No, MissBiker non ha preso una piega inaspettata diventando all’improvviso un magazine di bellezza e cura della pelle.  No, oggi parliamo di quelle saponette, knee-sliders, sensori che dir si voglia, sulle quali il segno dell’asfalto è da sempre uno status symbol tanto ambito dai motociclisti sportivi di tutto il mondo.

Un oggetto assai enigmatico per chi si approccia e fa i primi passi nel mondo della guida sportiva in moto. Il loro modo d’uso è il seguente:vanno appoggiate sull’asfalto durante le curve quando la moto molto piegata.
Negli anni la saponetta “grattata” è diventata la carta d’identità dei motociclisti sui passi, l’occhio va subito dal viso al ginocchio per capire chi si ha davanti, tanto che il “grattare la saponetta” è diventato un obiettivo da raggiungere invece di essere un’indicazione di un corretto stile di guida. Sì, perché con la corretta posizione in sella, la traiettoria giusta e la velocità adeguata la saponetta ci serve per sentire e misurarci con l’asfalto durante la guida sportiva. La “saponetta grattata” diventa dunque la prova visibile della nostra capacità di applicare questi concetti alla guida.

Come ogni particolare dell’abbigliamento tecnico e dell’impostazione della nostra moto, anche per le saponette esistono preferenze personali date dalle loro caratteristiche e dalle sensazioni che ci trasmettono dall’asfalto. Una saponetta fatta di una plastica troppo rigida tenderà a creare una sensazione di “freno” sul ginocchio mentre una plastica troppo morbida si consumerà molto velocemente. Esistono anche le saponette fatte di materiali più esotici come il legno o il cuoio, quelle con inserti metallici che creano scintille e altre con varie forme e disegni.

Saponette Held

Anche se può sembrare un particolare poco importante è comunque uno dei fattori che determinano la nostra sensazione durante la guida e quindi non va trascurato. Nella scelta della saponetta perfetta rientrano tanti fattori tra i quali ovviamente anche quello estetico. E chi ci toglie la soddisfazione di sfrecciare in pista con un paio di saponette rosa fuxia!?

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di fare una comparativa specifica: un paio di legno e uno di plastica per raccontare e capirne meglio le caratteristiche.

Le saponette in questione sono queste di lato, prodotte dall’azienda tedesca Held.

Nel box:

Una particolarità che ho notato da subito su tutti i due dei modelli è la comoda linguetta che permette di afferrare la saponetta per staccarla dalla tuta.

Sicuramente conoscete l’immagine del pilota che col cacciavite cerca di separare il velcro dalle saponette: ecco, questa comoda linguetta aiuta ad evitare proprio quello e riposizionarle diventa un’operazione semplice.

Saponette Held

Su pista:

Le prime saponette che abbiamo provato sono le Held in plastica, di color rosso.
La sensazione che trasmettono è buona e scivolano bene anche sull’asfalto più ruvido. La loro forma è neutra e quindi si adattano a qualsiasi tuta senza attirare troppa attenzione. In definitiva queste saponette sono tra le più comode che abbia mai usato, sia per la composizione dei materiali che per l’aggiunta della linguetta.

Il secondo paio, quello in legno era quello più misterioso, una cosa che non avevo mai provato prima. La saponetta stessa è fatta di legno solido ed è verniciata con uno strato di colore, in questo caso rosa fluo. Appena tocca l’asfalto la vernice si consuma con l’abrasione per rivelare il materiale di costituzione.

La sensazione della saponetta sull’asfalto è più leggera e scivolosa rispetto a quelle di plastica e il suono che si crea quando si tocca il suolo col ginocchio è più forte. L’abrasione del legno sull’asfalto non crea nessun intralcio e la saponetta scivola con facilità anche sui cordoli.

Una caratteristica interessante scoperta in pista è che queste saponette con le alte velocità tendono a carbonizzarsi, rilasciando un lieve odore di “affumicato”,evidenziatomi da motociclisti che mi seguivano.

Non appena la saponetta sviluppa una patina carbonizzata, la sua superficie diventa ancora più scivolosa massimizzando l’effetto di questo materiale.

Anche queste in legno dispongono della comoda linguetta che permette di afferrarle per staccarle dalla tuta.

Saponette Held

L’unico “difetto” che possono avere è dal punto di vista estetico: è quasi un peccato grattarle sull’asfalto perché lo strato di vernice si rovina. Però anche il legno scoperto risulta molto interessante soprattutto se è carbonizzato.

Chi vince questa comparativa allora?
Facile, dal momento che ho messo le saponette in legno non le ho più tolte dalla tuta. La comodità e il look particolare le rendono le vincitrici di questo test.

Bella Litinetski
Foto Credits: Idan Greenberg, Race Booking, Snap Shot

Ana Carrasco: “Le donne non devono essere solo ombrelline, possono anche correre”

La campionessa del Campionato Mondiale Supersport 300 ha scalato la classifica dimostrando di sovvertire lo status quo di predominanza maschile "La cosa più importante per me è vincere come un grande pilota. Quello era il mio obiettivo, il mio sogno ",...

MotoGarage Lecce: Manu e la moto nel DNA

Ci sono donne che riescono a far diventare la passione un lavoro. Oggi vi vogliamo presentare Manu, titolare di MotoGarage Lecce, che ci ha raccontato di come la sua attività sia molto più di un semplice garage! Ciao Manu, raccontaci un po’ di te: com’è...

Test guanti Held Ice Queen: l’inverno non fa paura

E’ sempre difficile trovare il giusto connubio tra guanto da moto invernale e femminilità. Held riesce a stupirci e a offrirci un prodotto interessante da molti punti di vista, incluso il nome: ICE QUEEN. Un guanto invernale è un accessorio indispensabile...

Women Motors Bootcamp: un super evento per le motocicliste

Siete cariche ragazze? Arriva un evento dedicato a noi donne e aperto a tutte le appassionate di moto. Corsi e attività formative legate al mondo delle due ruote e agli aerei. Ci saremo anche noi di MissBiker a supportare questo splendido progetto. Vi...

Laia Sanz contro il “machismo” nel motorsport

La pilota catalana più famosa nell'off road con all'attivo 13 titoli mondiali nel Trial, 5 Mondiali Enduro, 10 trionfi Europei nel Trial e per sei volte vincitrice nel Trail delle Nazioni ha espresso molte volte la sua opinione sulla presenza di donne nel...

María Herrera disputerà la WorldSSP con MS Racing

La pilota spagnola è diventata la prima donna a partecipare a una stagione intera nel Campionato Mondiale FIM Supersport. Maria Herrera è destinata a diventare la prima donna a partecipare ad un intero campionato mondiale FIM Supersport. Nata a Toledo, la...

Intervista a Rosaria Iazzetta: un’artista in viaggio

Oggi vi vogliamo presentare Rosaria Iazzetta, artista e docente di Scultura all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Nel 2005 termina un Master in Scultura alla Tokyo University of the Arts, grazie ad una borsa di studio del governo giapponese e dal...

L’affascinante storia del casco da motociclista

Le moto ormai sono sinonimo di velocità e i caschi sono diventati un accessorio indispensabile nei tempi attuali. Tuttavia, la prima moto inventata da Gottlieb Daimler fu costruita per il divertimento e non per la velocità. La necessità quindi di un...

Test casco Biltwell Inc. Gringo: Born To Be Wild

Una delle caratteristiche più importanti che un casco dovrebbe avere è una buona visibilità nel traffico. Il nuovo colore Safe-T Yellow ricorda un vecchio casco da moto degli anni '70, ma è perfetto anche per chi vuole distinguersi in sella alle moto più...

BMW in crescita sorprendente nelle vendite: + 50% in sei anni

Gli anni della crisi in molti settori, non solo motociclistici, non spaventa BMW, anzi. Nel 2010 le vendite relative alle moto del comparto BMW Motorrad segnavano quota 98.000 fino ad arrivare alle 145.000 dello scorso anno. Solo in Italia l'aumento è stato del 10,3%...

Ducati Scrambler Café Racer – il miglior amico dell’uomo

Come un cucciolo di cane che porti a casa, anche con la nuova Ducati Scrambler Café Racer ci sono volute un paio di scarpe leggermente "morsicate" prima di essere amici ma dopo siamo diventati inseparabili. La nuova Café Racer di casa Ducati, si aggiunge...

Test Zero DSR: a brave new world

Ha più coppia di tante supersportive, si guida con la patente A2 e fa più di 250 chilometri con circa 2.50€ di “carburante”: benvenuti nella strana, nuova realtà delle moto elettriche di Zero Motorcycles. La vita e la convivenza con la moto elettrica sono...

MissBiker Tour 2016: Toscana

Un'avventura con un tour di sette giorni tra le strade più belle della Toscana per circa duemila chilometri. Sei donne (Liz dal Veneto, Elena dal Friuli Venezia Giulia, Pira dal Piemonte, Licia dall'Emilia Romagna, Emanuela dalla Toscana e Miriam dalla Lombardia), sei...

Test: Casco Premier Trophy FL Chromed

La moda delle cafè racer e del vintage sta ottenendo estimatori ogni giorno di più. Difficile non rendersene conto sfogliando riviste o siti web. Anche le grandi aziende quindi strizzano l'occhio a questa "moda" che non pare essere così passeggera come si...