No, MissBiker non ha preso una piega inaspettata diventando all’improvviso un magazine di bellezza e cura della pelle.  No, oggi parliamo di quelle saponette, knee-sliders, sensori che dir si voglia, sulle quali il segno dell’asfalto è da sempre uno status symbol tanto ambito dai motociclisti sportivi di tutto il mondo.

Un oggetto assai enigmatico per chi si approccia e fa i primi passi nel mondo della guida sportiva in moto. Il loro modo d’uso è il seguente:vanno appoggiate sull’asfalto durante le curve quando la moto molto piegata.
Negli anni la saponetta “grattata” è diventata la carta d’identità dei motociclisti sui passi, l’occhio va subito dal viso al ginocchio per capire chi si ha davanti, tanto che il “grattare la saponetta” è diventato un obiettivo da raggiungere invece di essere un’indicazione di un corretto stile di guida. Sì, perché con la corretta posizione in sella, la traiettoria giusta e la velocità adeguata la saponetta ci serve per sentire e misurarci con l’asfalto durante la guida sportiva. La “saponetta grattata” diventa dunque la prova visibile della nostra capacità di applicare questi concetti alla guida.

Come ogni particolare dell’abbigliamento tecnico e dell’impostazione della nostra moto, anche per le saponette esistono preferenze personali date dalle loro caratteristiche e dalle sensazioni che ci trasmettono dall’asfalto. Una saponetta fatta di una plastica troppo rigida tenderà a creare una sensazione di “freno” sul ginocchio mentre una plastica troppo morbida si consumerà molto velocemente. Esistono anche le saponette fatte di materiali più esotici come il legno o il cuoio, quelle con inserti metallici che creano scintille e altre con varie forme e disegni.

Saponette Held

Anche se può sembrare un particolare poco importante è comunque uno dei fattori che determinano la nostra sensazione durante la guida e quindi non va trascurato. Nella scelta della saponetta perfetta rientrano tanti fattori tra i quali ovviamente anche quello estetico. E chi ci toglie la soddisfazione di sfrecciare in pista con un paio di saponette rosa fuxia!?

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di fare una comparativa specifica: un paio di legno e uno di plastica per raccontare e capirne meglio le caratteristiche.

Le saponette in questione sono queste di lato, prodotte dall’azienda tedesca Held.

Nel box:

Una particolarità che ho notato da subito su tutti i due dei modelli è la comoda linguetta che permette di afferrare la saponetta per staccarla dalla tuta.

Sicuramente conoscete l’immagine del pilota che col cacciavite cerca di separare il velcro dalle saponette: ecco, questa comoda linguetta aiuta ad evitare proprio quello e riposizionarle diventa un’operazione semplice.

Saponette Held

Su pista:

Le prime saponette che abbiamo provato sono le Held in plastica, di color rosso.
La sensazione che trasmettono è buona e scivolano bene anche sull’asfalto più ruvido. La loro forma è neutra e quindi si adattano a qualsiasi tuta senza attirare troppa attenzione. In definitiva queste saponette sono tra le più comode che abbia mai usato, sia per la composizione dei materiali che per l’aggiunta della linguetta.

Il secondo paio, quello in legno era quello più misterioso, una cosa che non avevo mai provato prima. La saponetta stessa è fatta di legno solido ed è verniciata con uno strato di colore, in questo caso rosa fluo. Appena tocca l’asfalto la vernice si consuma con l’abrasione per rivelare il materiale di costituzione.

La sensazione della saponetta sull’asfalto è più leggera e scivolosa rispetto a quelle di plastica e il suono che si crea quando si tocca il suolo col ginocchio è più forte. L’abrasione del legno sull’asfalto non crea nessun intralcio e la saponetta scivola con facilità anche sui cordoli.

Una caratteristica interessante scoperta in pista è che queste saponette con le alte velocità tendono a carbonizzarsi, rilasciando un lieve odore di “affumicato”,evidenziatomi da motociclisti che mi seguivano.

Non appena la saponetta sviluppa una patina carbonizzata, la sua superficie diventa ancora più scivolosa massimizzando l’effetto di questo materiale.

Anche queste in legno dispongono della comoda linguetta che permette di afferrarle per staccarle dalla tuta.

Saponette Held

L’unico “difetto” che possono avere è dal punto di vista estetico: è quasi un peccato grattarle sull’asfalto perché lo strato di vernice si rovina. Però anche il legno scoperto risulta molto interessante soprattutto se è carbonizzato.

Chi vince questa comparativa allora?
Facile, dal momento che ho messo le saponette in legno non le ho più tolte dalla tuta. La comodità e il look particolare le rendono le vincitrici di questo test.

Bella Litinetski
Foto Credits: Idan Greenberg, Race Booking, Snap Shot

Aperitivo Tecnico Femminile con Ducati Verona

Sei curiosa di conoscere più dettagli sulla manutenzione della tua moto? Imparare a eseguire i piccoli lavori di routine e tutti i trucchi del mestiere? Grazie alla preziosa collaborazione con Ducati Verona vogliamo dedicarti un piccolo corso in cui potrai chiarire...

UK: Belfast la città con più motocicliste

Una ricerca dell’assicurazione Carole Nash ha rivelato che Belfast è la capitale delle motocicliste in Gran Bretagna. Con il 16% di centaure la città nord irlandese supera Edimburgo (11%) e Londra (8%). La percentuale di donne che guidano una moto in tutto il Regno...

Raddoppia il numero delle motocicliste rispetto a un decennio fa

U.S.A.: Un recente sondaggio afferma che quasi un proprietario di motocicli su cinque è donna. Uno studio condotto dal Motorcycle Industry Council ha confermato che l'aumento del numero di donne motocicliste sta continuando la sua crescita in modo forte e costante. Il...

MADE IN ITALY: COME NASCE UNA CALZATURA TCX

Qualche giorno fa ho avuto l’opportunità di entrare in un’azienda leader nel settore delle calzature per motociclisti: TCX s.r.l. Da anni punto di riferimento per i biker non solo italiani, l’azienda in provincia di Treviso sta rivoluzionando il concetto di calzatura...

Casco SMK Glide: silenzio, parlano i pensieri

Adoro i caschi modulari perché li ritengo molto pratici e versatili in ogni tipo di situazione. Quando mi hanno chiesto di provare il casco SMK Glide White, ho accettato subito in quanto SMK era un'azienda che ancora non conoscevo, quindi non avevo ancora avuto modo...

Zaino Boblbee di Point 65°N: innovazione e sicurezza

POINT 65° SWEDEN BOBLBEE: molto più di uno zaino Di zaini ne abbiamo provati tanti in questi anni: alcuni leggeri, alcuni comodi, altri esteticamente belli o waterproof. Poi abbiamo testato qualcosa di nuovo (per noi) e direi avvenieristico: il Boblbee.UNO ZAINO...

Scrambler Full Throttle 800: credevo fosse solo una moto da bar

Chi disprezza... Ore 9:00 di un sabato mattina qualunque....non proprio qualunque! Esco per andare a fare la spesa e mi ritrovo "per caso" nella mia concessionaria Ducati di fiducia. Entro e comincio ad ammirare il parco moto: le sportive sono da sempre il genere che...

GIACCA HELD JILL: UNA PERFETTA ENTRY LEVEL

Quando si parla di Held una cosa è sicura: la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti sono una priorità e con essi la cura dei dettagli. Ma non solo: abbiamo constatato di persona come l’azienda tedesca con sede a Burgberg riservi un’attenzione particolare...

Penelope Ottini: una mamma motociclista

La MissBiker del mese di settembre è: Penelope Ottini! Penny, 44 anni a novembre, motociclista, vive in un paesino sul lago di Varese. Nel 2011 riesce ad esaudire il suo sogno nel cassetto: porta a casa la sua Honda CBR600RR. Moglie e mamma di tre figli (Raoul, Marco...

La presentazione ufficiale della nuova Triumph Street Triple 2017

10 gennaio 2017 Si rinnova la gamma Triumph Street Triple con tre versioni S, R ed RS, tutte con un nuovo look, una ciclistica aggiornata e una completa dotazione elettronica. Il tre cilindri cresce a 765 cc. Le nuove Street saranno disponibili dalla primavera a...

CALA MECCANICA: experience in officina a Milano

SONO COMINCIATE LE EXPERIENCE IN OFFICINA TARGATE "CALA MECCANICA": MANUTENZIONE, SETTAGGI E PICCOLE RIPARAZIONI ON THE ROAD, SONO QUESTE LE BASI DEL MOTOCICLISTA CONTEMPORANEO E UN PO' "SCARBURATO" CHE AMA SPORCARSI LE MANI IN GARAGE.Lo scorso 6 aprile è andato in...

HAT SERIES – LO SPIRITO DELL’ADVENTOURING

Nata nel 2009, la HARDALPITOUR, nota anche come HAT, ha la fama di aver ispirato la disciplina del mototurismo fuoristrada, recentemente denominato Adventouring. Nella sua essenza, la HAT è un viaggio-avventura no-stop di 24/36 ore per team di 3 piloti, su...

Intervista a Samantha Nardi: il volto femminile di Dunlop

Intervista a Samantha Nardi Ho attraversato tutto il Nord Italia per scovare la protagonista dell'intervista di oggi. L'ho trovata nascosta in mezzo ai tassellati campioni del Motocross delle Nazioni, tra i tecnici e meccanici di Dunlop, indaffarata e sorridente...

Di madre in figlia, una passione che si tramanda

Quando la passione si tramanda da genitori a figli è sempre qualcosa di straordinario. Abbiamo chiesto a Giorgia di fare una piccola intervista alla propria madre, ex pilota di trial che non ha mai smesso di amare il suo sport. Mamma,...

Day 3 – Tour in Albania on e off road: il diario di Greta

Dopo un paio di chilometri ci siamo agganciati ad un percorso che costeggia un lago artificiale di nome Limini lake, e lì, il divertimento ha fatto da padrone: oltre al fantastico panorama, ce la siamo spassata su una strada stretta stretta e super tortuosa, senza...