Quando vogliamo comprare una moto nuova (o usata) dobbiamo fare i conti anche con tante altre cose: ci tocco bene? Quanto è alta? E’ sicura? La guida è semplice fin da subito? Per tutti questi motivi abbiamo chiesto a Miriam, motociclista esperta cosa ne pensasse della sua prima volta in sella alla Ducati Multistrada 950S. 

Prezzo in € da

Cilindrata CC

Potenza CV

Peso kg

Altezza sella mm

Agile, tecnologica e facile da guidare. Sono queste le tre caratteristiche che descrivono al meglio la Ducati Multistrada 950S. Il motore è il rinomato bicilindrico Ducati Testastretta 11° da 937 cm³ con distribuzione Desmodromica.
L’equipaggiamento di serie comprende il Ducati Quick Shift up&down (DQS), sistema grazie al quale è possibile salire e scendere di marcia senza utilizzare la frizione. Ciò significa maggior piacere di guida, facilità nell’affrontare tratti in fuoristrada e moto più riposante nei percorsi urbani.

Premetto che attualmente ho una Triumph Tiger 800 del 2013 che adoro e non sono affatto abituata alla tecnologia delle moto di oggi. Ho provato la Multistrada 950S e sono rimasta impressionata da tutto questo progresso. Esteticamente é davvero bella e non ha particolari che ne appesantiscano il look, piuttosto aggressivo per essere un enduro stradale. Ma questo conta poco dato che i gusti sono molto personali. Ho fatto un giro sui colli veronesi di circa 200 km e mi sono proprio divertita! Bisogna solo abituarsi ad anticipare il gas per chi viene da una moto come la mia e il gioco é fatto. 

La tecnologia di certo dà un grande aiuto nella guida: dai tasti a manubrio si possono modificare l’azione dell’ABS (in tre livelli), il controllo di trazione (8 livelli) e la mappatura motore. Sono 4 le riding modes disponibili:  Urban, Touring, Sport, Enduro.
Il gruppo ottico è corredato da un proiettore frontale full-LED con Cornering Lights (che illumina l’interno della curva per dare una maggiore visibilità).
L’altezza sella standard è di 840 mm ma è possibile metterla ribassata per arrivare a 820 mm.

Netta la differenza tra le mappature Urban, Enduro, Touring e Sport: molto tranquilla e pacata la prima, per un uso in città in mezzo al traffico, più agile e più pronta la seconda, fluida la terza ma è con la modalità sport che ci si diverte davvero e, se fosse per me, la terrei sempre.
La Multistrada 950S arriva ad alte velocità in un attimo ma resta stabile come se fosse su un binario. Mi sono sentita subito sicura ad affrontare tutti i tipi di curve e tornanti. Nella guida veloce all’inizio ho riscontrato qualche difficoltà nel cambio di direzione, come se risultasse pesante ma avendo i cerchi a raggi, più pesanti di quelli in lega, è una cosa normale. I cerchi a raggi premiano una guida più morbida ed enfatizzano il comfort nella guida turistica. Nelle curve veloci é pazzesca e non si scompone di un millimetro. L’ ho adorata in discesa perché le sospensioni non affondano sull’avantreno come succede in altre moto e i freni mi hanno dato molta sicurezza. Unica pecca, il freno posteriore con cui bisogna agire con forza ma chi possiede una Ducati probabilmente non sentirà nessuna differenza.

Ducati Multistrada 950
Ducati Multistrada 950

La Ducati Multistrada 950S è un po’ alta per il mio metro e sessantatre ma chi ha la fortuna di avere qualche centimetro in più non avrà nessun tipo di problema. Posizione in sella molto buona, idem per le pedaline, forse solo un po’ scomode al momento di appoggiare i piedi per terra. Ottimo il cambio elettronico se la si tiene a giri alti, un filo scorbutico a giri bassi e parlo da estimatatrice della leva della frizione.
Fantastica l’illuminazione che segue la curva. Il cambio della mappatura avviene in un attimo, solo un po’ più elaborato ma basta farci la mano. In definitiva una gran moto che può davvero farvi divertire in totale comodità e sicurezza.

Rider Miriam B.
Photo Credits Mirko B.
Special Thanx to Ducati Verona