La giacca Silver Vase J Woman di Brema (disponibile anche nella versione maschile) è un capo che ha una storia da raccontare ed è diventata nel tempo una vera icona.

Si tratta della classica giacca 4 tasche di Brema con il grande logo alle maniche. Nata negli anni ’70, è stata utilizzata da tutti i migliori piloti del mondo di allora nelle gare Off-Road.

In tutto e per tutto la Silver Vase J Woman riprende le peculiarità del capo di allora, ma adeguato alle normative in vigore oggi. Viene infatti fornita di serie di un corpetto certificato con le protezioni alle spalle e gomiti (indossabile anche separatamente) e c’è la possibilità di inserire un paraschiena.

Tutti i capi rigorosamente con il logo alle maniche, Nero per la variante Gialla e Bianco per la Verde, Rossa, Blu e Azzurra.

Potrebbe interessanti anche il completo Silver-Vase GT Woman

Caratteristiche:

– Realizzata in Nylon e Cotone
– Foderata internamente con rete
– Logo Brema da cm 36 in eco-pelle
– Quattro tasche sul davanti e una interna
– Corpetto certificato con le protezioni alle spalle e gomiti
– Possibilità di inserire il paraschiena.

Colori disponibili: Verde (nuova colorazione), Rosso, Blu, Giallo e Azzurro.

Taglie Donna: dalla XS alla XL

Prezzo Brema Silver Vase J Woman: € 359,90

Brema-1969

Nata nel 1969 da Bruno Gioli, il marchio BREMA nasce dall’incontro tra la passione per il motociclismo fuoristrada e la necessità di trovare prodotti capaci di soddisfarlo. È stato il primo marchio a creare, nel mondo dell’abbigliamento moto, uno stile essenziale e moderno. La sostituzione di materiali come la pelle ed il cotone ingrassato, permise la realizzazione di nuovi capi, soddisfacendo così le nuove esigenze tecniche degli appassionati.

Già nel 1970 BREMA capì il valore della traspirazione del tessuto e realizzò delle giacche in una combinazione di cotone e poliestere, abbinando così la traspirazione all’alta resistenza della fibra. Il marchio BREMA portò inoltre importanti novità anche nel settore delle protezioni; fu infatti di BREMA l’idea di applicare protezioni removibili, offrendo così dei capi con migliore vestibilità e con il beneficio della protezione quando necessario. L’inserimento di una banda elastica nei pantaloni e nelle giacche favorì una libertà nei movimenti fino ad allora sconosciuta.

Niente veniva lasciato al caso e anche il verso delle cuciture aveva la funzione di rendere i capi più resistenti! “Innovazione” non solo per la tecnicità, vestibilità e design, ma anche per l’uso del colore; in un mondo dove i capi erano in prevalenza neri, per BREMA questo era un colore che non esisteva, quindi largo al rosso, al blu, al giallo…, una vera rivoluzione.

Nel 2000, Giovanni Barocci, per il desiderio di creare dei capi da moto, pensò a questo grande logo alle maniche che caratterizzava i capi Brema, e dopo aver rintracciato il proprietario, rilevò il marchio e, in funzione di un mercato che era cambiato, aggiunse alla linea tecnica, DNA del marchio, una prima collezione travel.

Maggiori informazioni: Brema-1969