“Mandello Delirium” è il titolo dell’ultimo di libro di Stefano Zonta, scrittore e guzzista che ha creato questo gioco di parole per descrivere l’emozione unica che accomuna gli appassionati di Moto Guzzi, soprattutto quando si ritrovano proprio a Mandello del Lario, dove tutto ebbe inizio.

Ed è in occasione del momento più importante per la comunità guzzista degli ultimi anni che Zonta ha deciso di pubblicare il suo quarto libro, ovvero il centenario di Moto Guzzi. Un libro dal linguaggio schietto, in cui l’autore racconta alcune esperienze significative e la magia del viaggio on the road, in sella alla sua mitica Le Mans 1000.

Oltre ai viaggi estremi, alle uscite con gli amici, ai momenti felici e alle difficoltà, Stefano dedica un intero capitolo anche alla sua personale percezione delle donne nel mondo delle moto. Un mondo, come dice lui, “tutto da scoprire, fatto di miti e preconcetti da sfatare”. Il fascino della donna su una moto per Zonta non si traduce nelle immagini del solito immaginario maschilista, frutto di stereotipi dettati da una società patriarcale ancora duri da abbattere. Per l’autore, il binomio “donna-moto” significa potere, o meglio “empowerment”, grinta e abilità di guidare questi “ferri pulsanti”, troppe volte reputati non adatti alle caratteristiche del corpo e della personalità femminili dal pubblico maschile.
Preconcetti arcaici, discriminanti e vergognosi per uno come Stefano che rispetta le donne e ne ammira la forza e la bellezza in tutte le loro sfaccettature.

In questo libro l’autore parla spesso delle centaure di Miss Biker, che accompagna durante vari eventi e le definisce “donne fatte di una pasta diversa, di quelle che piegano una BMW 1200 GS (mica roba da cinquanta chili!) come non ci fosse un domani” e alle quali rivolge un messaggio e un ringraziamento speciale: “Per tutte loro sono stato, e lo sarò finché vorranno, lo staffetto in Guzzi”.

Ed è proprio insieme alla community di Miss Biker che Stefano Zonta parteciperà alla seconda edizione dell’evento “Motori e Fiori” organizzato da Barbara Andriolo nel suo splendido vivaio di Osoppo (UD), il giorno sabato 13 novembre. Parteciperà all’evento anche Mauro Dagri, proprietario del concessionario di moto Dagri, storica realtà commerciale del Friuli Venezia Giulia.

Sono invitate tutte le persone appassionate di moto e di fiori, perché queste due parole messe insieme non creano soltanto una graziosa rima: si tratta di mondi apparentemente distanti e quasi opposti, ma uniti dalla bellezza intrinseca di forme, simmetrie e odori unici, ma soprattutto dalla potenza delle emozioni che possono dare.

Quando: Sabato 13 Novembre ore 15.00
Dove: Vivai Andriolo Via Giacomo Matteotti, 100, Osoppo UD
Entrata libera, non serve la prenotazione.

Per una migliore organizzazione segna la tua partecipazione sull’evento cliccando il bottone qui sotto.