Il costo della polizza RC per la moto dipende da molti fattori. In questo articolo vi diamo qualche informazione e consiglio per trovare la migliore assicurazione.

 

1. Cosa incide sul costo dell’assicurazione RC

Il costo della tua assicurazione moto varia in base a molti parametri:

  • la data di immatricolazione del mezzo: un mezzo immatricolato recentemente avrà una tariffa inferiore di uno più datato;
  • la cilindrata, l’alimentazione, la potenza e gli optional di serie presenti sul veicolo (ABS, scatola nera);
  • la classe di merito di provenienza e assegnata all’assicurato: varia tra 1 (più economica) e 18 (più costosa); 
  • l’età del conducente;
  • l’anzianità della propria patente;
  • località di residenza.

Proprio per tutte queste caratteristiche è difficile confrontare i costi delle polizze tra gli utenti. 

2. Garanzie accessorie: quali sono

Al costo base della polizza si possono aggiungere altre coperture che ovviamente faranno lievitare il prezzo.

  • assicurazione furto/incendio
  • assistenza stradale
  • infortunio conducente
  • tutela legale
  • protezione punti patente (copre tutti i problemi che possono sorgere in caso di perdita di punti, ritiro o sospensione della patente)
  • kasko

3. Quali garanzie accessorie sono consigliate

In caso di veicolo nuovo è consigliato assicurarlo per furto e incendio per i primi due/tre anni. Se la moto ha una valutazione alta, è un pezzo unico o raro il consiglio è quello di assisurarle sempre contro il furto.
Indispensabile l’assistenza stradale che potrà essere un investimento prezioso in caso di foratura, esaurimento carburante o altri problemi meccanici.
Anche l’infortunio al conducente è consigliato se non si possiede una polizza specifica: copre tutti i danni fisici subiti dal guidatore in caso di sinistro con colpa.
Per pochi euro in più (circa 20) conviene aggiungere anche la tutela legale che coprirà tutte le spese legali relative a qualsiasi tipologia di controversia.

4. Come funziona la polizza Kasko della moto

Indicata per i motociclisti alle prime armi, con moto costose o che viaggiano molto, la polizza Kasko assicura il rimborso di tutti i costi in caso di danneggiamento di moto, equipaggiamento o accessori, anche in caso di sinistro con colpa.

Da sapere
La kasko non copre:

  • danni alla vettura provocati da agenti atmosferici
  • atti vandalici
  • incendio, scoppio o tentativo di furto
  • danni causati da veicoli non identificati
  • danni provocati dal conducente non abilitato alla guida secondo le norme in vigore (per esempio senza patente o con patente non idonea)
  • danni provocati dal motociclista in stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti
  • danni provocati dal conducente escluso dalla formula di guida indicata nel contratto assicurativo
  • danni causati da urto con animali selvatici.

5. Attenzione ai massimali dell’assicurazione della moto

Quando si stipula una polizza RC si deve fare molta attenzione ai massimali. Per massimale si intende il livello massimo che può essere risarcito per i danni provocati a terze persone. Superato quel livello l’assicurato dovrà rispondere in prima persona e di tasca propria per tutti i danni che ha causato.
Ad oggi i massimali minimi delle assicurazioni RC sono di 1.220.000 euro per i danni alle cose e di 6.070.000 euro per i danni arrecati alle persone.
Se scegli un massimale più alto la tua polizza RC potrà coprire maggiori spese ma naturalmente ciò farà aumentare i costi annuali dell’assicurazione.

6. Assistenza clienti

Sicuramente un fattore che fa la differenza è l’attenzione che le assicurazioni hanno verso il cliente, la velocità nel rispondere a domande o in caso di incidente. Alcune assicurazioni hanno un numero verde dedicato ai clienti, altre un’app con assistenza virtuale o mail diretta. Le più costose hanno anche un ufficio fisico a cui rivolgersi.
Considerate queste opzioni prima di assicurarvi in modo da non aver brutte sorprese in futuro.

7. Sospensione della polizza

Per chi non utilizza la moto tutto l’anno può essere molto comodo scegliere un’assicurazione che permette di sospendere la polizza per un determinato periodo. Questa opzione permette di “congelare” la copertura da un minimo di un mese a un massimo di 6 o 9 mesi (variabile). E per un numero di volte stabilito nel contratto. La sospensione è spesso gratuita e può essere eseguita tramite app, sezione riservata del sito dell’assicurazione o via raccomandata A/R.

8. Le assicurazioni scelte dalle motocicliste

Abbiamo chiesto alle ragazze della community di MissBiker quale assicurazione hanno scelto per le proprie moto. Ecco i risultati su un campione di 300 motocicliste:

  • 17,6% Allianz
  • 17,3% Unipol Sai
  • 12% Genertel
  • 9% Prima.it
  • 8,3% Zurich Connect
  • 6,3% Motoplatinum
  • 5,3 Generali
  • 4% Verti
  • 4% Axa
  • 3% Itas
  • 13,2 altre assicurazioni

9. Come risparmiare sull’assicurazione moto

  • Condividi la classe di merito con un familiare
  • Vedi se ci sono offerte, promozioni o codici sconto
  • Scegli un’assicurazione sospendibile
  • Installa una scatola nera
  • Assicura auto e moto con la stessa compagnia.

10. Utilizza i comparatori online per scegliere la migliore assicurazione per la tua moto

Per confrontare le polizza e risparmiare sul costo dell’assicurazione moto puoi utilizzare i comparatori online come:

Non limitarti alle opzioni offerte sui comparatori ma controlla anche il sito delle maggiori assicurazioni.

MissBiker© 2021