarsa aderenza sull’asfalto
  • minore comfort durante la guida (ammortizzazione ridotta)
  • consumo del battistrada irregolare, specialmente nella parte centrale
  • maggior pericolo di danni al cerchio in caso di urto.

3. Come capire se la gomma è troppo sgonfia

Se la moto presenta una gomma (o entrambe) sgonfia, si possono notare alcune problematiche:

  • la moto sembra “più pesante” da gestire
  • il consumo del battistrada sarà irregolare soprattutto sui fianchi
  • la carcassa è più soggetta a danneggiamenti con conseguente maggiore usura
  • il consumo di carburante è più elevato
  • nella guida si possono avvertire perdite improvvise di aderenza

4. Come posso trovare la pressione giusta per le mie gomme?

Se vuoi capire qual è la pressione perfetta dichiarata dalla casa madre della tua moto ti basterà controllare sul libretto di uso e manutenzione. È importante ricordare che tali valori possono differire in base al carico e allo stile di guida: si tratta comunque di pochi decimi di bar in più o in meno.

Una gomma “stradale” utilizzata su una moto adatta alla guida quotidiana ha una pressione che varia fra 2,1-2,3 bar sull’anteriore e 2,3-2,6 bar sul posteriore.

5. Ogni quanto devo controllare la pressione dei pneumatici della moto?

Come abbiamo visto la pressione dei pneumatici è qualcosa da non sottovalutare. Generalmente sarebbe buona norma fare un controllo:

  • dopo aver percorso molti chilometri in poco tempo;
  • prima di partire per una vacanza (attenzione al carico);
  • prima di portare un passeggero.

Gli esperti ci hanno riferito che sarebbe ottimale fare un controllo ogni 15 giorni (ovviamente anche in base all’utilizzo).

6. Come si misura la pressione dei pneumatici di una moto

Per prima cosa quando riprende la stagione, dopo il rimessaggio invernale, o anche dopo qualche centinaia di chilometri, è opportuno misurare la pressione delle gomme.
Il consiglio è di avere in casa un piccolo compressore (acquistabile a meno di € 100) e un manometro (meno di € 20). Evita i manometri delle stazioni di servizio che spesso sono usurati e mal funzionanti.

Per prima cosa ricorda che la pressione va sempre controllata con gomma fredda.
Togli i tappi coprivalvole e premi l’attacco del tubo del manometro alla valvola. Dopo aver gonfiato la gomma leggermente potrai rilasciare l’aria fino ad arrivare alla misura di precisione. 

MissBiker© 2021