La nostra MissBiker Fabien è appena tornata da un bellissimo viaggio in moto in Francia e ha condiviso con noi il suo itinerario con tanti consigli utili. 

Nei commenti ai miei post sulla community di MissBiker, durante il mio viaggio, mi sono state fatte varie domande. Spero che possa servire a qualcuna di voi se cerco di fare un riassunto del percorso che ho fatto, dove ho dormito, e qualche informazioni di carattere generale sul viaggiare in Francia in moto.
Personalmente prima di un viaggio vado a leggermi i forum, i report di viaggio, ecc… è un modo per informarsi ma anche per iniziare a vivere il viaggio, è utile ma anche piacevole.

Giorno 1: partenza per la Francia

Partenza da Cuneo con autostrada fino a Susa. Poi si esce per direzione Moncenisio e si prosegue attraverso strade dipartimentali fino a Bourg en Bresse passando da Chambery.
Ho dormito nell’albergo Ibis Style perché il Première Classe che avevo in mente di scegliere (più economico) era al completo.

Giorno 2: da Bourg en Bresse a Orléans

Sono arrivata a Orleans, vale a dire non lontano da Parigi. Ho attraversato tutta la Borgogna godendomi le strade dipartimentali, con il loro asfalto perfetto, traffico zero e paesaggi che ti viene voglia di fermarti a viverci. Se impostate su Google Maps il percorso senza autostrada né pedaggi avrete più o meno il percorso fatto. Dico più o meno perché ho girovagato un po’ in campagna, perdendomi un paio di volte.
Ho dormito nel Première Classe di Orleans.
N.B. Dico subito che i Première Classe dove sono stata erano corretti, nulla di più visto la fascia di prezzo. Non c’è da aspettarsi il lusso, i bagni sono come quelli della cabina di una nave. A me importa che siano puliti e che l’accoglienza sia gradevole. Avevo selezionato prima di partire quelli che avevano recensioni decenti. Hanno tutti il grande vantaggio di avere il parcheggio privato gratis.

Giorno 3

La Normandia!!!! Uno dei posti più belli di Francia! Me la sognavo da mesi, non mi pare vero di essere qua! Oggi sono partita presto da Orleans, volevo farmi la strada con calma e così è stato. Con un cielo spettacolare, le nuvole, ero così felice che a un certo punto ho lanciato un urlo a pieni polmoni, tanto non c’era un anima viva…
E poi l’oceano, d’un tratto davanti a me, la sua maestosità e la sua luce… che bellezza, che bellezza!

Google mi dava la scelta tra due percorsi, sempre senza autostrada. Ho scelto di non passare da Chartres dunque ho seguito Brou, Senonches, Brteuil, Yvetot, Etretat.
Ho dormito due notti in un campeggio, Etretat Aventure, a circa 6 km dalla cittadina. Ho affittato uno chalet e mi sono trovata benissimo. Si stava in mezzo al verde, un oasi di pace.

Giorno 4

Oggi partenza da Etretat per Bayeux, facendo tappa prima a Honfleur, poi al museo Memoriale di Caen, prima tappa della parte storica del mio viaggio. Purtroppo non sono riuscita a fare foto dal Ponte di Normandia, che si attraversa per superare la Senna a Le Havre.

N.B. a Etretat c’è un solo parcheggio per moto, gratis, e si trova proprio di fronte all’hotel ristorante l’Aiguille Creuse. Vi conviene impostare il ristorante su google Maps, vi porta dritto lì.

Giorno 5

Partenza per Bayeux passando da Honfleur e il museo Mémorial di Caen.
Qui c’è da aprire una riflessione sul Ponte di Normandia, che si deve attraversare per passare da una parte e l’altra della Senna. Ha una reputazione che intimorisce un po’, ma se non c’è un vento molto forte è un ponte normale, molto bello da attraversare. In caso di vento tipo quelli che ti spostano la moto, chi preferisce evitarlo può prendere un piccolo traghetto un po’ più a monte del fiume, da Port Jérôme a Quillebeuf sur Seine. Ma allunga di circa un’ora e mezza.
A Bayeux, cittadina deliziosa, ho dormito due notti nel solito Première Classe che, contrariamente al solito, è molto vicino al centro storico, ci si arriva in 10 minuti a piedi.

Il Ponte: lo temevo, un po’ perché avevo letto che col vento è pericoloso per i motociclisti, e poi perché Google Maps mi faceva vedere un intricato giro di svincoli che non mi diceva niente di buono. Insomma, non ero tranquilla. Tant’è che avevo quasi deciso di allungare un bel po’ e prendere il traghettino più a monte del fiume. Ma non mi andava proprio di cedere alla paura, e così l’ho attraversato, emozionandomi per la bellezza sontuosa della Senna e per avere superato i miei timori! Ero così orgogliosa che mi sono venute le lacrime, roba da matti…

E poi il Memoriale: sapevo che andare a sbattere con le atrocità della seconda guerra mondiale sarebbe stato un momento tosto, e infatti sono uscita da lì sconvolta, con un senso di tristezza e orrore che ho impiegato un bel po’ a diluire. Non ho fatto foto all’interno del Memoriale, non me la sono sentita.
Bayeux ha « le charme » delle cittadine di provincia francesi, con questa nonchalance bonaria che da voglia di passeggiare all’infinito. E una splendida cattedrale.

Per quanto riguarda il mangiare, da quelle parti si mangia bene un po’ ovunque a prezzi convenienti, che siano cozze, crêpes o altro.

Giorno 6

Visita dei luoghi dello sbarco in Normandia. Museo circolare di Arromanches, Omaha beach, i cimiteri americani e tedeschi.
Luoghi dello sbarco in Normandia, dove ancora adesso si respira la storia ovunque ci si gira. Anche perché il 6 giugno è il giorno della commemorazione e già da oggi (2 giugno) sbucano da tutte le parti mezzi della seconda guerra mondiale… jeep americane, side-car, addirittura due bombardieri che sorvolano la costa a bassa altitudine, e anche se si sa che è una specie di grande rappresentazione teatrale all’aria aperta, sono inquietanti lo stesso.
Oltre al Cinema circulaire à Arromanche, assolutamente da non perdere, ho visto Omaha beach, la Pointe du Roc e soprattutto i cimiteri sia americano che tedesco. Il primo proprio di fronte a Omaha beach, impressionante per la scenografia perfetta. Tombe bianche a perdita di vista, a migliaia, non un filo d’erba che supera l’altro… e poi quello tedesco, più defilato in mezzo alla campagna. Qui ogni tomba indica la data di nascita oltre che quella di morte. Ho iniziato a leggere e non riuscivo più a staccarmi… moltissimi non avevano più di 20 anni, molti anche meno, 18/19 anni… che vi devo dire, non mi hanno fatto meno pena degli altri, ragazzi triturati da una parte e dall’altra da un meccanismo inumano, insensato.
Domani partenza per la Bretagna dove, a sentire le previsioni, mi aspetta la pioggia. Ma ho vissuto 4 giorni in Normandia con il sole, è già un regalo del cielo, non posso chiedere miracoli

Lessinia in moto: un itinerario tra boschi e pascoli in Veneto

La Lessinia è una zona è un altopiano nelle Prealpi Vicentine, situato nella parte a nord di Verona. Le strade da percorrere in moto in questo territorio sono davvero molte e riservano al motociclista aria pulita e fresca grazie alle cime che raggiungono un'altitudine...

10 strade in Italia da fare in moto almeno una volta nella vita

Le strade da percorrere in Italia di certo non mancano e sarà anche per questo che i motociclisti nel nostro paese sono così numerosi. Dal Trentino alla Sicilia, dal Veneto alla Liguria, ogni regione ha un suo fascino unico che va assaportato sulle due ruote almeno...

Trentino in Moto: a spasso per la Val Di Cembra

In Val di Cembra tra vigneti e colline in una zona bellissima del Trentino orientale, al confine con l'Alto Adige e la Val di Fiemme. Passeremo anche per quest'ultima vallata ricca di scorci per poi tornare alla meta in Valsugana. Ecco l'itinerario di...

Svizzera in moto: itinerario in Engadina e i consigli di Viviana

Alla ricerca del fresco tra le bellissime strade della Svizzera e più precisamente in Engadina. Questo territorio è una valle di montagna nel cantone dei Grigioni, una delle zone abitate più alte d'Europa. La nostra Miss Viviana, ha condiviso con noi un suo itinerario...

Vacanze in moto 2022: le donne scelgono il Trentino Alto Adige

Tempo di vacanze in moto e di chiedere alle ragazze della community di MissBiker la meta preferita per quest'anno nel nostro consueto sondaggio. Non a sorpresa è ancora il Trentino Alto Adige la regione italiana più amata, seguita da Toscana, Veneto, Abruzzo e Friuli...

Itinerario moto in Veneto e Trentino: il giro dei laghi

Per questo itinerario in moto tra Veneto e Trentino mi sono ispirata a un giro fatto qualche settimana fa. Tra bellissimi passi, le Dolomiti e boschi che mi hanno regalato aria pulita e fresca, nel mio percorso ho incontrato anche piccoli laghi e bacini idrici che...

Austria in moto: le strade con divieti per motocicli rumorosi

In Austria i divieti di circolazione ai motocicli particolarmente rumorosi introdotti nell'estate del 2020 nell'ambito di una fase pilota, sono stati confermati per i prossimi anni dal 15 aprile al 31 ottobre. Il divieto si applica alle moto con rumore da fermo >...

Viaggiare in moto in Europa: la guida degli obblighi dei paesi

Se hai intenzione di fare un viaggio in moto in Europa, sarai soggetto a leggi e regolamenti che differiscono da paese a paese. Spesso le regole per le moto potrebbero anche essere diverse da quelle per le auto. Abbiamo cercato di riassumerle in questo articolo. ...

Viaggiare in moto in Europa: limiti di velocità e sanzioni

L'estate è il momento in cui tutti i motociclisti si spostano anche nei paesi europei e in molti casi è meglio non esagerare con la manopola del gas. Viaggiare in moto in Europa sapendo in anticipo i limiti da rispettare siamo certe potrà esservi molto utile. Le...

Viaggio in Marocco: il paese dai mille colori

Un viaggio in moto dedicato alla scoperta di questo bellissimo paese in compagnia di Lucina Marchese (Lucy Rider). Attraversando la Spagna giungeremo in uno tra i piu affascinanti e colorati paesi dell’Africa, un’esperienza sensoriale tra gli scenari piu’ diversi.Il...

Giorno 7

Partenza dalla Normandia per Dinan, in Bretagna, passando da Mont Saint-Michel. Ho seguito una strada nazionale, indicate con la lettera N e un numero, che in Francia sono di solito come le autostrade ma senza pedaggi.
Mont Saint-Michel l’ho visto da lontano, volutamente. Ci sono stata tante volte, e so bene che la magia di vederlo sbucare dal nulla in mezzo alla campagna è preferibile a una visita al suo interno, in quello che ormai è solo una patacca per turisti. Se ci volete andare, cercate di arrivare molto presto la mattina o dopo l’ora di cena, quando si svuota dalla bolgia di turisti.
Dormito in un B&B a una ventina di km dalla città, a La Gouesniere, “chez Régine”. Mi sarei trovata benissimo se purtroppo la signora non avesse avuto un malore nel pomeriggio e i famigliari non l’evessero accompagnata d’urgenza in ospedale. Pare che si sia ripresa ma il marito mi diceva che aveva intenzioni chiudere il B&B perciò non so se sarà un indirizzo disponibile in futuro.

Giorno 8

Proseguendo il mio viaggio in Francia in moto ho preso la strada dipartimentale fino a Cancale, poi Cap Frehel, che consiglio proprio di vedere, poi ho imboccato la Nazionale che passa da Saint-Brieuc e poi prosegue per Perros-Guirrec.

La Bretagne… dove la terra ferma è un ospite, e l’oceano il gigantesco padrone di tutto. Un senso di infinito e di pace totale davanti a questi paesaggi meravigliosi. Non saprei dire cosa mi tocca di più, tra la paciosa Normandia e l’asprezza di questa terra. La prima mi ricorda le donne dipinte da Botero, grasse e sode e sensuali… la Bretagna è invece spigolosa, colma e orgogliosa della sua identità celtica, percepisco che la si può avvicinare solo fino a certo punto, al di là del quale rimane segreta allo straniero. Che viaggio emozionante che mi sto regalando!

Dormito due notti nel posto più bello di tutta la vacanza, un B&B (che lì chiamano gîte d’hôte) a Penvénan, a pochi km da Perros. È difficile da trovare la prima volta perché le indicazioni di Booking sono errate. È un posto meraviglioso, e i padroni di casa fanno di tutto per rendere felici gli ospiti.

Giorno 9

Vedere la côte d’Armor sotto questo sole è uno spettacolo da rimanere senza fiato. Non perdete assolutamente Ploumanach, pare il paese più amato dai francesi, e prendete il tempo di percorrere a piedi il “sentier des douaniers” fino al faro e anche oltre. Vicinissimo a Penvénan, non perdetevi uno sguardo a Port-blanc. C’è una vista stupenda e un ristorante (l’unico) molto piacevole.
Di tanto in tanto qualcuno si ferma a chiacchierare e mi chiede:”ma viaggia da sola?”… non so se si stupiscono perché sono una donna o perché per molti la solitudine ha una connotazione negativa. A me basta la moto e un buon libro la sera, e se possibile un pain au chocolat la mattina!

Giorno 10

Partenza per Rennes con la Nazionale che ripassa da Saint-Brieuc. Quel giorno la meteo metteva pioggia tutto il giorno perciò ho scelto una città. Capoluogo della Bretagna, merita una visita.
Dormito all’hotel Actantis Voltaire, ottimo ma ci vuole una buona mezz’ora a piedi per raggiungere il centro. Parcheggio per la moto in sicurezza.

Giorno 11

Inizia il ritorno. Pioggia e vento forte tutto il giorno, è una tappa di trasferimento, fatta in autostrada passando da Laval e Le Mans. Nel pomeriggio il tempo migliora e vado a Amboise che sta a mezz’ora di strada. La dipartimentale costeggia la Loira ed è molto bella da fare. Dormito nel Première Classe.

Giorno 12

Partenza per Auxerre attraverso strade dipartimentali con visita di Blois. Ho scelto il percorso che passa da La Ferté-Saint-Cyr, Vouzon, Couillons, Giens fino a Auxerre dove ho dormito nel Première Classe. Anche questo un buon posto dove fermarsi, c’è un ristorante molto corretto.

Giorno 13

Strade dipartimentali da Auxerre per Chaon sur Saône passando da Vezelay (da non perdere), Avalon e Beaune. Dormito nel Première Classe di Chalon. Devo dire che le recensioni di Booking per la Francia sono abbastanza affidabili. Infatti mi sono trovata bene in tutti i posti dove mi sono fermata.

Giorno 14

Da Chalon sur Saône a Le Bourget-du-lac, vicino a Chambery, attraverso le dipartimentali che passano da Ourroux sur Saône, Cuisery, Bourg en Bresse, Ambérieu-en-Bugey, Belley. Dormito nell’albergo più caro di tutta la vacanza, circa 78€ con la colazione, ma che colazione! La signora prepara le marmellate lei stessa con la frutta del suo giardino. Quando è arrivata aveva le mani tutte rosse di succo di lamponi appena raccolti! 😄 E poi lei e la figlia sono incredibilmente simpatiche e calorose. Un ottimo ricordo.

Giorno 15

Dipartimentale fino a Lanslebourg-ne-Cenis, passando da Modane. Strada piacevolissima da fare, è stata un emozione vedere cambiare quasi di punto in bianco il paesaggio, la vegetazione, e rivedere le montagne.
Ho dormito a Chambre d’Etape, sulla via principale. Garage coperto per le moto, buon indirizzo ma non davano la colazione. Però 300 metri più avanti c’è una pasticceria che apre alle 7 e serve anche bevande calde. Se volete mangiare al ristorante pizzeria La Vanoise, tra il meglio recensito su google, dovete prenotare perché è molto richiesto. Si mangia bene e non è caro.

Giorno 16: fine del viaggio

Ritorno con passaggio di nuovo dal Mont Cenis e poi da Susa autostrada fino a Cuneo.

Informazioni utili su un viaggio in moto in Francia

  • Nel centro della Francia, ci sono zone dove i benzinai non sono frequenti. Sulle nazionali di solito si deve uscire verso i paesi confinanti per trovarne uno. Sulla strada per Tours, ho fatto un tratto di circa 60km prima di vederne uno. Invece in Normandia, Bretagna e Borgogna non ci sono problemi. Soprattutto in Borgogna praticamente ogni borgo ne ha almeno uno. Cercate di fare benzina quando potete nelle stazioni dei centri commerciali (Carrefour, Leclerc, Auchan), costa meno. Ormai in Francia la benzina costa più che in Italia.
  • In Francia è obbligatorio il kit di Pronto Soccorso e gilet catarifrangente se non avete parti visibili sulla giacca. Probabilmente non ve li chiederà nessuno ma la legge è questa.
  • Per quanto riguarda gli autovelox: sono tanti, si vedono all’ultimo momento perché sono grigi. Quando vedete un pannello che avvisa che ci sono, non è un bluff, ci sono. Di solito il limite sulle dipartimentali è di 80km/h ma in alcune zone, in partiticolare in Borgogna, ho trovato molte tratte 90km/h.
  • Per quanto riguarda i francesi: io sono di madrelingua francese perciò sono avvantaggiata, ma più giro la Francia più mi persuado che la gente al nord è più accogliente e disponibile che al sud, soprattutto dalla Costa Azzurra. Sono gentili, educatissimi nei confronti dei motociclisti.
  • Altra cosa, che siate su una Nazionale o su una stradina di campagna, troverete un asfalto che qua ce lo sogniamo. Non so come fanno ma è così, li vedi a volte rifare un asfalto che a noi sembra già perfetto così com’era… boh…
  • Il clima, infine: le nuvole viaggiano così veloci che non c’è da stupirsi se il tempo cambia cento volte nel corso della giornata. Tenete l’anti pioggia a portata di mano. Non mi ricordo dov’ero, un giorno c’era il sole e una sola nuvoletta neanche tanto grigia sopra la mia testa e pioveva! Ancora non l’ho capita questa cosa!

Fabien Mouton
ph. credits Fabien Mouton