No, MissBiker non ha preso una piega inaspettata diventando all’improvviso un magazine di bellezza e cura della pelle.  No, oggi parliamo di quelle saponette, knee-sliders, sensori che dir si voglia, sulle quali il segno dell’asfalto è da sempre uno status symbol tanto ambito dai motociclisti sportivi di tutto il mondo.

Un oggetto assai enigmatico per chi si approccia e fa i primi passi nel mondo della guida sportiva in moto. Il loro modo d’uso è il seguente:vanno appoggiate sull’asfalto durante le curve quando la moto molto piegata.
Negli anni la saponetta “grattata” è diventata la carta d’identità dei motociclisti sui passi, l’occhio va subito dal viso al ginocchio per capire chi si ha davanti, tanto che il “grattare la saponetta” è diventato un obiettivo da raggiungere invece di essere un’indicazione di un corretto stile di guida. Sì, perché con la corretta posizione in sella, la traiettoria giusta e la velocità adeguata la saponetta ci serve per sentire e misurarci con l’asfalto durante la guida sportiva. La “saponetta grattata” diventa dunque la prova visibile della nostra capacità di applicare questi concetti alla guida.

Come ogni particolare dell’abbigliamento tecnico e dell’impostazione della nostra moto, anche per le saponette esistono preferenze personali date dalle loro caratteristiche e dalle sensazioni che ci trasmettono dall’asfalto. Una saponetta fatta di una plastica troppo rigida tenderà a creare una sensazione di “freno” sul ginocchio mentre una plastica troppo morbida si consumerà molto velocemente. Esistono anche le saponette fatte di materiali più esotici come il legno o il cuoio, quelle con inserti metallici che creano scintille e altre con varie forme e disegni.

Saponette Held

Anche se può sembrare un particolare poco importante è comunque uno dei fattori che determinano la nostra sensazione durante la guida e quindi non va trascurato. Nella scelta della saponetta perfetta rientrano tanti fattori tra i quali ovviamente anche quello estetico. E chi ci toglie la soddisfazione di sfrecciare in pista con un paio di saponette rosa fuxia!?

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di fare una comparativa specifica: un paio di legno e uno di plastica per raccontare e capirne meglio le caratteristiche.

Le saponette in questione sono queste di lato, prodotte dall’azienda tedesca Held.

Nel box:

Una particolarità che ho notato da subito su tutti i due dei modelli è la comoda linguetta che permette di afferrare la saponetta per staccarla dalla tuta.

Sicuramente conoscete l’immagine del pilota che col cacciavite cerca di separare il velcro dalle saponette: ecco, questa comoda linguetta aiuta ad evitare proprio quello e riposizionarle diventa un’operazione semplice.

Saponette Held

Su pista:

Le prime saponette che abbiamo provato sono le Held in plastica, di color rosso.
La sensazione che trasmettono è buona e scivolano bene anche sull’asfalto più ruvido. La loro forma è neutra e quindi si adattano a qualsiasi tuta senza attirare troppa attenzione. In definitiva queste saponette sono tra le più comode che abbia mai usato, sia per la composizione dei materiali che per l’aggiunta della linguetta.

Il secondo paio, quello in legno era quello più misterioso, una cosa che non avevo mai provato prima. La saponetta stessa è fatta di legno solido ed è verniciata con uno strato di colore, in questo caso rosa fluo. Appena tocca l’asfalto la vernice si consuma con l’abrasione per rivelare il materiale di costituzione.

La sensazione della saponetta sull’asfalto è più leggera e scivolosa rispetto a quelle di plastica e il suono che si crea quando si tocca il suolo col ginocchio è più forte. L’abrasione del legno sull’asfalto non crea nessun intralcio e la saponetta scivola con facilità anche sui cordoli.

Una caratteristica interessante scoperta in pista è che queste saponette con le alte velocità tendono a carbonizzarsi, rilasciando un lieve odore di “affumicato”,evidenziatomi da motociclisti che mi seguivano.

Non appena la saponetta sviluppa una patina carbonizzata, la sua superficie diventa ancora più scivolosa massimizzando l’effetto di questo materiale.

Anche queste in legno dispongono della comoda linguetta che permette di afferrarle per staccarle dalla tuta.

Saponette Held

L’unico “difetto” che possono avere è dal punto di vista estetico: è quasi un peccato grattarle sull’asfalto perché lo strato di vernice si rovina. Però anche il legno scoperto risulta molto interessante soprattutto se è carbonizzato.

Chi vince questa comparativa allora?
Facile, dal momento che ho messo le saponette in legno non le ho più tolte dalla tuta. La comodità e il look particolare le rendono le vincitrici di questo test.

Bella Litinetski
Foto Credits: Idan Greenberg, Race Booking, Snap Shot

Test Pantaloni Cargo Course Wasteland Aramide

Abbiamo già parlato in vari articoli della marca Course, proposta da XLMoto nel proprio portale. Dopo la giacca e lo zaino oggi vogliamo parlarvi dei pantaloni da moto della nuova linea Wasteland. Wasteland è la nuova collezione di Course, in...

Zaino NEXX X-GARAGE: essenziale in stile cafè racer

Di zaini da moto ne abbiamo visti parecchi negli ultimi tempi: più o meno capienti, rigidi, morbidi, resistenti all’acqua, con tasche e cinghie ovunque. Oggi però vi voglio parlare di uno zaino davvero particolare nella sua semplicità: X-GARAGE....

Test PMJ Promojeans Santiago Lady: il pantalone casual da moto

Tempo di lettura: 1 minuto e 40 secondi L'abbigliamento per motocicliste è in costante aumento e si moltiplicano anche le varietà, i colori, le tipologie avvicinandosi sempre più ai gusti delle centaure che vogliono non solo sicurezza ma anche praticità,...

Test Guanti Held Air n Dry: due guanti in uno

Può un guanto essere due cose contemporaneamente? Donare comfort e freschezza con le alte temperature ed essere anche protettivo, idrorepellente e resistente in caso di meteo avverso? La risposta è SI e ora vi raccontiamo come è possibile. Held, azienda...

Test casco Nexx X WST2 – Carbon Zero: l’evoluzione

Mixate leggerezza, comfort, look aggressivo e poliedrico: l’azienda portoghese Nexx riesce a stupire per l’accuratezza dei dettagli e strizza l’occhio al motociclista che ama vivere la moto in modo totale. Il Nexx X WST2 nella versione Carbon Zero si...

ECO Dolomites 2018: in Sudtirolo con Zero Motorcycles

Di queste moto ne vorrei una in garage, grazie! Credo non passerà molto tempo prima che, oltre alla mia passione per la moto classica, cominci a coltivare anche quella per la moto elettrica. Impossibile non subirne il fascino dopo aver trascorso due giorni all’insegna...

Test: Zaino XLMOTO H2O Impermeabile

Impermeabile al 100%, capiente, resistente e dettagliato. Lo zaino XLMoto H2O ci ha stupite per il rapporto qualità-prezzo ma non solo. Quante volte ci è capitato di viaggiare e non essere pronti per un acquazzone? Alcuni di voi avranno stipato tutto nel...

Intervista a Hanna Johansson: una passione senza limiti

Oggi vogliamo presentarvi Hanna Johansson, motoviaggiatrice svedese che sta realizzando il suo sogno di viaggiare e scoprire il mondo con la sua Triumph Bonneville SE. Il suo profilo Instagram è super cliccato e le sue foto fanno sognare tutte noi! - Ciao...

Test Giacca Held Aerosec GTX Top: MacGyver l’hai inventata tu?

Nella popolare serie tv di fine anni 80 e primi anni 90 il protagonista era l'ingegnoso agente segreto Angus MacGyver che riusciva a trovare soluzioni in ogni situazione grazie all’intelligenza e all’inventiva. Questa giacca mi ha fatto ricordare questo...

Test Yamaha Niken: divertimento e sicurezza

Ce n’eravamo quasi dimenticati dalla concept bike con tre ruote di Yamaha vista ad EICMA nel 2015, pensavamo quasi che il progetto fosse stato di difficile realizzazione, se non addirittura accantonato ma ecco che all’ultimo Salone di Milano ricompare in versione...

GIACCA HELD JILL: UNA PERFETTA ENTRY LEVEL

Quando si parla di Held una cosa è sicura: la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti sono una priorità e con essi la cura dei dettagli. Ma non solo: abbiamo constatato di persona come l’azienda tedesca con sede a Burgberg riservi un’attenzione particolare...

Diciassettesima e diciottesima tappa: Esplorando il Sud-Est Asiatico con Francesca

Dal diario di Francesca: 27/12/2016 - Giornata a Mui Ne-arrivo a Saigon Ieri mattina usciti dall'hotel ci si è aperto un mondo... intorno a noi, appena fuori dal paese c'è deserto, proprio con dune di sabbia sia bianca che rossa, uno spettacolo! Guardiamo le moto, ci...

Seconda Tappa: Esplorando il Sud-Est Asiatico con Francesca

Dal diario di Francesca: Finalmente si inizia a fare sul serio...trovati i bolidi stiamo esplorando ciò che Bali ha da offrirci! Beh... cavalleria un po' bassa...ma si può fare! Oggi giro a nord di Tabanan tra splendide risaie per poi arrivare fino in spiaggia! Pausa...

KAPPA MOTO: ecco le borse laterali sempre “in forma”

Sono leggere e compatte come le borse morbide, ma restano “in forma” anche senza carico perché sono termoformate. E così utilizzano il sistema di montaggio come le rigide. Marchio specializzato nell'offerta di valigie rigide e borse morbide, Kappa Moto entra nel...

Calendario Metzeler 2017 : spazio alle vere motocicliste

Metzeler presenta in anteprima il calendario 2017 che vede come protagoniste 12 donne motocicliste provenienti da tutto il mondo. Donne che rappresentano con orgoglio tutta la passione delle due ruote, dando prova di abilità, coraggio e competenza. Un viaggio lungo un...

MissBiker sulla rivista: Storie di Eccellenza

RASSEGNA STAMPA: DICONO DI NOI Un bell'articolo su MissBiker sulla rivista Storie di Eccellenza di maggio 2016.