E’ notizia di ieri il frontale di un motociclista inglese a 113 km/h contro un’auto avventuto qualche mese fa. La polizia del South Yorkshire, Gran Bretagna, ha diffuso questo messaggio venerdì scorso dopo le immagini scioccanti che raccontano l’incidente.

“In un mondo ideale, tutti dovrebbero guidare con attenzione, ma purtroppo non è così. Il guidatore incriminato non aveva precedenti, ma in questa occasione ha dimostrato un’eccezionale mancanza di giudizio. Per fortuna, il motociclista indossava una tuta in pelle con airbag che si è attivato mentre veniva sbalzato in aria. Senza, in una collisione a quella velocità, molto probabilmente sarebbe morto”.

L’idea dell’airbag per motociclisti deriva dai sistemi di sicurezza integrati ormai in tutte le auto. L’airbag non è altro che un cuscinetto che si gonfia ad alta velocità per limitare i danni ai guidatori. Ma come trasportare la cosa dal pilota d’auto al motociclista?
La risposta ci ha messo parecchi anni e test per diventare realtà e poi essere a disposizione dei consumatori. Ormai le maggiori aziende di abbigliamento per motociclisti (ma non solo) hanno sviluppato il loro modello con caratteristiche diverse.

Gli airbag si dividono in due tipologie:
a innesco meccanico: un cavo viene collegato alla moto e in caso di forte trazione attiva il dispositivo gonfiandolo rapidamente;
a innesco elettronico (stand alone): un sistema composto da sensori avanzati determina l’accelerazione e la posizione del motociclista attivando l’airbag in caso di movimenti riconducibili ad una caduta o impatto.

COM’E’ FATTO UN AIRBAG PER MOTOCICLISTI

Gli airbag possono essere indossati sopra o sotto la giacca da motociclista. In questo articolo analizzeremo l’airbag eVest Clip-in di Held.

L’eVest Clip-in è il primo prodotto di Held Biker Fashion a introdurre la tecnologia IPS. Per un utilizzo confortevole si è scelto di creare un gilet airbag da indossare sotto una qualunque giacca Held con tecnologia Clip-in.

Il cuore del sistema è In&box del fornitore francese In&motion. Questo apparecchio utilizza un algoritmo intelligente che determina l’accelerazione e la posizione del motociclista 1000 volte al secondo utilizzando sensori integrati, e attiva l’airbag in frazioni di secondo nel caso di incidente [DETECT].

Il cuscino dell’airbag si gonfia in meno di 60 millisecondi per assorbire l’energia dell’impatto, stabilizzando il corpo di chi lo indossa ed evitando eventuali lesioni alla colonna vertebrale e agli organi vitali [PROTECT]. Grazie ai dati raccolti da In & Box, l’azienda In & Motion può migliorare regolarmente il sistema e il rilevamento dei dati [PERFECT].

Nell’airbag elettronico non è previsto nessun collegamento alla moto, non è quindi necessario installare sensori.
Tutti gli aggiornamenti gratuiti possono essere installati tramite USB, WiFi o Bluetooth®. Il modulo di controllo In & Box è installato nel guscio posteriore del gilet perciò tutto l’hardware e il software necessari sono inclusi nel capo.

Il gilet eVest è realizzato in Sensitive Mesh, con inserti traforati e traspiranti, fodera 3-D sulla schiena e parti in plastica rigida sul dorso. Il capo ha al suo interno un paraschiena certificato e un velcro per inserimento delle protezioni toraciche opzionali.

Taglie: dalla S alla XXL
Prezzo: € 349,95

DOMANDE FREQUENTI SULL’AIRBAG

Meglio un airbag o un paraschiena?

Un paraschiena è un dispositivo che distribuisce la forza d’urto sull’intera superficie. L’airbag gonfiato permette all’aria di assorbire la forza dell’impatto rendendola pressochè innocua per il motociclista. È stato stimato che un airbag arrivi a proteggere fino a 20 volte più di un paraschiena.
E’ comunque consigliato sempre l’utilizzo del paraschiena anche quando di indossa un airbag (a meno che non sia integrato ovviamente).

QUALI SONO LE DIFFERENZE TRA UN AIRBAG MECCANICO E UNO ELETTRONICO IN TERMINI DI VELOCITA’ DI ATTIVAZIONE?

L’airbag meccanico è un sistema agganciato al veicolo tramite un cavo. Quest’ultimo, se sottoposto a una certa trazione, fa scattare l’airbag con un tempo di attivazione compreso fra i 150 e i 200 millisecondi.

L’airbag elettronico – chiamato anche stand alone – riconosce la dinamica di un incidente e si attiva senza il bisogno di supporti meccanici. Il tempo di attivazione solitamente è meno di 90 millisecondi (nel caso di EVest di Held si scende a 60 millisecondi).

POSSO INDOSSARE L’AIRBAG SOTTO AD UNA GIACCA IN PELLE O TUTA?

Un capo molto stretto e aderente come una giacca in pelle o una tuta potrebbe impedire all’aibag di gonfiarsi completamente. La giacca deve essere predisposta (come nel caso del clip-in) all’alloggiamento e al completo gonfiaggio del dispositivo di sicurezza.

QUALI SONO LE ZONE DEL CORPO PROTETTE DA UN AIRBAG?

Un airbag è progettato per proteggere la schiena dalla cervicale al coccige. Molti modelli proteggono anche la parte frontale, in particolar modo il torace e l’addome.

Copyright MissBiker 2020
Foto di copertina: Giuly Ska
Foto articolo: Held