Da sola, senza mezzi di supporto, la dott.ssa Maral Yazarloo-Pattrick, 36 anni, ha percorso oltre 100.000 chilometri in 64 paesi in 7 continenti, dal 15 marzo 2017 fino all’agosto 2018, questa audace avventuriera si è proposta di esplorare popolazioni, luoghi e tessuti sociali di tutto il mondo. Tuttavia, “Ride To Be One”, il nome dato al progetto di Yazarloo-Pattrick, è arrivato anche a rappresentare i diritti delle donne, in particolare quelle a cui non è permesso correre e viaggiare in moto come nel suo paese natale, l’Iran, dove ha scelto di terminare il suo epico viaggio.

Maral Yazarloo-Pattrick

La dottoressa Yazarloo-Pattrick si è inizialmente trasferita da Kelarabad (Iran) in India per completare un MBA e poi un dottorato di ricerca in Marketing presso l’Università di Pune. Fu durante questo periodo che si convinse a guidare una moto, quando un compagno di studi non le permise di sedersi sulla sua perché non era una motociclista. Ma senza scomporsi, la dottoressa Yazarloo-Pattrick ha ottenuto la patente ed è diventata la prima donna in India a possedere e guidare una Harley Davidson. Ha preso una Night Rod Special, poi una Ducati Diavel e infine, per la spedizione, una BMW F650GS. In ogni caso, ha infranto la barriera di genere e ha continuato a incoraggiare le donne a guidare aprendo club di motociclismo al femminile.

La dottoressa Yazarloo-Pattrick è anche una stilista con una propria etichetta che ha debuttato a Parigi nel 2012. I suoi disegni sono colorati, audaci e moderni. Ha disegnato il suo abito da sposa per il bellissimo matrimonio che ha celebrato con la sua anima gemella a Machu Picchu, in Perù. Il suo partner Alex Pattrick è un uomo a cui spesso attribuisce il merito di “essere incredibile a pieno titolo” e anche di sostenere completamente i suoi sogni.

Maral Yazarloo-Pattrick
Maral Yazarloo-Pattrick

Guidare è la stessa esperienza di libertà per chiunque abbia il piacere di farlo, sia esso uomo o donna.

Quando si tratta dello sport in sé, Yazarloo-Pattrick ritiene che le limitazioni religiose o statali debbano essere le stesse per uomini e donne.

Non solo ha preso precauzioni extra durante il viaggio, come avere un contatto in ogni paese, avvisare familiari, amici e autorità di dove si trova e stare attenta a dove ha piantato la tenda, ma si è organizzata portando anche abbastanza cibo e acqua, conoscendo i principi di base della moto e il rispetto degli intervalli di manutenzione richiesti – tutto fa parte della routine di ogni buon pilota viaggiatore.

Ah….e per concludere: negli ultimi 6 mesi del suo viaggio, era incinta.

Traduzione articolo Riders You Should Know: Dr. Maral Yazarloo-Pattrick”
dal sito RideApart
Foto dal web

Dakar 2019: sempre più al femminile

Quest'anno sarà l'undicesima Dakar in Sud America e la prima in assoluto integralmente in territorio peruviano, con oltre 5500 chilometri divisi in 10 tappe prevalentemente su fondo sabbioso delle dune e del deserto. Negli ultimi anni la partecipazione...

L’avventuriera di origine iraniana rompe record e confini

Da sola, senza mezzi di supporto, la dott.ssa Maral Yazarloo-Pattrick, 36 anni, ha percorso oltre 100.000 chilometri in 64 paesi in 7 continenti, dal 15 marzo 2017 fino all'agosto 2018, questa audace avventuriera si è proposta di esplorare popolazioni,...

U.S.A: le motocicliste raggiungono quota 19%

Il motociclismo femminile sta crescendo in modo globale, un fenomeno sempre più ampio che comprende moltissimi paesi al mondo. Mentre in Italia ci godiamo una crescita del 32,4% negli ultimi cinque anni (vedi articolo) con una motociclista donna ogni sei,...

Soichiro Honda: una storia che insegna a non mollare mai

Tempo di lettura: 2 minuti Il successo è per il 99% fallimento. Con questa breve frase Soichiro Honda riesce a racchiudere la sua incredibile storia fatta di coraggio e perseveranza, perchè se credi veramente in qualcosa alla fine lo otterrai....

L’Arabia Saudita concede il permesso di guida alle donne

Da giugno 2018 le donne saudite avranno la possibilità di mettersi alla guida di moto e camion. Un decreto reale emanato lo scorso settembre ha revocato il divieto di guida riservato alle donne, estendendolo, oltre che alle auto, anche a moto e camion. Non...