Nel 1972, la diciassettenne tecnica di laboratorio Mary Connors stava sfogliando pigramente un giornale locale quando ha notato un piccolo annuncio: “Si cercano ragazze che vogliono andare in moto, sarà data una formazione completa”. E’ proprio da qui che è iniziato il progetto delle Motobirds, il primo team britannico di stuntwoman tutto al femminile.

“Onestamente pensavo che sarebbe stato per consegnare pizze”, dice Mary – ora Weston-Webb – a MCN. “Ma ero stanca di lavorare in laboratorio, quindi ho deciso di saperne di più. Sono andata in questo strano posto a Syston, cinque miglia a nord di Leicester. Il cartello sulla porta diceva ‘Scuola di acrobazie per ragazze – Colpo di karate per entrare!'”

Aprendo la porta, Mary non si rendeva conto che quello che stava per fare avrebbe cambiato il corso della sua intera vita e l’avrebbe trasformata da adolescente annoiata in una stuntwoman di livello internazionale come parte delle Motobirds, la prima squadra di acrobazie motociclistiche tutta al femminile della Gran Bretagna.

Motobirds: Qualcosa di diverso

Da un’idea dello showman del Leicestershire, Joe Weston-Webb, le Motobirds sono nate dal desiderio di fare qualcosa di un po’ diverso.

“Joe aveva una squadra di acrobazie esistente chiamata Destruction Squad, sei ragazzi e una ragazza, Teresa King, che facevano queste incredibili e spericolate imprese negli spettacoli. Ma era stanco che gli altri copiassero il suo numero, così un giorno gli venne l’idea di avere una squadra di sole ragazze, perché all’epoca era qualcosa che nessun altro stava facendo”, dice Mary. Joe ha addestrato Teresa a fare acrobazie in moto, quindi ha fatto delle inserzioni per trovare altre che si unissero a lei.

“Ha avuto un’enorme risposta alle pubblicità e alla fine ha preso me e un paio di altre, e ci hanno anche insegnato tutto”, aggiunge Mary.

Dato che nessuna delle ragazze aveva molta esperienza in moto, l’allenamento è iniziato con le basi prima di passare rapidamente a manovre più estreme.

“Non era il modo in cui normalmente impareresti ad andare in moto”, ammette Mary. “Siamo sempre state in piedi o rivolte all’indietro o cose del genere. Dopo aver appreso i controlli, abbiamo imparato a impennare. Sì, siamo cadute molte volte quando abbiamo iniziato e abbiamo preso la nostra giusta dose di colpi, ma ci ha reso molto, molto dure.”

Motobirds

Motobirds vs White Helmets

Negli anni ’70, le Motobirds si espansero da una squadra di tre, a sei e poi a un’intera troupe, mentre trascorrevano le loro estati in tournée nel Regno Unito.

“Ho fatto dei grandi salti”, dice Mary. “O saltavamo sopra le altre ragazze o prendevamo volontari dal pubblico. Una volta eravamo a un evento con Chris Tarrant e il team di Tiswas. Penso che fossero abbastanza ubriachi perché li abbiamo convinti a sdraiarsi per il mio salto. Mentre ero a tutto gas, Chris Tarrant si è alzato e ho dovuto sterzare intorno alla rampa all’ultimo minuto per evitare di colpirlo! Così da quel momento abbiamo dovuto diventare un po’ più severe su ciò che potevamo saltare!”

Sebbene il motociclismo fosse a quel tempo dominato dagli uomini, Mary dice che le Motobirds furono sempre ben accolte, anche quando si scontravano testa a testa con il leggendario team di esibizioni di Royal Signals, i White Helmets.

“All’inizio eravamo spaventate a morte da ciò che i motociclisti avrebbero pensato di noi, perché facevamo solo quello che sapevamo fare e nessuna di noi aveva la patente per le moto. Pensavamo che i veri motociclisti ci avrebbero ridicolizzato, ma in realtà sono stati tra i nostri migliori spettatori.

“Una volta, eravamo allo stesso evento del team di Royal Signals ed eravamo sconvolte dal fatto che fossimo nello stesso cartellone. Come potevamo competere contro questi stuntman professionisti dell’esercito a tempo pieno? Eravamo solo sei ragazze relativamente inesperte che si allenavano part-time.

“Nel loro spettacolo il finale prevedeva che tutta la squadra saltasse un’auto. A quel punto Joe è entrato nell’arena e li ha sfidati a un salto di qualità, dichiarando che le Motobird avrebbero saltato due auto per la lunghezza! In realtà non avevamo due macchine da usare, quindi abbiamo chiesto aa Royal Signals se potevamo prendere in prestito le loro.

“Ovviamente, erano riluttanti a darcele, ma hanno dovuto cedere alle pressioni del pubblico che aveva iniziato a fischiare. Joe ha dato loro un deposito di £ 300 nel caso in cui le avessimo danneggiate durante l’atterraggio. Sono andata avanti e ho saltato due macchine. Dato che ai Signals non era permesso cambiare il loro spettacolo con un salto di due macchine, avevamo vinto la sfida e il pubblico l’ha assolutamente adorato. Avevamo battuto i White Helmets!

Un weekend pazzesco per il motociclismo femminile

E' stato un weekend da ricordare per il motociclismo femminile. Le pilote hanno dimostrato ancora una volta di voler fare la differenza e hanno dato spettacolo. Vediamo cos'è successo.IN MOTO3 due donne in gara e il primo team tutto al femminile Il Gran Premio di...

Speedway: Celina Liebmann vice campionessa tedesca U21

Il titolo del campione tedesco delle giovanili è stato vinto da Erik Bachhuber, ma è stata Celina Liebmann a fare l'impresa salendo sul secondo gradino del podio nel campionato tedesco di speedway under 21. Ne avevamo scritto qualche settimana fa, in occasione della...

Toni Sharpless e Kathleen Coburn: le due canadesi nella Motorcycle Hall of Fame

Determinate, combattive, pronte a superare ogni limite. Kathleen Colburn e Toni Sharpless sono state due pilote che hanno fatto la storia del motociclismo femminile, anche se sono poco conosciute qui da noi. Entrambe nate in Canada, sono state inserite nella...

Pakita Ruiz per la settima volta campionessa ESBK

Sette volte campione di Spagna, senza rivali e mostrando una superiorità imperiosa. Pakita Ruiz è diventata ancora campionessa della ESBK femminile 600cc.  La pilota del team Demoliobras GvStratos ha conquistato a Navarra, lo scorso fine settimana, la sua settima...

ISDE 2022: Women’s World Trophy alla Gran Bretagna

Nella Sei Giorni di Enduro (ISDE) 2022 grande vittoria della Gran Bretagna femminile capitanata e trascinata da Jane Daniels (Fantic). Il team anglosassone ha superato Francia e Australia, rispettivamente seconda e terza classificata.  Se ne parla poco del trofeo...

WMX: Nancy Van de Ven campionessa mondiale 2022

Nancy Van de Ven è la nuova campionessa mondiale di Motocross Femminile con 201 punti, a seguire con solo 18 punti in meno Lynn Valk e terza Larissa Papenmeier. Nancy Va de Ven ce l'ha fatta ed è la regina della WMX 2022. Dopo essere finita per 5 volte seconda nel...

Sara Sanchez: campionessa ibero-americana velocità

Lo scorso fine settimana si è svolto presso l'Autodromo Hermanos Rodríguez di Città del Messico il Campionato Iberoamericano di Velocità. Due le spagnole presenti: Sara Sánchez e Andrea Sibaja.  L'evento, frutto dell'iniziativa della FIM America Latina,...

Luna Hirano: 22a l’unica donna della 8 ore di Suzuka

Luna Hirano, pilota giapponese classe '99, riesce ad ottenere un ottimo risultato nell'iconica gara endurance della 8 ore di Suzuka, in team con Masahiko Oishi e Toshiki Kajiyama. Luna Hirano dalle corse all'endurance Luna Hirano, nata a Tokyo, è salita per la prima...

Speedway: la tedesca Celina Liebmann nella storia

Celina Liebmann a soli 20 anni è entrata nella storia. La tedesca è stata la prima donna a partecipare ad una gara FIM Speedway e a guadagnare punti. E nel frattempo il movimento femminile dello speedway continua a crescere. Lo speedway non è di certo una disciplina...

Nancy Van de Ven vicina al titolo mondiale WMX

Manca solo una gara per decretare la campionessa del mondo WMX del 2022. In cima alla classifica con 173 punti l'olandese Nancy Van de Ven che ha quasi la vittoria in pugno anche se la sua connazionale Lynn Valk è a soli 25 punti di distanza. Sarà una gara emozionante...

Da sola

Mentre Evel Knievel stava eseguendo il suo salto allo stadio di Wembley a Londra, le Motobirds stavano saltando con le loro Kawasaki KS125 in tutto il Regno Unito e oltre, visitando fiere della contea. Ma dopo un periodo di quattro anni come una squadra, Mary e Joe hanno deciso di continuare da sole.

“Joe ed io alla fine ci siamo sposati e siamo stati in tour in tutto il mondo con me che facevo spettacoli come stuntwoman solista. Ho anche lavorato per la televisione, i film e la pubblicità, e sono arrivata all’Equity Stunt Register, il che è stato un po’ un colpo di fortuna perché lasciavano entrare solo quattro persone all’anno e molto raramente donne. In effetti, in un progetto ho finito per fare da controfigura per John Cleese – il che era bizzarro se ci pensi! Ho dovuto andare in moto con quelle scarpe enormi! Non so perché sono stata scelta!

“Ho fatto una pubblicità per le sigarette Benson e Hedges, che prevedeva di saltare attraverso il fuoco. Ma ho fatto ciò che era necessario, anche se ricordo di essere stata piuttosto seccata dal fatto che la modella che avevano preso per le belle mani e unghie per la ripresa ravvicinata del manubrio, guadagnasse più di me. Non potevano usare le mie mani perché erano mani da motociclista, tutte sporche e malconce!”

La carriera di stuntwoman di Mary è durata 12 anni, fino a quando lei e Joe hanno messo su famiglia.

“Era una vita incantata”, ricorda. “Abbiamo fatto molto e siamo riuscite a farla franca. Non credo succederebbe in questi giorni, la salute e la sicurezza non lo permetterebbero. Ma è stata un’esperienza fantastica. Ci siamo allenate bene e siamo state sponsorizzate per moto e kit, e alla fine non abbiamo dovuto prenderci cura delle moto da sole come facevamo all’inizio. Gli organizzatori degli spettacoli erano sempre molto desiderosi di farci rimanere all’evento dopo che ci eravamo esibite perché la folla voleva sempre seguirci, quindi potevamo salire gratuitamente su tutte le giostre della fiera. Avremmo persone che volevano i nostri autografi ed è nato pure un fanclub.

“Eravamo le Motobirds, ma eravamo solo ragazze normali di Leicester. Fino a quel momento, non ero mai stata nemmeno in un ristorante e poi, solo pochi anni dopo, vincevo e cenavo con le stelle, girando il mondo e guadagnando più soldi di mio padre”.

“Il mondo è un posto diverso ora. A quei tempi, l’intrattenimento dal vivo era enorme e avere 10.000 persone a uno spettacolo di contea in un sabato estivo era la norma – non è più così in questi giorni. Immagino che gli spettacoli acrobatici siano caduti in disgrazia perché sono pericolosi e le persone si sono ferite o rimaste uccise. Joe lo ha sempre reso il più sicuro possibile per noi: sembrava folle dall’esterno, ma ogni salto è sempre stato ben provato”.

Dopo aver preso strade separate nel 1976, alcune delle Motobirds sono tornate insieme nel 2016, dopo che One Show della BBC ha lanciato un appello affinché le pilote si mettessero in contatto.

E’ stato meraviglioso. Avevo spesso pensato di rintracciarle, ma poiché la maggior parte aveva cambiato nome dopo il matrimonio, è stato estremamente difficile. Ma è stato bello ricordare ciò che abbiamo ottenuto. Ci siamo davvero trovate benissimo assieme”.

Fonte: MCN