La ricerca commissionata da Harley Davidson conferma qualcosa che noi motociclisti sappiamo già!

Sai perché vai in moto. Lo sappiamo tutti noi, giusto? È quella sensazione di libertà, la scarica di adrenalina, i benefici sociali di un giro in gruppo, ecc. Tutti noi abbiamo capito fin dal primo giorno che un paio di minuti su una moto erano un modo sicuro per alleviare ogni fastidioso stress della routine quotidiana.

Bene, ora c’è uno studio dell’Università di Los Angeles California, finanziato da Harley-Davidson, che conferma ufficialmente tutti quei nostri pensieri disordinati e li inserisce in un contesto più ampio, più preciso e scientifico. In breve, sembra che guidare una moto ti dia gli stessi benefici di un allenamento leggero e diminuisca il cortisolo, l’ormone cattivo che segnala la presenza di stress.

I DETTAGLI DELLO STUDIO

Lo studio neurobiologico è stato condotto da un team di ricercatori del Semel Institute for Neuroscience e Human Behavior che hanno esaminato un gruppo di motociclisti esperti e in buona salute mentre guidavano le proprie moto su una rotta prestabilita per 22 miglia in condizioni normali.

I ricercatori hanno registrato l’attività cerebrale dei centauri e i livelli ormonali prima, durante e dopo aver guidato una moto e un’auto. Il team di ricerca ha monitorato l’attività elettrica del cervello e la frequenza cardiaca dei partecipanti, nonché i livelli di adrenalina, noradrenalina e cortisolo utilizzando la tecnologia EEG mobile.

I risultati hanno dimostrato che durante la guida in moto, i soggetti hanno sperimentato una maggiore attenzione sensoriale e una maggiore capacità di attenzione. La guida ha anche prodotto un aumento dei livelli di adrenalina, della frequenza cardiaca e una diminuzione dei livelli di cortisolo. Lo stesso tipo di risultati si ottengono spesso dopo una leggera sessione di allenamento, che aiuta a ridurre lo stress.

LA TECNOLOGIA UTILIZZATA

L’uso di questa tecnologia è stato abbastanza innovativo: “Fino a poco tempo fa, la tecnologia per misurare rigorosamente l’impatto di attività come il motociclismo sul cervello non esisteva”, ha detto il dottor Don Vaughn, il neuroscienziato che ha guidato il gruppo di ricerca . “Il cervello è un organo straordinariamente complesso ed è affascinante indagare sugli effetti fisici e psichici riportati dai motociclisti”.

Lo studio ha anche sottolineato questi punti chiave:

– La guida di una moto ha diminuito del 28% i biomarcatori ormonali dello stress.

– In media, guidare una moto per 20 minuti ha aumentato le frequenze cardiache dei partecipanti dell’11% e i livelli di adrenalina del 2%, simili all’esercizio fisico leggero.

– Quando è stata guidata una moto la messa a fuoco sensoriale (concentrazione) è migliorata diversamente da quanto è stato osservato nella guida di un’auto.

– I cambiamenti nell’attività cerebrale dei partecipanti allo studio durante la guida hanno indicato un aumento dello stato vigile, simile a quello prodotto dall’assunzione di una tazza di caffè.

Il rapporto completo, dal titolo “Gli effetti fisici e mentali di andare in moto”, che ha misurato le risposte biologiche e fisiologiche di oltre 50 motociclisti esperti che utilizzano la tecnologia EEG mobile sarà presentato entro la fine di quest’anno, secondo Harley.

“I risultati della ricerca che il dottor Vaughn e il suo team hanno identificato aiutano a spiegare cosa hanno provato i piloti negli ultimi 116 anni: c’è un’esperienza vitale e intensa che deriva dalla libertà di guidare una motocicletta. Speriamo che i loro risultati ispirino la prossima generazione di motociclisti a sperimentare questi benefici insieme a noi.”

Heather Malenshek

senior vice president of marketing and brand, Harley Davidson

E’ quello che il collega di Vaughn, il professor Mark Cohen della UCLA, ha detto che ci ha colpito:
“Mentre gli scienziati hanno studiato a lungo il rapporto tra cervello e risposta ormonale all’attenzione e allo stress, farlo in condizioni di vita reale come questi è raro. Nessun esperimento di laboratorio potrà comunque duplicare le sensazioni che un motociclista ha sulla strada.”

Traduzione dell’articolo di Cycle World

 

Le Donne sono l’ingrediente per avere Successo nel Mercato

Nel 2017 Michael Uhlarik, Product Planning Consultant and Motorcycle Business Analyst, ha pubblicato questo interessante articolo ancora molto attuale. Negli ultimi anni molte aziende hanno iniziato ad interessarsi al motociclismo femminile ma non è ancora abbastanza....

Dakar 2021: saranno 16 le donne in gara

La Dakar 2021 si svolgerà in Arabia Saudita come lo scorso anno ma in una zona completamente diversa. I veicoli saranno 321 (555 piloti e co-piloti) suddivisi in 129 moto e quad, 124 auto, 42 camion e 26 veicoli della nuova categoria Dakar Classic. Saranno 89 i primi...

Sondaggio MissBiker: i caschi più indossati dalle motocicliste

Da un nostro sondaggio all'interno della community di MissBiker su un campione di 1000 motocicliste possiamo stilare una classifica dei caschi più acquistati dalle centaure italiane.10 Nato a Westminster, California, nel 1956, il marchio PREMIER e la produzione si...

L’avventuriera di origine iraniana rompe record e confini

Da sola, senza mezzi di supporto, la dott.ssa Maral Yazarloo-Pattrick, 36 anni, ha percorso oltre 100.000 chilometri in 64 paesi in 7 continenti, dal 15 marzo 2017 fino all'agosto 2018, questa audace avventuriera si è proposta di esplorare popolazioni,...

Quante motocicliste ci sono in Germania?

Non è affatto semplice quantificare il numero delle motocicliste attive in Germania. Per farlo ho esaminato alcuni dati disponibili da varie fonti. Quadro generale 2019* La maggioranza dei centauri tedeschi è di una fascia d'età compresa tra i 50 ai 60 anni. Questa...