La ricerca commissionata da Harley Davidson conferma qualcosa che noi motociclisti sappiamo già!

Sai perché vai in moto. Lo sappiamo tutti noi, giusto? È quella sensazione di libertà, la scarica di adrenalina, i benefici sociali di un giro in gruppo, ecc. Tutti noi abbiamo capito fin dal primo giorno che un paio di minuti su una moto erano un modo sicuro per alleviare ogni fastidioso stress della routine quotidiana.

Bene, ora c’è uno studio dell’Università di Los Angeles California, finanziato da Harley-Davidson, che conferma ufficialmente tutti quei nostri pensieri disordinati e li inserisce in un contesto più ampio, più preciso e scientifico. In breve, sembra che guidare una moto ti dia gli stessi benefici di un allenamento leggero e diminuisca il cortisolo, l’ormone cattivo che segnala la presenza di stress.

I DETTAGLI DELLO STUDIO

Lo studio neurobiologico è stato condotto da un team di ricercatori del Semel Institute for Neuroscience e Human Behavior che hanno esaminato un gruppo di motociclisti esperti e in buona salute mentre guidavano le proprie moto su una rotta prestabilita per 22 miglia in condizioni normali.

I ricercatori hanno registrato l’attività cerebrale dei centauri e i livelli ormonali prima, durante e dopo aver guidato una moto e un’auto. Il team di ricerca ha monitorato l’attività elettrica del cervello e la frequenza cardiaca dei partecipanti, nonché i livelli di adrenalina, noradrenalina e cortisolo utilizzando la tecnologia EEG mobile.

I risultati hanno dimostrato che durante la guida in moto, i soggetti hanno sperimentato una maggiore attenzione sensoriale e una maggiore capacità di attenzione. La guida ha anche prodotto un aumento dei livelli di adrenalina, della frequenza cardiaca e una diminuzione dei livelli di cortisolo. Lo stesso tipo di risultati si ottengono spesso dopo una leggera sessione di allenamento, che aiuta a ridurre lo stress.

LA TECNOLOGIA UTILIZZATA

L’uso di questa tecnologia è stato abbastanza innovativo: “Fino a poco tempo fa, la tecnologia per misurare rigorosamente l’impatto di attività come il motociclismo sul cervello non esisteva”, ha detto il dottor Don Vaughn, il neuroscienziato che ha guidato il gruppo di ricerca . “Il cervello è un organo straordinariamente complesso ed è affascinante indagare sugli effetti fisici e psichici riportati dai motociclisti”.

Lo studio ha anche sottolineato questi punti chiave:

– La guida di una moto ha diminuito del 28% i biomarcatori ormonali dello stress.

– In media, guidare una moto per 20 minuti ha aumentato le frequenze cardiache dei partecipanti dell’11% e i livelli di adrenalina del 2%, simili all’esercizio fisico leggero.

– Quando è stata guidata una moto la messa a fuoco sensoriale (concentrazione) è migliorata diversamente da quanto è stato osservato nella guida di un’auto.

– I cambiamenti nell’attività cerebrale dei partecipanti allo studio durante la guida hanno indicato un aumento dello stato vigile, simile a quello prodotto dall’assunzione di una tazza di caffè.

Il rapporto completo, dal titolo “Gli effetti fisici e mentali di andare in moto”, che ha misurato le risposte biologiche e fisiologiche di oltre 50 motociclisti esperti che utilizzano la tecnologia EEG mobile sarà presentato entro la fine di quest’anno, secondo Harley.

“I risultati della ricerca che il dottor Vaughn e il suo team hanno identificato aiutano a spiegare cosa hanno provato i piloti negli ultimi 116 anni: c’è un’esperienza vitale e intensa che deriva dalla libertà di guidare una motocicletta. Speriamo che i loro risultati ispirino la prossima generazione di motociclisti a sperimentare questi benefici insieme a noi.”

Heather Malenshek

senior vice president of marketing and brand, Harley Davidson

E’ quello che il collega di Vaughn, il professor Mark Cohen della UCLA, ha detto che ci ha colpito:
“Mentre gli scienziati hanno studiato a lungo il rapporto tra cervello e risposta ormonale all’attenzione e allo stress, farlo in condizioni di vita reale come questi è raro. Nessun esperimento di laboratorio potrà comunque duplicare le sensazioni che un motociclista ha sulla strada.”

Traduzione dell’articolo di Cycle World

 

Laia Sanz contro il “machismo” nel motorsport

La pilota catalana più famosa nell'off road con all'attivo 13 titoli mondiali nel Trial, 5 Mondiali Enduro, 10 trionfi Europei nel Trial e per sei volte vincitrice nel Trail delle Nazioni ha espresso molte volte la sua opinione sulla presenza di donne nel...

U.S.A: le motocicliste raggiungono quota 19%

Il motociclismo femminile sta crescendo in modo globale, un fenomeno sempre più ampio che comprende moltissimi paesi al mondo. Mentre in Italia ci godiamo una crescita del 32,4% negli ultimi cinque anni (vedi articolo) con una motociclista donna ogni sei,...

UK: Belfast la città con più motocicliste

Una ricerca dell’assicurazione Carole Nash ha rivelato che Belfast è la capitale delle motocicliste in Gran Bretagna. Con il 16% di centaure la città nord irlandese supera Edimburgo (11%) e Londra (8%). La percentuale di donne che guidano una moto in tutto il Regno...

Ana Carrasco: “Le donne non devono essere solo ombrelline, possono anche correre”

La campionessa del Campionato Mondiale Supersport 300 ha scalato la classifica dimostrando di sovvertire lo status quo di predominanza maschile "La cosa più importante per me è vincere come un grande pilota. Quello era il mio obiettivo, il mio sogno ",...

200 MissBiker al 5° Motoincontro Nazionale

Nella giornata di sabato 29 giugno, quasi 200 motocicliste, arrivate da molte regioni d’Italia, hanno fatto tappa “Al Vecchio Mulino” di Vezzano, nel territorio di Vallelaghi (TN), per partecipare all’ormai consueto appuntamento annuale col motoincontro più atteso...