La campionessa del Campionato Mondiale Supersport 300 ha scalato la classifica dimostrando di sovvertire lo status quo di predominanza maschile

“La cosa più importante per me è vincere come un grande pilota. Quello era il mio obiettivo, il mio sogno “, dice Ana Carrasco, la prima donna motociclista a diventare un campione del mondo. Ha vinto il titolo World Supersport 300 in modo rocambolesco a settembre quando, dopo aver guidato il campionato per gran parte della stagione, la sua impresa storica è stata confermata solo all’ultimo giro della gara finale di Magny-Cours in Francia.

“Sono anche una donna”, dice Carrasco in un tranquillo pomeriggio a Getafe, alla periferia di Madrid, quando le viene chiesto del più ampio impatto del diventare campione del mondo. “Quindi è importante mostrare a tutti che una donna può essere brava quanto un uomo. È anche importante che ci siano più donne a partecipare al campionato del mondo nei prossimi anni. Questo è stato un grande momento per me – e per le donne nello sport “.

La ventunenne, originaria di Murcia, nel sud della Spagna, parla in modo intelligente. Mentre racconta della sua complessa strada come pilota femminile è facile immaginarla avvocato visto che attualmente è al secondo anno di università.

Carrasco è pilota professionista da quando aveva 16 anni, pagando di tasca propria tutte le spese per i primi tre anni, senza ricevere denaro. Nel suo modo semplice e diretto sottolinea come anche  i motociclisti maschi lottano all’inizio della loro carriera ma non soffrono l’isolamento che la Carrasco ha subìto quando è entrata nel campionato del mondo Moto3 nel 2013.

“Il primo anno è stato davvero difficile” ricorda. “I piloti non erano pronti per avere una donna in griglia. Non volevano aiutarmi ed è stato molto difficile. Ma a metà stagione ho vinto i miei primi punti e loro hanno iniziato a vedere che ero veloce.”

Qualcuno degli uomini le ha detto qualcosa di umiliante? “No, mai” dice Carrasco. “Posso solo immaginare cosa hanno pensato. Non volevano guardarmi e dovevo fare tutto da sola. Dovevo trovare la traiettoria da sola. Nuove piste, nuova moto ed è stato così difficile. Normalmente un giovane pilota trova un pilota più anziano che lo aiuta ad imparare le traiettorie. Dovevo imparare come essere veloce da sola. ”

Ana Carrasco

La Carrasco ha trovato il modo di sovvertire lo status quo. Nel 2014, ad Assen, invece di essere protetta dal sole da un ombrello tenuto da una sorridente “ombrellina” prima della gara, era accompagnata da un giovane il cui busto muscoloso era nudo. Carrasco gli si sedette accanto con il casco in testa e il visore alzato, impassibile e pronta a correre.

“La mia squadra era olandese e volevano esprimere qualcosa di diverso”, spiega. “Ero felice. Ho detto: “Hanno delle ragazze sulla griglia – perché non posso avere un ragazzo io?” Quindi per una gara è successo e abbiamo mostrato alle persone che le donne non devono semplicemente essere “ombrelline”. Possono correre anche loro. ”

Ana Carrasco

Nella stagione di debutto della Carrasco, a 16 anni, fu la prima donna a conquistare punti in una gara di moto di professionisti negli ultimi 12 anni. Ma le cose cambiarono presto. “Dopo il primo anno non avevamo sponsor. Ho perso le ultime quattro gare del secondo anno [2014] perché la squadra non poteva continuare. Poi nel 2015 ho corso ancora con un’altra squadra, ma non è stata competitiva. Quel momento è stato il più difficile, ma ho sempre creduto che qualcuno mi avrebbe dato l’opportunità di vincere “.

La vita era finanziariamente impegnativa. “Stavo correndo gratuitamente”, dice Carrasco. “Ho pagato tutte le mie spese, i miei viaggi, ma non ho ricevuto alcuna retribuzione.”

Nel 2017 ha preso la decisione coraggiosa di passare al nuovo campionato mondiale Supersport 300. Immediatamente ha trovato il team, ha guidato una Kawasaki Ninja 300 e ha cominciato a essere retribuita. “Ora sto salendo in alto, quindi è possibile avere dei buoni riconoscimenti economici. La Supersport 300 è stata un’ottima opportunità, ma è molto competitiva e una categoria più difficile rispetto a Moto 3. Devi correre in modo quasi perfetto perché se sbagli, finisci dietro “.

Nel settembre 2017, la carriera della Carrasco cambiò per sempre nel momento in cui realizzò la sua prima conquista nella storia sportiva. Divenne la prima donna a vincere una gara motociclistica del campionato mondiale quando, con un tempismo straordinario, sovrastò i due piloti in testa al campionato e li superò nei pochi secondi rimasti della gara in Portogallo. E’ stata una corsa brillante nell’attimo in cui trovò uno spiraglio sul tratto finale per superare Alfonso Coppola e Marc García.

“Stavamo lottando tanto per vincere e ho preso il comando 20 metri prima della fine. È stato uno dei giorni più importanti della mia vita perché ha cambiato la mia carriera. Ho mostrato a molte persone che sono abbastanza brava per vincere. Dopo questo ho avuto più opportunità – e sono andata in una squadra migliore [Kawasaki Ninja 400].

Prima di allora lei ne dubitava perché era una donna? “Sicuro. Ci sono problemi nell’essere una donna in questo sport. Il mio problema era che le persone non credevano che avrei potuto vincere. Ho detto molte volte che ero abbastanza brava ma è difficile per alcuni crederci. Dopo il Portogallo molte persone lo hanno accettato. ”

Ana Carrasco ha iniziato questa stagione con la vittoria nel campionato del mondo come suo obiettivo. Quell’ambizione divenne realistica quando conseguì una vittoria ad Imola e con un’altra vittoria nella successiva gara a Donington. “Imola era perfetta. Ero in pole [divenne la prima donna a raggiungere la pole position in una gara del campionato del mondo], ho vinto e ottenuto un buon vantaggio in campionato. A Donington ero venticinquesima sotto la pioggia nella prima sessione ma poi ho ottenuto la pole e la vittoria è stata molto importante. Successivamente le regole sono cambiate ed è stato difficile. ”

La Carrasco aveva 22 punti di vantaggio ma il cambiamento nei regolamenti ha riguardato anche la sua moto e lei ha faticato non poco. “Abbiamo dovuto aggiungere 40 chili alla moto. Quindi, all’inizio del campionato, avevo una moto molto buona, poi avevo una moto che avrebbe potuto raggiungere la top 15 – niente di più. Nelle ultime quattro gare non avevamo un buon set-up. ”

Il suo vantaggio si è ridotto a 10 punti prima della gara finale. “Ero in 25a in qualifica, e i miei meccanici hanno lavorato duramente la sera prima ma abbiamo riscontrato un problema alla sospensione anteriore. Magny-Cours è una pista in cui hai solo due o tre punti in cui superare. Il mio tabellone mi indicava quale posizione dovevo raggiungere. Sapevo che se Scott Deroue [il suo compagno di squadra olandese] avesse vinto, avrei potuto salire sul podio. Ma passare dal 25 ° al 3 ° era molto difficile. ”

Deroue era in testa fino al suo ritiro al sesto giro. L’unico rivale della Carrasco per il titolo era Mika Pérez. “Il board mi ha detto che se Mika avesse vinto, avrei dovuto finire almeno 10a.”

Carrasco era salita al 13° posto con Pérez in testa all’ultimo giro che sembrava essere ormai il campione del mondo. Ma la Supersport 300 è una competizione molto difficile e la Yamaha di Dani Valle superò Pérez all’interno. Valle ha mantenuto la sua traiettoria nell’ultima chicane e Pérez è arrivato secondo con Carrasco 13a. Era diventata campione del mondo per un solo punto.

Ana Carrasco

“Dopo la gara stavo solo aspettando che qualcuno mi dicesse se avevo vinto. Ho visto tutti i fotografi assiepati e ne conoscevo uno. Ho detto: “Ho vinto?” Ha detto: “Sì, sì, fermati qui!” Questo è stato il momento in cui l’ho saputo. Stavo piangendo di sicuro per la grande emozione. “È stato all’altezza del suo sogno di diventare campione del mondo? “Sì, ma c’è dell’altro”, dice Carrasco con un sorriso. “Era molto più di quanto mi aspettassi. Dopo questo la mia vita è cambiata. “

Ana Carrasco è stata elogiata da Marc Márquez e Jonathan Rea che in questa stagione sono diventati, rispettivamente, campioni del mondo MotoGP e Superbike. “Conosco Marc della Moto3. Ho un buon rapporto con lui e con Rea ora. Rea mi ha aiutato e mi ha detto alcune cose per aiutarmi a vincere il campionato. È importante che i migliori piloti abbiano fiducia e sentano di avere talento “.

La sua più grande ambizione è competere in MotoGP? “Sì, ma per il momento preferisco la Superbike. Dobbiamo essere tranquilli pensando al futuro. Sono molto giovane, quindi la prossima stagione voglio restare qui ed arrivare di nuovo in cima. Forse tra cinque anni potrei essere in [World] Superbike o MotoGP. ”

Le richieste fisiche della MotoGP saranno la sua sfida più difficile? “La moto è più potente in MotoGP e dovrò lavorare sul mio fisico. Sarà lo stesso se andrò su una 600cc. Ma con un allenatore puoi prepararti ad essere più forte. Il giovane Márquez che ha guidato un 125 non è lo stesso Márquez di adesso. Bisogna prepararsi per la MotoGP. ”

La Carrasco ha dedicato il suo titolo mondiale a un giovane spagnolo che non realizzerà mai il suo sogno. Luis Salom, il 24enne pilota della Moto2, morto durante il Gran Premio di Catalunya nel 2016. “Siamo stati buoni amici dal 2013 quando ho iniziato in Moto3. Così quando è morto ho fatto questa promessa a me stessa.: se vincerò il campionato del mondo, lo dedicherò a lui perché ha lottato tanto per essere un pilota. Sua madre mi ha chiamato il giorno in cui ho vinto e la vedrò a Maiorca a Natale. È felice perchè abbiamo ricordato Luis. ”

Carrasco è convinta che i giorni della discriminazione silenziosa siano finiti. Anche una svolta in MotoGP non sarà impossibile solo perché è una donna. “Avrò più opportunità ora”, sottolinea Carrasco. Sorride quando le viene chiesto se riesce a percepire un cambiamento di atteggiamento in griglia. “Dopo aver vinto il titolo penso che abbiano ancora più rispetto per me – non perché sono una donna ma perché tutti rispettano il campione del mondo”

Traduzione dell’articolo: Ana Carrasco: ‘Women don’t just have to be grid girls – they can race too’
di Donald McRae
Pubblicato su The Guardian.com

Yamaha con MissBiker al Wheels&Waves con una special XSR 700

Yamaha Italia ha scelto le ragazze di MissBiker per customizzare "al femminile" la nuova XSR700 che sarà svelata durante il famoso festival europeo Wheels&Waves. Ogni anno l'appuntamento è d'obbligo per tutti gli appassionati di moto in Europa: il...

Suzuki & MissBiker insieme all’EICMA 2017

Suzuki & MissBiker, la più grande community di donne motocicliste in Italia, collaborano da due anni per promuovere al mondo femminile la versatilità e la maneggevolezza delle moto Suzuki. Quest’anno, all’EICMA 2017, Suzuki ospiterà nel proprio stand...

MissBiker vola al Facebook Communities Summit Europe di Londra

MissBiker, il più grande network di donne motocicliste d’Italia, selezionato fra le realtà più importanti del nostro paese e protagonista al Facebook Summit di Londra. Al via questa settimana il Facebook Communities Summit Europe 2018, che si terrà a...

Un successo per il 4° Motoincontro Nazionale MissBiker

Alpe Cimbra (Trentino Alto Adige), 23 e 24 giugno 2018 Due giornate all'insegna del divertimento, della condivisione e della passione per le due ruote. Ecco riassunto il nostro motoincontro del 2018. La splendida cornice dell'Alpe Cimbra Lavarone, Folgaria...

SU DUE RUOTE. UNA STORIA DI LIBERTÀ FEMMINILE

ALL'INIZIO NON FU SEMPLICE...PER NULLA Questa storia inizia non su due piedi ma su due ruote, il 25 Luglio 1891. C’è una corrispondente (ne riparleremo) che scrive nel Chicago Tribune “La cosa peggiore che ho visto in vita mia è una donna in sella ad una bicicletta”....

Intervista a Livia Cevolini Ad Energica Motor Company

In un caldo pomeriggio di fine estate, e dopo aver provato la naked elettrica Energica Eva (della quale vi racconterò tutto nel prossimo articolo), sono arrivata nel nuovo quartier generale di Energica Motor Company: una delle eccellenze della Motor...

MissBiker alla BMW Motorrad GS Academy 2017

"Come vi chiamate, da dove venite e che esperienza di guida off-road avete?" Inizia così il corso della BMW Motorrad GS Academy presso la meravigliosa location del Borgo di Rivalta (PC), seguito da un’approfondita lezione teorica tenuta da Stefano...

Gianna Velarde ha battuto il cancro e correrà la Dakar Rally 2019

Dopo un'intensa battaglia contro il cancro, Gianna Velarde diventerà la prima donna pilota peruviana a correre il famoso Rally Dakar. "La moto mi ha dato molta forza, libertà e indipendenza. Scoprire tutte quelle cose a quel punto della vita probabilmente...

Ana Carrasco: “Le donne non devono essere solo ombrelline, possono anche correre”

La campionessa del Campionato Mondiale Supersport 300 ha scalato la classifica dimostrando di sovvertire lo status quo di predominanza maschile "La cosa più importante per me è vincere come un grande pilota. Quello era il mio obiettivo, il mio sogno ",...

Andare in moto riduce lo stress e aumenta la concentrazione

La ricerca commissionata da Harley Davidson conferma qualcosa che noi motociclisti sappiamo già! Sai perché vai in moto. Lo sappiamo tutti noi, giusto? È quella sensazione di libertà, la scarica di adrenalina, i benefici sociali di un giro in gruppo, ecc....