Non ci sono più dubbi, l’estate 2022 è un delle più torride di sempre. Per non farci sconfiggere dal caldo nella stagione perfetta per andare in moto, vediamo qualche consiglio pratico. 

1. Resta idratata

Hai mai sentito parlare di esaurimento da calore? Succede quando vi è un “aumento improvviso della temperatura corporea, dato dall’impossibilità da parte dell’organismo di mantenerla a livelli standard in ambienti troppo caldi e umidi”.

I sintomi dell’esaurimento da calore possono comparire all’improvviso o manifestarsi gradualmente con il passare dei minuti. I più comuni sono:

  • calo della pressione sanguigna che può generare una sensazione di stordimento;
  • vertigini;
  • nausea;
  • sensazione di svenimento;
  • sudorazione abbondante in molte zone del corpo;
    pelle umida o fredda, associata a pelle d’oca, anche in condizioni di caldo estremo;
  • frequenza cardiaca debole;
  • mal di testa;
  • crampi muscolari.

L’esaurimento da calore può includere l’esaurimento dell’acqua e l’esaurimento del sale, quindi il consiglio è quellpo di bere molta acqua integrata da bevande sportive (per ripristinare gli elettroliti persi con il sudore) e snack salati.

Cosa fare:

Il modo più semplice per bere acqua durante la guida è indossare uno zaino per l’idratazione, che include una sacca d’acqua e un tubo per bere che può essere utilizzato in movimento, anche con un casco integrale. Se ne trovano a ottimi prezzi in tanti negozi sportivi oppure guarda qui.

  • Mai sottovalutare i sintomi dell’esaurimento da calore
  • Interrompere immediatamente quello che si sta facendo e riposarsi
  • Se si indossano indumenti stretti, pesanti e limitanti, allentarli o rimuoverli
  • Applicare impacchi di ghiaccio o asciugamani imbevuti di acqua fredda sul corpo. Le posizioni più indicate sono fronte, polsi, parte posteriore del collo o sotto le braccia.
  • Indossare abiti leggeri (guarda qui le giacche estive da moto)
  • Portare con sé acqua e bere con costanza, anche se non si avverte la sensazione di sete. Il corpo, infatti, può disidratarsi prima che i segnali siano evidenti. 

2. Evita alcol e caffeina

Lo sappiamo, l’alcol alla guida è qualcosa di assolutamente sconsigliato e, oltre lo 0,5% nel sangue, vietato in Italia. Ma dovresti evitare di eccedere anche dopo aver guidato perché l’assunzione di alcolici accelera la disidratazione.
Anche assumere troppa caffeina contribuisce alla disidratazione: oltre ad essere energizzante, agisce come diuretico e può perciò provocare perdita di idratazione. Insomma, meglio evitare gli eccessi di queste bevande.

3. Indossa abiti traspiranti

Abbiamo già parlato delle giacche estive che permettono di far passare l’aria quando siamo in moto, ma anche gli abiti sulla pelle fanno la differenza. Ci sono maglie traspiranti di tutti i tipi e costi, l’importante è che eliminino l’umidità dalla pelle, aumentando l’efficienza del raffreddamento evaporativo.

La sudorazione, infatti, è il modo in cui il nostro corpo regola la temperatura. Quando il sudore evapora, raffredda la superficie della pelle e più diventiamo caldi, più sudiamo (motivo per cui dobbiamo fare uno sforzo concertato per rimanere idratati).

Come mi devo vestire per andare in moto in inverno?

Non tutte le motocicliste decidono di affrontare l’inverno in sella, alcune scelgono di sospendere l’assicurazione e tengono la moto in garage, altre aspettano il tepore delle giornate più soleggiate della stagione fredda. Accessori come moffole o manopole riscaldate...

Mantenitore batteria moto: cos’è e come funziona

Se per qualunque motivo la tua moto resta ferma per qualche tempo (settimane o mesi) è bene utilizzare un mantenitore di carica che manterrà la batteria a pieno regime. Come funziona un mantenitore per batteria della moto Il mantenitore di carica si collega alla rete...

6 cose da sapere sulla pressione dei pneumatici

La giusta pressione dei pneumatici è indispensabile per una guida più performante e sicura. In caso di perdita di aderenza, consumo eccessivo di carburante, guida faticosa, prova a misurare la pressione prima di portare la moto dal tuo meccanico di fiducia, 1. Le 5...

5 consigli per andare in moto in sicurezza in autunno

L'autunno è arrivato e con esso i bellissimi colori e i paesaggi che virano dal giallo intenso al rosso. Ma sulle strade panoramiche che più amiamo  possono nascondersi delle insidie che in estate non sono così evidenti. Anche l'abbigliamento deve essere adeguato: si...

Le vibrazioni della moto danneggiano il tuo smartphone

Hai mai finito un giro in moto sentendo che il manubrio avesse trasmesso troppe vibrazioni alle tue mani? Quelle stesse vibrazioni possono essere anche la causa della rottura delle fotocamere del tuo smartphone. Lo ha affermato tempo fa Apple ma il problema è lo...

Mal di schiena in moto: cause, rimedi ed esercizi

Mal di schiena questo sconosciuto...che poi tanto sconosciuto non è! Diciamo che è spesso uno sgradevole compagno delle proprie giornate e, purtroppo, un passeggero indesiderato dei nostri giri in moto! Di sconosciuto, invece, ha spesso sia la causa del dolore che il...

5 cose da sapere sugli accessori moto aftermarket

Il mondo della personalizzazione è davvero vasto, specialmente nelle moto. In un'interessante diretta nella community di MissBiker, Biagio Calvaruso, titolare di Evotech ed esperto del settore, ha risposto a qualche nostra domanda sugli accessori aftermarket. Perché...

Curve lente, tornanti e manovre a bassa velocità

Qual è la soluzione per affrontare curve lente e tornanti? Rubiamola dal fuoristrada! Bentrovate per la mia rubrica tecnica! Ne abbiamo fatta di strada insieme finora: posizione in sella, psicologia alla guida, uso della vista, frenata e tecnica di curva...

Polizze RC moto e infortuni: 5 consigli dall’esperto

Quando prendiamo la patente e portiamo a casa la nostra amata moto, dobbiamo stipulare una polizza RC. Ma quali sono le specifiche da osservare con più attenzione? Cosa sono i massimali? Cosa è importante aggiungere? Abbiamo fatto queste e molte altre domande al...

Ginocchio a terra: ha davvero senso su strada?

Bentrovate miss! Oggi vi intrattengo con un articolo più leggero, parlando del tormentone per eccellenza dei motociclisti più smanettoni: il ginocchio a terra in strada. Molti biker, proprio come i cavalieri alla ricerca del Santo Graal, non si considerano realizzati...

4. Prova i gilet refrigeranti

Nelle giornate molto calde, aumenta il raffreddamento del corpo con un gilet refrigerate che può essere indossato sotto la giacca da moto. Alcuni modelli possono essere immersi in acqua e il tessuto incorporato in polimero consente all’evaporazione di avvenire lentamente, nell’arco di diverse ore. Pur conservando l’umidità, il gilet rimane completamente asciutto. Altri possono essere riempiti di acqua e hanno un “raffreddamento evaporativo a secco” che va meglio in caso di scarsa umidità.

Macna Cooling Evo

Ad esempio il Macna Dry Cooling Evo è un ottimo gilet che permette al calore del corpo e all’aria circostante di far evaporare l’acqua al suo interno. In questo modo la pelle di raffredda.

Quando il gilet è vuoto, basta aggiungere 600 ml di acqua del rubinetto e potrà rimanere fresco fino a tre giorni.

Molto leggero, il gilet pesa solo 1 kg quando è pieno ed è antibatterico. Il raffreddamento massimo è fino a 15 °C e dà una sensazione di asciutto.

Il costo indicativo è di € 160

5. Evita gli orari più caldi della giornata

Poiché i momenti in cui il calore è maggiore sono tra mezzogiorno e le 17:00, se possibile, pianifica di guidare durante le ore più fresche del mattino e della prima serata. Sveglia presto, fai una colazione leggera quindi mettiti in viaggio.
Puoi guidare per diverse ore, fare una pausa per il pranzo leggera e una “pennichella” all’ombra (questo è ciò che piace fare a molti moto viaggiatori).
Le uscite in prima serata possono essere una vera delizia, ma attenzione che l’alba e il tramonto spesso vedono una maggiore attività della fauna selvatica, come i cervi che attraversano la strada. 

6. Prenditi qualche pausa

Se sei come noi e ti piace viaggiare su strade secondarie panoramiche, capita di non fermarsi finché non si accende la spia del carburante. Ma spesso ciò significa guidare per diverse ore ed è sbagliato. Nelle giornate calde, sarebbe opportuno fermarsi più spesso. Se non indossi uno zaino per l’idratazione, le soste frequenti ti consentono di bere un po’ d’acqua e fare uno spuntino.
Togliti il ​​casco e versa dell’acqua fresca sulla testa. Cammina e fai degli allungamenti leggeri per far fluire il sangue in tutto il corpo. Magari siediti qualche minuto all’ombra. Ciò ti permetterà di goderti appieno il viaggio!