Dopo un’intensa battaglia contro il cancro, Gianna Velarde diventerà la prima donna pilota peruviana a correre il famoso Rally Dakar.

“La moto mi ha dato molta forza, libertà e indipendenza. Scoprire tutte quelle cose a quel punto della vita probabilmente mi ha reso una donna molto più potente in poco tempo. La moto era la mia valvola di sfogo, il mio mezzo per sentirmi forte e, soprattutto, sentivo di essere una vincente “.

Gianna Velarde

Gianna è salita su una moto a 15 anni e ha scoperto un mondo nel quale potersi confrontare con i colleghi maschi senza nessuna discriminazione, senza far capire che sotto quel casco ci fosse una donna.

Proprio grazie alle due ruote Gianna Velarde ha trovato la forza per sconfiggere il cancro ai linfonodi. Ha dovuto sottoporsi a un trattamento intenso con oltre 16 sedute di chemioterapia e altre 32 radioterapia. Ora, dopo aver passato il periodo peggiore della sua vita, questa ragazza peruviana di 24 anni, dovrà affrontare un’altra enorme sfida.

Gianna Velarde

“Il motociclismo è uno stile di vita per me”

Partecipando alla Dakar 2019 Gianna vuole che altre donne scoprano che è possibile affrontare anche le più grandi paure.

” Per me la Dakar è l’occasione per affrontare i miei demoni e iniziare un nuovo capitolo della mia vita. Sono sicura che la Gianna che terminerà questa Dakar sarà una persona molto diversa e che avrà entusiasmo per tutte le esperienze che vorrà fare ”

Gianna Velarde

Non c’è alcuna garanzia che Gianna Velarde sia in grado di completare la sfida estenuante della Dakar Rally. Ma lei promette di mantenere viva la sua passione per le moto e di condividerla con i bambini che soffrono di cancro aiutandoli in questo difficile percorso.

Fonti:
IMotorbike
Articolo di Bruno Gomes: “Gianna Velarde beats cancer and will race the 2019 Dakar Rally”
Inuth