No, MissBiker non ha preso una piega inaspettata diventando all’improvviso un magazine di bellezza e cura della pelle.  No, oggi parliamo di quelle saponette, knee-sliders, sensori che dir si voglia, sulle quali il segno dell’asfalto è da sempre uno status symbol tanto ambito dai motociclisti sportivi di tutto il mondo.

Un oggetto assai enigmatico per chi si approccia e fa i primi passi nel mondo della guida sportiva in moto. Il loro modo d’uso è il seguente:vanno appoggiate sull’asfalto durante le curve quando la moto molto piegata.
Negli anni la saponetta “grattata” è diventata la carta d’identità dei motociclisti sui passi, l’occhio va subito dal viso al ginocchio per capire chi si ha davanti, tanto che il “grattare la saponetta” è diventato un obiettivo da raggiungere invece di essere un’indicazione di un corretto stile di guida. Sì, perché con la corretta posizione in sella, la traiettoria giusta e la velocità adeguata la saponetta ci serve per sentire e misurarci con l’asfalto durante la guida sportiva. La “saponetta grattata” diventa dunque la prova visibile della nostra capacità di applicare questi concetti alla guida.

Come ogni particolare dell’abbigliamento tecnico e dell’impostazione della nostra moto, anche per le saponette esistono preferenze personali date dalle loro caratteristiche e dalle sensazioni che ci trasmettono dall’asfalto. Una saponetta fatta di una plastica troppo rigida tenderà a creare una sensazione di “freno” sul ginocchio mentre una plastica troppo morbida si consumerà molto velocemente. Esistono anche le saponette fatte di materiali più esotici come il legno o il cuoio, quelle con inserti metallici che creano scintille e altre con varie forme e disegni.

Saponette Held

Anche se può sembrare un particolare poco importante è comunque uno dei fattori che determinano la nostra sensazione durante la guida e quindi non va trascurato. Nella scelta della saponetta perfetta rientrano tanti fattori tra i quali ovviamente anche quello estetico. E chi ci toglie la soddisfazione di sfrecciare in pista con un paio di saponette rosa fuxia!?

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di fare una comparativa specifica: un paio di legno e uno di plastica per raccontare e capirne meglio le caratteristiche.

Le saponette in questione sono queste di lato, prodotte dall’azienda tedesca Held.

Nel box:

Una particolarità che ho notato da subito su tutti i due dei modelli è la comoda linguetta che permette di afferrare la saponetta per staccarla dalla tuta.

Sicuramente conoscete l’immagine del pilota che col cacciavite cerca di separare il velcro dalle saponette: ecco, questa comoda linguetta aiuta ad evitare proprio quello e riposizionarle diventa un’operazione semplice.

Saponette Held

Su pista:

Le prime saponette che abbiamo provato sono le Held in plastica, di color rosso.
La sensazione che trasmettono è buona e scivolano bene anche sull’asfalto più ruvido. La loro forma è neutra e quindi si adattano a qualsiasi tuta senza attirare troppa attenzione. In definitiva queste saponette sono tra le più comode che abbia mai usato, sia per la composizione dei materiali che per l’aggiunta della linguetta.

Il secondo paio, quello in legno era quello più misterioso, una cosa che non avevo mai provato prima. La saponetta stessa è fatta di legno solido ed è verniciata con uno strato di colore, in questo caso rosa fluo. Appena tocca l’asfalto la vernice si consuma con l’abrasione per rivelare il materiale di costituzione.

La sensazione della saponetta sull’asfalto è più leggera e scivolosa rispetto a quelle di plastica e il suono che si crea quando si tocca il suolo col ginocchio è più forte. L’abrasione del legno sull’asfalto non crea nessun intralcio e la saponetta scivola con facilità anche sui cordoli.

Una caratteristica interessante scoperta in pista è che queste saponette con le alte velocità tendono a carbonizzarsi, rilasciando un lieve odore di “affumicato”,evidenziatomi da motociclisti che mi seguivano.

Non appena la saponetta sviluppa una patina carbonizzata, la sua superficie diventa ancora più scivolosa massimizzando l’effetto di questo materiale.

Anche queste in legno dispongono della comoda linguetta che permette di afferrarle per staccarle dalla tuta.

Saponette Held

L’unico “difetto” che possono avere è dal punto di vista estetico: è quasi un peccato grattarle sull’asfalto perché lo strato di vernice si rovina. Però anche il legno scoperto risulta molto interessante soprattutto se è carbonizzato.

Chi vince questa comparativa allora?
Facile, dal momento che ho messo le saponette in legno non le ho più tolte dalla tuta. La comodità e il look particolare le rendono le vincitrici di questo test.

Bella Litinetski
Foto Credits: Idan Greenberg, Race Booking, Snap Shot

TCX STREET ACE LADY WP: comfort e design

Un paio di snekers sono perfette per camminare e affrontare le nostre giornate: si abbinano perfettamente con jeans e con l'abbigliamento casual o sportivo e sono estremamente comode. Allora perchè non creare un paio di sneaker omologate per motocicliste? E' stata...

Giacca Lady Frida di Segura: originale e chic

Segura, marchio francese che produce capi di alta qualità per motociclisti dal 1967, propone una giacca originale in stile militare che non ci farà passare inosservate. I dettagli sono di ottima fattura con tante tasche, zip, patch, ricami e stampe. Ma non è solo...

FRANCIA: norme per i motociclisti

Aggiornamento: 31 Luglio 2019 La Francia è una meta molto gettonata per i motociclisti italiani ma ha delle regole ferree che devono essere rispettate per non rischiare di incorrere in sanzioni. Ecco cosa dovrete avere con voi: Patente valida Carta di circolazione...

Exagon66: Leggings protettivi da moto

Exagon66 è una realtà Emiliana, giovane e dinamica con la mission di creare un abbigliamento sportivo tecnico per attività all’aperto per un’ uso quotidiano ma con lo sguardo verso il futuro. Soprattutto verso tessuti protettivi e antiabrasivi riciclati e/o...

Aperitivo Tecnico Femminile con Ducati Verona

Sei curiosa di conoscere più dettagli sulla manutenzione della tua moto? Imparare a eseguire i piccoli lavori di routine e tutti i trucchi del mestiere? Grazie alla preziosa collaborazione con Ducati Verona vogliamo dedicarti un piccolo corso in cui potrai chiarire...

Raddoppia il numero delle motocicliste rispetto a un decennio fa

U.S.A.: Un recente sondaggio afferma che quasi un proprietario di motocicli su cinque è donna. Uno studio condotto dal Motorcycle Industry Council ha confermato che l'aumento del numero di donne motocicliste sta continuando la sua crescita in modo forte e costante. Il...

MADE IN ITALY: COME NASCE UNA CALZATURA TCX

Qualche giorno fa ho avuto l’opportunità di entrare in un’azienda leader nel settore delle calzature per motociclisti: TCX s.r.l. Da anni punto di riferimento per i biker non solo italiani, l’azienda in provincia di Treviso sta rivoluzionando il concetto di calzatura...

Casco SMK Glide: silenzio, parlano i pensieri

Adoro i caschi modulari perché li ritengo molto pratici e versatili in ogni tipo di situazione. Quando mi hanno chiesto di provare il casco SMK Glide White, ho accettato subito in quanto SMK era un'azienda che ancora non conoscevo, quindi non avevo ancora avuto modo...

Zaino Boblbee di Point 65°N: innovazione e sicurezza

POINT 65° SWEDEN BOBLBEE: molto più di uno zaino Di zaini ne abbiamo provati tanti in questi anni: alcuni leggeri, alcuni comodi, altri esteticamente belli o waterproof. Poi abbiamo testato qualcosa di nuovo (per noi) e direi avvenieristico: il Boblbee.UNO ZAINO...

GIVI HEVIK e KAPPA al Motodays di Roma: dal 9 al 12 marzo!

La stagione primaverile è alle porte e come ogni anno al Motordays di Roma arrivano le proposte più allettanti per sentirsi pronte al 100% e in sicurezza con le nostre moto. Iniziamo da GIVI La storica azienda bresciana leader nel settore degli accessori moto, attende...

Casco SMK STELLAR: un universo da scoprire

Di SMK abbiamo già parlato in questo articolo (clicca qui) a proposito del casco Eldorado. In questa recensione vogliamo raccontarvi di Stellar, l’integrale che l’azienda ha pensato per i più sportivi. Dai colori brillanti e dalle grafiche accattivanti siamo certe che...

Il Risveglio della Moto

Il Risveglio Della Moto Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, si girava per le strade in moto, e c’era pure il sole! D’allora sono passati almeno 4-5 mesi e per quelle di noi che hanno messo le moto a dormire (preferibilmente nel box, su cavalletti e con la...

Le Donne sono l’ingrediente per avere Successo nel Mercato

Traduzione di un articolo di Michael Uhlarik, Product Planning Consultant and Motorcycle Business Analyst TRE UOMINI ED UNA PICCOLA BMW Molti anni fa ho preso parte alla progettazione prodotti di una OEM giapponese per esaminare una nuova moto del brand...

Test Ride: Ducati SuperSport S

Cosa c'è in un nome? SuperSport. Un nome che torna numerose volte nella storia di Ducati. Dalle moto guidate da Paul Smart e Mike Hailwood negli anni ’70, passando per la 900 SuperSport del 1988, le SS, la SuperLight per finire nel 2007 con le SuperSport di Pierre...

Test: nuova Suzuki Gsxr 1000 2017 e Kevin Schwantz al Mugello

Mugello, domenica 21/05/2017 Ogni tanto capita una moto che stravolge quello che si ritiene possibile, e lo fa senza fronzoli. La nuova Suzuki GSXR 1000 è una di quelle moto. Questo modello completamente rivoluzionato è frutto della nuova strategia intrapresa da...

HAT SERIES – LO SPIRITO DELL’ADVENTOURING

Nata nel 2009, la HARDALPITOUR, nota anche come HAT, ha la fama di aver ispirato la disciplina del mototurismo fuoristrada, recentemente denominato Adventouring. Nella sua essenza, la HAT è un viaggio-avventura no-stop di 24/36 ore per team di 3 piloti, su...

GIVI EXPLORER: il viaggio di nozze più lungo e avventuroso della storia!

Ivana Colakovska, macedone, 32 anni e Manu Torres, spagnolo, 34 per quattro anni, su una piccola Yamaha Ténéré 660, hanno attraversato i 5 continenti: 59 Paesi visitati e 150.000 km percorsi in moto. Tutto documentato sull'ormai celebre blog. Around Gaia (Terra in...