Non ci sono più dubbi, l’estate 2022 è un delle più torride di sempre. Per non farci sconfiggere dal caldo nella stagione perfetta per andare in moto, vediamo qualche consiglio pratico. 

1. Resta idratata

Hai mai sentito parlare di esaurimento da calore? Succede quando vi è un “aumento improvviso della temperatura corporea, dato dall’impossibilità da parte dell’organismo di mantenerla a livelli standard in ambienti troppo caldi e umidi”.

I sintomi dell’esaurimento da calore possono comparire all’improvviso o manifestarsi gradualmente con il passare dei minuti. I più comuni sono:

  • calo della pressione sanguigna che può generare una sensazione di stordimento;
  • vertigini;
  • nausea;
  • sensazione di svenimento;
  • sudorazione abbondante in molte zone del corpo;
    pelle umida o fredda, associata a pelle d’oca, anche in condizioni di caldo estremo;
  • frequenza cardiaca debole;
  • mal di testa;
  • crampi muscolari.

L’esaurimento da calore può includere l’esaurimento dell’acqua e l’esaurimento del sale, quindi il consiglio è quellpo di bere molta acqua integrata da bevande sportive (per ripristinare gli elettroliti persi con il sudore) e snack salati.

Cosa fare:

Il modo più semplice per bere acqua durante la guida è indossare uno zaino per l’idratazione, che include una sacca d’acqua e un tubo per bere che può essere utilizzato in movimento, anche con un casco integrale. Se ne trovano a ottimi prezzi in tanti negozi sportivi oppure guarda qui.

  • Mai sottovalutare i sintomi dell’esaurimento da calore
  • Interrompere immediatamente quello che si sta facendo e riposarsi
  • Se si indossano indumenti stretti, pesanti e limitanti, allentarli o rimuoverli
  • Applicare impacchi di ghiaccio o asciugamani imbevuti di acqua fredda sul corpo. Le posizioni più indicate sono fronte, polsi, parte posteriore del collo o sotto le braccia.
  • Indossare abiti leggeri (guarda qui le giacche estive da moto)
  • Portare con sé acqua e bere con costanza, anche se non si avverte la sensazione di sete. Il corpo, infatti, può disidratarsi prima che i segnali siano evidenti. 

2. Evita alcol e caffeina

Lo sappiamo, l’alcol alla guida è qualcosa di assolutamente sconsigliato e, oltre lo 0,5% nel sangue, vietato in Italia. Ma dovresti evitare di eccedere anche dopo aver guidato perché l’assunzione di alcolici accelera la disidratazione.
Anche assumere troppa caffeina contribuisce alla disidratazione: oltre ad essere energizzante, agisce come diuretico e può perciò provocare perdita di idratazione. Insomma, meglio evitare gli eccessi di queste bevande.

3. Indossa abiti traspiranti

Abbiamo già parlato delle giacche estive che permettono di far passare l’aria quando siamo in moto, ma anche gli abiti sulla pelle fanno la differenza. Ci sono maglie traspiranti di tutti i tipi e costi, l’importante è che eliminino l’umidità dalla pelle, aumentando l’efficienza del raffreddamento evaporativo.

La sudorazione, infatti, è il modo in cui il nostro corpo regola la temperatura. Quando il sudore evapora, raffredda la superficie della pelle e più diventiamo caldi, più sudiamo (motivo per cui dobbiamo fare uno sforzo concertato per rimanere idratati).

7 consigli per ritrovare confidenza con la tua moto

Quando si inzia ad andare in moto o subito dopo una caduta, può capitare di perdere la confidenza e farsi prendere da mille paure. Vediamo qualche consiglio che potrebbe esserti utile per risalire in sella e tornare a vivere la tua passione. Cadere, è successo a tutti...

Patente della moto senza esame: basterà un corso ma i costi?

In questi giorni entrerà in vigore la nuova normativa sulla patente A che porta vantaggi a livello burocratico semplificando le procedure. Il Senato infatti ha approvato il Decreto Infrastrutture-Bis, un grande cambiamento che piacerà ai motociclisti, che...

Pneumatici da moto: durata, mescole, equilibratura

I pneumatici sono davvero molto importanti e vanno scelti con attenzione.Lo sapevi che una stessa moto può essere più o meno maneggevole, più o meno piacevole e sicura da guidare, a seconda delle gomme che monta? Spesso si pensa di modificare le sospensioni e...

Spieghiamo la piega: come far curvare la moto in strada

Bentrovate miss! Come sta andando quest'estate a cinquantamila gradi? State girando, facendo ferie? Che estate strana, questa dove in teoria non si può nemmeno lavare la moto! Speriamo che la situazione migliori, ma nel frattempo ci rimane una buona fetta di stagione...

Come affrontare gli ostacoli quando si è in moto

Sono molti gli ostacoli che deve affrontare chi guida una moto soprattutto in città. Nei tratti urbani possiamo trovare superfici con poca aderenza, buche, binari di tram, foglie e molto altro. Vediamo qualche consiglio per poter affrontare questi pericoli.Ostacoli e...

La frenata, questa sconosciuta: quanto ci mette la moto a fermarsi

Bentrovate care miss alla mia rubrica tecnica! Oggi parlaremo di frenata!Quante di voi sanno la risposta alla domanda del titolo? Per mia esperienza poche persone hanno ben in mente come e quanto frena la loro moto. Anche la me stessa di qualche anno fa era all'oscuro...

Tutorial per sopravvivere quando si guida nel traffico in città

Guidare in città sta diventando sempre più difficile. Per chi guida una moto sembra di essere invisibile. Gente distratta da mille pensieri (e dagli smarphone) diventa inconsapevolmente un problema in più per i motociclisti. "Uscire in moto sulle strade pubbliche è un...

Capelli e casco: i consigli delle motocicliste per tenerli in ordine

I capelli sotto il casco da moto spesso diventano un problema. Se sono lunghi tendono ad aggrovigliarsi e se sono corti ad appiattirsi. Inoltre sono soggetti alla polvere e alla sporcizia. Come rimediare? Ecco i consigli delle motocicliste della community di...

Specchietti moto: perché sono importanti e come regolarli

Quando si guida una moto avere un’ottima visuale è un fattore fondamentale per la propria sicurezza. Gli specchietti retrovisori sono le risorse migliori per individuare e prevenire pericoli al di fuori del nostro campi visivo. SPECCHIETTI MOTO OMOLOGATI: COME...

La moto va dove il pilota guarda: il ruolo della vista nella guida

Bentrovate miss per un nuovo capitolo della mia rubrica tecnica!Oggi parleremo dell'uso della vista, in particolare del concetto "la moto va dove il pilota guarda", che insieme alla mente (vedi la scorsa puntata) è il direttore d'orchestra della nostra guida e...

4. Prova i gilet refrigeranti

Nelle giornate molto calde, aumenta il raffreddamento del corpo con un gilet refrigerate che può essere indossato sotto la giacca da moto. Alcuni modelli possono essere immersi in acqua e il tessuto incorporato in polimero consente all’evaporazione di avvenire lentamente, nell’arco di diverse ore. Pur conservando l’umidità, il gilet rimane completamente asciutto. Altri possono essere riempiti di acqua e hanno un “raffreddamento evaporativo a secco” che va meglio in caso di scarsa umidità.

Macna Cooling Evo

Ad esempio il Macna Dry Cooling Evo è un ottimo gilet che permette al calore del corpo e all’aria circostante di far evaporare l’acqua al suo interno. In questo modo la pelle di raffredda.

Quando il gilet è vuoto, basta aggiungere 600 ml di acqua del rubinetto e potrà rimanere fresco fino a tre giorni.

Molto leggero, il gilet pesa solo 1 kg quando è pieno ed è antibatterico. Il raffreddamento massimo è fino a 15 °C e dà una sensazione di asciutto.

Il costo indicativo è di € 160

5. Evita gli orari più caldi della giornata

Poiché i momenti in cui il calore è maggiore sono tra mezzogiorno e le 17:00, se possibile, pianifica di guidare durante le ore più fresche del mattino e della prima serata. Sveglia presto, fai una colazione leggera quindi mettiti in viaggio.
Puoi guidare per diverse ore, fare una pausa per il pranzo leggera e una “pennichella” all’ombra (questo è ciò che piace fare a molti moto viaggiatori).
Le uscite in prima serata possono essere una vera delizia, ma attenzione che l’alba e il tramonto spesso vedono una maggiore attività della fauna selvatica, come i cervi che attraversano la strada. 

6. Prenditi qualche pausa

Se sei come noi e ti piace viaggiare su strade secondarie panoramiche, capita di non fermarsi finché non si accende la spia del carburante. Ma spesso ciò significa guidare per diverse ore ed è sbagliato. Nelle giornate calde, sarebbe opportuno fermarsi più spesso. Se non indossi uno zaino per l’idratazione, le soste frequenti ti consentono di bere un po’ d’acqua e fare uno spuntino.
Togliti il ​​casco e versa dell’acqua fresca sulla testa. Cammina e fai degli allungamenti leggeri per far fluire il sangue in tutto il corpo. Magari siediti qualche minuto all’ombra. Ciò ti permetterà di goderti appieno il viaggio!