Si è conclusa anche questa Dakar 2021 ed è stata un’edizione ricca di emozioni e adrenalina. Le donne in gara nella categoria moto erano quattro (Margot Llobera all’ultimo ha rinunciato) e tre hanno tagliato il traguardo finale.  Le parole d’ordine delle donne della Dakar sono state: perseveranza, tenacia e resilienza. Vediamo nel dettaglio le loro performance e risultati.

La Dakar 2021 di LAIA SANZ: la conferma di una leggenda

Laia Sanz
Provenienza: Spagna – Altezza/Peso: 180 cm / 78 kg – Team: Gas Gas – Sponsor: Gas Gas, Pont Grup, Red Bull, RACC, Laika, Scott

Dakar 2021: Laia Sanz

RANKING DAKAR

11 vittorie in moto nella categoria femminile
2021: Moto / 17° 1ª nella categoria femminile
2020: Moto/ 18° 1ª nella categoria femminile

2019: Moto/ 12°
2018: Moto/12°
2017: Moto/16°
2016: Moto/15°
2015: Moto/9° 
2014: Moto/16° 
2013: Moto/93° 
2012: Moto/39°
2011: Moto/39°

Laia Sanz è senza dubbio una delle icone della Dakar. La spagnola classe ’85 ha dimostrato ancora una volta la sua forza e le sue capacità. Nonostante un anno difficile dal punto di vista fisico, Laia è riuscita non solo a portare a termine la gara ma anche a migliorare il risultato dello scorso anno.
Nella prima tappa ha tagliato il traguardo al 32° posto scalando pian piano la classifica generale fino ad arrivare al 17° finale.

Solo due mesi fa, Laia Sanz dubitava di poter essere presente al via della sua undicesima Dakar. Non a causa della serie di infortuni che ha riportato nel 2020, come quello alla mano causato da una caduta nell’ultimo Rally d’Andalusia, ma per aver contratto la malattia di Lyme lo scorso autunno.

“Mi ha completamente stordito per sei mesi e non sono stata praticamente in grado di allenarmi per due”

ha raccontato la pilota ufficiale Gas-Gas al suo arrivo a Jeddah.

“Sto ancora prendendo antibiotici e mi aspetto una gara difficile. Anche se il mio obiettivo è finire di nuovo tra i primi 15, cercherò di prendere questa il via in modo responsabile senza alcuna pressione farò del mio meglio”

A Wadi Ad-Dawasir, Laia Sanz ha concluso la seconda tappa al 23 ° posto. Il giorno prima, a Bisha, aveva completato la prima speciale al 33° posto. La catalana ha concluso le prime due giornate, ritenute impegnative e difficili da tutte le concorrenti, con il sorriso sulle labbra.

“È strano. Anche se sono a corto di allenamento, mi sono sentita meglio il secondo giorno che il primo. Non sapevo se sarei riuscita a terminare la prima giornata ma alla fine ho avuto la sensazione di aver trovato il mio ritmo, quindi sono felice.”

Lontano dalla sua forma migliore, Laia sperava semplicemente di completare le due settimane della Dakar e affermava

“Vedremo come si svilupperà la mia condizione, non voglio preoccuparmene troppo”.

Aver partecipato alla Dakar 2021 in Arabia Saudita è stato un altro modo di dare l’esempio:

“Da quando correre è il mio lavoro, ho sempre dovuto lottare per guardagnarmi un posto e per ottenere un riconoscimento. È questa perseveranza che mi ha permesso di ottenere un posto come pilota ufficiale della squadra.”

LA DAKAR 2021 DI SARA GARCIA: UNA DETERMINAZIONE DA CAMPIONESSA

Dakar 2021: Sara Garcia

RANKING DAKAR

2021: Moto / 44° (12° Original by Motul)
2020: Moto / 86° (22° Original by Motul)

2019: Moto / Abbandono

Sara Garcia
Categoria: Original by Motul
Provenienza: Spagna – Altezza/Peso: 1,73 m / 64 kg – Team: Yamaha – Sponsor: Yamaha, Pont Grup, Larsson, Motocross Center

Alla sua terza partecipazione alla Dakar nella categoria Original by Motul (senza assistenza) ha dimostrato ancora una volta la sua determinazione piazzandosi al 12° posto. Nella classifica generale rientra nella top 50 raggiungendo la 44a posizione.

L’ultima tappa della Dakar 2021 si è svolta su un tracciato di 202 km  con 23 km in meno rispetto a quanto inizialmente previsto a causa delle piogge nella zona. È stata una gara impegnativa, non solo psicologicamente perchè ha decretato la classifica finale, ma anche dal punto di vista fisico con un tracciato che variava da piste sterrate e sabbiose a zone di pietra e un 11% di dune. 

Sara García ha mantenuto un ottimo ritmo ed è riuscita a finire la tappa con un tempo di 3 ore e 43 minuti, un’ora e 25 minuti dal vincitore.

La pilota di Zamora ha completato con successo la sua seconda Dakar consecutiva migliorando i record dell’anno scorso. 

LA DAKAR 2021 DI AUDREY ROSSAT: LA TENACIA DI ARRIVARE ALLA FINE 

Dakar 2021: Audrey Rossat

RANKING DAKAR

2021: Moto / 59°

Audrey Rossat
Provenienza: Francia – Altezza / Peso: 1,68 m / 70 kg – Team: K21 moto Dijon – Sponsor: K21 moto Dijon, E. Leclerc Trie Château, NOL-ERW Cover Frame, Kenny, Motul, FFM, Scorpion, Axp, MEDIA Shape, Loisirs off Road, LA Sellerie Design, OP Design, Helite Airbag, Enduro Club de Verrières 91, Sport Polizia Nazionale, FSPN, Sospensioni NR, Freni CL

Tra gli appassionati di enduro, Andrey Rossat è un volto noto: due volte campionessa francese (2009, 2010), campionessa europea (2014), ha partecipato a diversi campionati mondiali a squadre che ha vinto quattro volte.
La stoffa da campionessa si è vista anche nella sua prima Dakar tagliando il traguardo al 59° posto nonostante un forte dolore ai polsi, vari ematomi dopo una caduta nella penultima tappa e una costola incrinata.

La francese ha accusato la fatica fisica dall’inizio della seconda settimana di gara e ha lottato ogni giorno per resistere e completare il rally.

Nell’undicesima tappa Audrey ha raggiunto a denti stretti il ​​traguardo della prima speciale posizionandosi al sessantanovesimo posto, a 3 ore e 39 minuti dal vincitore della tappa. Dopo essere rimasta in sella della sua KTM per più di otto ore, ha ammesso di soffrire più di quanto avrebbe immaginato.

“Mi è stato detto che era facile e mi sono lasciata prendere in giro…”

scherza la motociclista che si è lanciata nell’avventura su consiglio del suo allenatore.

“È una gara lunga e tecnicamente difficile. Alla partenza della speciale sono riuscita a guidare bene e anche a superare gli altri piloti, soprattutto sulla sabbia, perché il dolore non è così insistente. Tuttavia, su un terreno roccioso mentre i chilometri iniziano a scorrere, ho difficoltà a tenere la moto e ad accelerare. E quando devo tirare su la moto è molto dura “.

Nonostante i diversi titoli di campionato francesi ed europei alle spalle e campionati mondiali a squadre, questa agente di polizia di professione non ha familiarità con la guida fuoristrada.

“Nell’enduro, anche nelle gare di sei giorni, non corriamo così tanto. Durante la quinta tappa ho passato più di quindici ore in moto. Non l’avevo mai fatto prima. Penso che si debba essere un po’ pazzi per farlo!”

Nonostante la sofferenza, Audrey non ha gettato la spugna e ha affermato:

“Sono qui per tutte le persone che mi stanno sostenendo e per l’impegno che ho messo per partecipare. Non mi diverto più a guidare o ad ammirare i paesaggi, ora si tratta solo di spingersi oltre la barriera del dolore – ora è una cosa puramente personale”.

Audrey Rossat non solo è riuscita a terminare la gara ma ha anche fatto registrare il suo record personale di velocità nella terza tappa (138 km/h) dietro solo a Toby Price.