Il Friuli è un territorio ricco di natura, storia e tradizioni. Percorreremo un anello con partenza e arrivo dalla rinomata città del prosciutto: San Daniele del Friuli. Non mancheranno curve e paesaggi montani ma lungo il tragitto potremo godere di strade immerse nel verde con laghi e borghi antichi.

  • Difficoltà del percorso 60% 60%
  • Natura 70% 70%
  • Storia e Arte 40% 40%

Numero Chilometri

Tempo stimato

Da San Daniele del Friuli al lago di Cavazzo

Saliamo in sella alla scoperta di questa straordinaria zona del Friuli. Partenza da San Daniele del Friuli in direzione nord: siamo nelle colline friulane e dolci distese verdi ci accompagnano fino ad attraversare il fiume Tagliamento.
Imbocchiamo la SP1 inoltrandoci nella Val d’Arzino, nelle Prealpi Carniche. Costeggiamo per vari chilometri il torrente Arzino e iniziamo a percorrere i cinque bei tornanti fino ad arrivare a Sella Chianzutan, a 954 m s.l.m., meta di molti motociclisti. Scendiamo verso Verzegnis affinacando l’omonimo lago che merita una sosta e arriviamo a Tolmezzo, il “capoluogo della Carnia”. Qui confluiscono le sette valli carniche e il territorio è attraversato da una strada, già esistente in epoca romana (la via Iulia Augusta), che attraverso il Passo di Monte Croce Carnico porta in Austria.

Prendiamo la SR512 superiamo Cavazzo Carnico e Somplago e alla nostra destra ecco il lago di Cavazzo, il più esteso tra i laghi naturali friulani, in tutta la sua bellezza. Si può sostare nella zona lungolago che è attrezzzata con panchine e zone picnic ombreggiate dagli alberi. 

Friuli in moto
Val d’Arzino
credits matteonnn
Friuli in moto
Riserva Naturale del Cornino
credits riservacornino
Friuli in moto
Venzone
credits francescaromana490

Da Bordano a San Daniele del Friuli

Ripartiamo in direzione sud-est sulla SP38 fino a Bordano, il paese delle farfalle. E’ possibile visitare la Casa delle Farfalle, museo che accoglie nelle sue serre più di 400 specie di farfalle libere. Il centro del paese è anche ricco di splendidi e colorati murales che ricordano il famoso insetto simbolo del luogo. Ci spostiamo quindi verso nord, riatraversando il fiume Tagliamento e imboccando la SS13 che ci farà arrivare all’unico borgo fortificato trecentesco in Friuli Venezia Giulia: Venzone. Proclamato Monumento Nazionale per il grande patrimonio artistico e uno dei borghi più belli d’Italia, merita una sosta per una camminata tra le mura e le viuzze caratteristiche. 

Ci spostiamo in moto verso sud direzione Gemona del Friuli, comune il cui centro è stato completamente ricostruito dopo il terribile terremoto del 1976, e percorrendo la SP12 superiamo Trasaghis e Peonis costeggiando il Tagliamento fino a giungere alla Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino. E’ uno dei luoghi più interessanti dell’intero arco alpino, dalle acque di un bellissimo colore verde-azzurro dove nidifica il famoso avvoltoio grifone. La SP84 ci riporterà in pochi minuti a San Daniele del Friuli e alla fine del nostro itinerario, pronti per una gustosa merenda a base di prosciutto in uno dei tanti prosciuttifici della zona.