No, MissBiker non ha preso una piega inaspettata diventando all’improvviso un magazine di bellezza e cura della pelle.  No, oggi parliamo di quelle saponette, knee-sliders, sensori che dir si voglia, sulle quali il segno dell’asfalto è da sempre uno status symbol tanto ambito dai motociclisti sportivi di tutto il mondo.

Un oggetto assai enigmatico per chi si approccia e fa i primi passi nel mondo della guida sportiva in moto. Il loro modo d’uso è il seguente:vanno appoggiate sull’asfalto durante le curve quando la moto molto piegata.
Negli anni la saponetta “grattata” è diventata la carta d’identità dei motociclisti sui passi, l’occhio va subito dal viso al ginocchio per capire chi si ha davanti, tanto che il “grattare la saponetta” è diventato un obiettivo da raggiungere invece di essere un’indicazione di un corretto stile di guida. Sì, perché con la corretta posizione in sella, la traiettoria giusta e la velocità adeguata la saponetta ci serve per sentire e misurarci con l’asfalto durante la guida sportiva. La “saponetta grattata” diventa dunque la prova visibile della nostra capacità di applicare questi concetti alla guida.

Come ogni particolare dell’abbigliamento tecnico e dell’impostazione della nostra moto, anche per le saponette esistono preferenze personali date dalle loro caratteristiche e dalle sensazioni che ci trasmettono dall’asfalto. Una saponetta fatta di una plastica troppo rigida tenderà a creare una sensazione di “freno” sul ginocchio mentre una plastica troppo morbida si consumerà molto velocemente. Esistono anche le saponette fatte di materiali più esotici come il legno o il cuoio, quelle con inserti metallici che creano scintille e altre con varie forme e disegni.

Saponette Held

Anche se può sembrare un particolare poco importante è comunque uno dei fattori che determinano la nostra sensazione durante la guida e quindi non va trascurato. Nella scelta della saponetta perfetta rientrano tanti fattori tra i quali ovviamente anche quello estetico. E chi ci toglie la soddisfazione di sfrecciare in pista con un paio di saponette rosa fuxia!?

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di fare una comparativa specifica: un paio di legno e uno di plastica per raccontare e capirne meglio le caratteristiche.

Le saponette in questione sono queste di lato, prodotte dall’azienda tedesca Held.

Nel box:

Una particolarità che ho notato da subito su tutti i due dei modelli è la comoda linguetta che permette di afferrare la saponetta per staccarla dalla tuta.

Sicuramente conoscete l’immagine del pilota che col cacciavite cerca di separare il velcro dalle saponette: ecco, questa comoda linguetta aiuta ad evitare proprio quello e riposizionarle diventa un’operazione semplice.

Saponette Held

Su pista:

Le prime saponette che abbiamo provato sono le Held in plastica, di color rosso.
La sensazione che trasmettono è buona e scivolano bene anche sull’asfalto più ruvido. La loro forma è neutra e quindi si adattano a qualsiasi tuta senza attirare troppa attenzione. In definitiva queste saponette sono tra le più comode che abbia mai usato, sia per la composizione dei materiali che per l’aggiunta della linguetta.

Il secondo paio, quello in legno era quello più misterioso, una cosa che non avevo mai provato prima. La saponetta stessa è fatta di legno solido ed è verniciata con uno strato di colore, in questo caso rosa fluo. Appena tocca l’asfalto la vernice si consuma con l’abrasione per rivelare il materiale di costituzione.

La sensazione della saponetta sull’asfalto è più leggera e scivolosa rispetto a quelle di plastica e il suono che si crea quando si tocca il suolo col ginocchio è più forte. L’abrasione del legno sull’asfalto non crea nessun intralcio e la saponetta scivola con facilità anche sui cordoli.

Una caratteristica interessante scoperta in pista è che queste saponette con le alte velocità tendono a carbonizzarsi, rilasciando un lieve odore di “affumicato”,evidenziatomi da motociclisti che mi seguivano.

Non appena la saponetta sviluppa una patina carbonizzata, la sua superficie diventa ancora più scivolosa massimizzando l’effetto di questo materiale.

Anche queste in legno dispongono della comoda linguetta che permette di afferrarle per staccarle dalla tuta.

Saponette Held

L’unico “difetto” che possono avere è dal punto di vista estetico: è quasi un peccato grattarle sull’asfalto perché lo strato di vernice si rovina. Però anche il legno scoperto risulta molto interessante soprattutto se è carbonizzato.

Chi vince questa comparativa allora?
Facile, dal momento che ho messo le saponette in legno non le ho più tolte dalla tuta. La comodità e il look particolare le rendono le vincitrici di questo test.

Bella Litinetski
Foto Credits: Idan Greenberg, Race Booking, Snap Shot

U.S.A: le motocicliste raggiungono quota 19%

Il motociclismo femminile sta crescendo in modo globale, un fenomeno sempre più ampio che comprende moltissimi paesi al mondo. Mentre in Italia ci godiamo una crescita del 32,4% negli ultimi cinque anni (vedi articolo) con una motociclista donna ogni sei,...

Ana Carrasco: “Le donne non devono essere solo ombrelline, possono anche correre”

La campionessa del Campionato Mondiale Supersport 300 ha scalato la classifica dimostrando di sovvertire lo status quo di predominanza maschile "La cosa più importante per me è vincere come un grande pilota. Quello era il mio obiettivo, il mio sogno ",...

Piccola guida per le batterie moto

La batteria della moto è fondamentale per il funzionamento del nostro amato mezzo di trasporto ma spesso ce ne ricordiamo solo quando rimaniamo a piedi o è inverno. Proviamo allora a darvi alcuni consigli per mantenere la batteria nel migliore dei modi e...

Test: Ducati Scrambler 1100 special

Olio e aria. Un connubio facile ed essenziale che rappresenta appieno l'anima dello Scrambler 1100. Parliamo ovviamente del raffreddamento di questo desmo 1079 cc, ma non solo. C'è qualcosa di romantico, quasi nostalgico, in questa moto ispirata a quei...

Zaino NEXX X-GARAGE: essenziale in stile cafè racer

Di zaini da moto ne abbiamo visti parecchi negli ultimi tempi: più o meno capienti, rigidi, morbidi, resistenti all’acqua, con tasche e cinghie ovunque. Oggi però vi voglio parlare di uno zaino davvero particolare nella sua semplicità: X-GARAGE....

Test PMJ Promojeans Santiago Lady: il pantalone casual da moto

Tempo di lettura: 1 minuto e 40 secondi L'abbigliamento per motocicliste è in costante aumento e si moltiplicano anche le varietà, i colori, le tipologie avvicinandosi sempre più ai gusti delle centaure che vogliono non solo sicurezza ma anche praticità,...

Test Guanti Held Air n Dry: due guanti in uno

Può un guanto essere due cose contemporaneamente? Donare comfort e freschezza con le alte temperature ed essere anche protettivo, idrorepellente e resistente in caso di meteo avverso? La risposta è SI e ora vi raccontiamo come è possibile. Held, azienda...

Test casco Nexx X WST2 – Carbon Zero: l’evoluzione

Mixate leggerezza, comfort, look aggressivo e poliedrico: l’azienda portoghese Nexx riesce a stupire per l’accuratezza dei dettagli e strizza l’occhio al motociclista che ama vivere la moto in modo totale. Il Nexx X WST2 nella versione Carbon Zero si...

Una giornata Di Traverso: il Flat Track raccontato da Giada

Del Flat Track ne avevo solo sentito parlare, mi limitavo vedere mirabolanti fotografie di moto di traverso e di piloti con la situazione in pugno, anzi nel polso. In realtà il tutto mi incuteva anche un certo timore reverenziale, perché normalmente quando vedi un...

Test Casco NEXX XG100R BILLY B: tornano gli anni 70

Lo stile anni settanta incontra il comfort, i materiali e la costruzione moderni. All’apparenza è un semplice casco vintage che però nasconde sotto la calotta molte caratteristiche di design che lo rendono unico. La serie di caschi NEXX XG100R GARAGE...

3° Motoincontro Nazionale MissBiker

Si è concluso con successo il tanto atteso appuntamento con il Motoincontro Nazionale Missbiker, giunto nel 2017 alla sua terza edizione, che nei giorni 24 e 25 giugno ha portato circa 200 motocicliste italiane e non nella storica località di Pedavena, tra le Dolomiti...

Test: CASCO HJC RPHA 11 – Marvel Spiderman

Se amate i fumetti della Marvel o semplicemente se vi piacciono le grafiche particolari, il casco HJC RPHA 11 Spiderman lo avrete di certo addocchiato in qualche negozio specializzato. La cura e la scelta di grafiche accattivanti è una prerogativa di HJC...

MBE Motor Bike Expo Verona: un gran successo!

Grande successo anche quest’anno per la nuova edizione del Motor Bike Expo, evento fieristico scaligero di tre giorni (dal 20 al 22 gennaio) da sempre incentrato sul mondo del custom e della personalizzazione. 160mila i visitatori che nel week end hanno avuto...

Le Donne sono l’ingrediente per avere Successo nel Mercato

Traduzione di un articolo di Michael Uhlarik, Product Planning Consultant and Motorcycle Business Analyst TRE UOMINI ED UNA PICCOLA BMW Molti anni fa ho preso parte alla progettazione prodotti di una OEM giapponese per esaminare una nuova moto del brand...

La BMW R 1200 R nella nuova versione Black Edition

In esclusiva per il mercato italiano, la BMW R 1200 R Black Edition aggiunge eleganza ed esclusività alla roadster BMW Motorrad. Livrea esclusiva e ricca dotazione di serie BMW R 1200 R, la roadster boxer più rappresentativa dei valori tradizionali del marchio e la...

Fallimento nelle vendite alle donne motocicliste secondo gli esperti del settore

SAN ANTONIO, TX – I commercianti stanno fallendo costantemente nel coinvolgere le donne motocicliste e quelle interessate ad imparare di più sul mondo moto, forzandole a rivolgersi a risorse online quali CycleTrader per l’acquisto di moto e Revzilla per l’acquisto di...