Finalmente arrivano le vacanze estive e come ogni anno dobbiamo fare i conti con la predisposizione della moto, le cose da portare e quelle da lasciare a casa con in testa sempre la stessa frase: “Lo porto, non si sa mai!”.
Questi consigli sono dedicati principalmente a chi possiede una moto naked (nel mio caso una Yamaha MT07) e spero possano esservi utili per godervi appieno le meritate ferie.

Per una vacanza in moto in Italia di 8-10 giorni si deve avere un mantra in testa: “Portare solo le cose indispensabili”.

1. UNA SETTIMANA IN MOTO: COSA DEVO FARE??

Come prima cosa vediamo di allestire la nostra moto nel modo migliore portando con noi solo l’indispensabile per non sovraccaricare il mezzo. Sulla MT07 ho trovato utilissime le borse laterali Yamaha (ma le potete trovare anche di altre marche) per il peso contenuto, la possibilità di espanderle, la giusta capienza e la semplicità di montaggio: è una spesa significativa ma che vi renderà soddisfatte per molto.

Vacanze-in-motoCosa portare?
Di certo ognuna deve fare i conti con il luogo che andrà a visitare e le proprie abitudini ma se dovrete affrontare sia il caldo torrido che il fresco montano ecco cosa vi consiglio di portare.
Iniziamo da un paio di jeans o pantaloni comodi per quando vi toglierete quelli protettivi. Poi felpa, scarpe comode o sandali, un paio di infradito (perfette perchè poco ingombranti), 4-5 t-shirt, pigiama, intimo, spazzolino, dentifricio (ne vendono di piccoli) e tutto ciò che non possiamo lasciare a casa (pettine, crema viso, deodorante, elastici per capelli e qualche trucco). Per quello che concerne bagno schiuma e shampoo consiglio di portare con voi le bustine di campioncini prodotto che occupano pochissimo spazio (stessa cosa vale per creme ecc). Portatevi anche qualche pacchetto di fazzoletti di carta e le salviettine disinfettanti.

Dividete tutto in vari contenitori resistenti all’acqua in modo da togliere dalle borse solo ciò che vi serve.
Sul codone ho posizionato un ragno agganciandolo saldamente alle staffe e al portatarga con la tuta antipioggia gialla fluo: in questo modo sarà facilissimo prenderla al volo ma darà anche visibilità alla moto.
Quest’anno ho trovato indispensabile portare anche un thermos che ho riempito di acqua fredda ogni giorno: comodo, economico e di certo manterrà la vostra bevanda più fresca che le solite bottigliette di plastica.

Altra cosa: portate sempre un prodotto per la pulizia e l’igienizzazione del casco. Diventerà una buona abitudine tenere questo presidio pulito e sanificato dedicandogli solo 5 minuti ogni sera.

2. Bauletto che comodità ma…

Molte motocicliste adorano il bauletto non certo per motivi estetici ma pratici: posizionarvi il casco e riempirlo fino al limite con tutto l’occorrente senza utilizzare le borse. Sappiate però che il bauletto pieno crea un grosso problema: sbilancia il baricentro della moto dietro e in alto. Infatti più i pesi sono in alto e più interferiscono con le manovre di guida, anche le più semplici. Il baricentro alto destabilizza l’assetto della motocicletta soprattutto nelle naked perciò le borse laterali sono decisamente più indicate perchè non alleggeriscono la parte frontale della moto e non creano problemi all’impianto frenante anteriore.
P.s. Il massimo carico trasportabile tramite bauletto è da misurarsi in Kg e non in Litri ed è controproducente riempirlo troppo.

3. Zaino in spalla e non si parte

Un peso significativo portato a lungo vi stancherà maggiormente e non vi farà godere appieno della vostra vacanza. Se volete utilizzare comunque uno zaino fatelo solo per brevi tragitti, non riempitelo troppo e ricordatevi che anche se rigido non sostituisce mai il paraschiena! Meglio utilizzare una borsa serbatoio piccola (ma attenzione al fissaggio e che non copra la strumentazione) e per i documenti e portafoglio un marsupio da gamba (o semplice).

4. Controllate la moto e vi porterà lontano

Prima della partenza potete portare la vostra moto dal meccanico di fiducia per un controllo generico di liquidi, tiraggio e lubrificazione catena, lampadine, pressione pneumatici. Sono tutte cose che potete fare anche voi con un pochina di esperienza.

5. Doccia e via!

Alzi la mano chi prima di partire lava la moto! Sono certa che sono ben poche le persone che lo fanno ma sappiate che è davvero importante. Pulire bene specchietti, fari, frecce vi aiuterà ad essere più visibili e a vedere meglio. Stessa cosa vale per il casco: è un’ottima abitudine pulirlo sia esternamente che igienizzarlo internamente dopo ogni uso in modo da averlo sempre pronto. Una buona pulizia allunga la vita non solo del presidio ma anche vostra aiutandovi ad avere una maggiore visibilità.

6. mal di schiena da vibrazioni

Dopo ore di viaggio molti soffrono di mal di schiena o altri dolori articolari ma la cosa si può cercare di attutire con alcuni stratagemmi:
– far mettere gel o memory foam sulla sella;
– alzare il manubrio;
– affrontare buche o asperità tenendo il peso sulle pedivelle;
– utilizzare una fascia lombare.

7. Pioggia stai lontana!

I viaggi in moto sono sempre legati al fattore meteo e a volte può capitare di imbatterci in un acquazzone. Ma non fatevi prendere dal panico, infilate la tuta antipioggia, se non avete stivali waterproof indossate dei corpiscarpe appositi e guanti antiacqua (in mancanza di un paio WP vanno benissimo quelli da cucina per lavare i piatti!).

COSA HO INDOSSATO:
Giacca Held Aerosec GTX Top
– Jeans Promojeans
Stivali TCX Hero Gore Tex
– Casco Nexx X-WST 2 Carbon Zero

Lisa Cavalli
Credits MissBiker 2018
Photo Credits Lisa Cavalli, Yamaha

TELEPASS: le 5 cose che forse non sai

Un piccolo oggetto ormai diventato indispensabile per noi motociclisti: evitare di armeggiare tra le tasche al casello per cercare gli spiccioli tra gli insulti degli automobilisti in coda è ormai per molti un passato lontano. Abbiamo contattato personalmente TELEPASS...

Informazioni sui viaggi in Europa in moto: obblighi e informazioni – I paesi più vicini

Spesso ci siamo trovate a viaggiare all'estero senza avere la sicurezza di rispettare le regole al 100%: cosa è obbligatorio avere con sè in Austria? Quali sono i limiti di velocità in Francia? E se ci bevessimo una birra in Croazia qual è il limite di consentito?...

Cura delle trasmissioni: catena, corona, pignone

A parte poche eccezioni (albero cardanico e cinghia), tutte le moto trasmettono il moto alla ruota attraverso un datato ma ancora efficace sistema: il gruppo catena ‐ corona ‐ pignone. Di conseguenza tutti i motociclisti dovrebbero (qui il condizionale è d’obbligo)...

Il Risveglio della Moto

Il Risveglio Della Moto Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, si girava per le strade in moto, e c’era pure il sole! D’allora sono passati almeno 4-5 mesi e per quelle di noi che hanno messo le moto a dormire (preferibilmente nel box, su cavalletti e con la...

Video: guida agli impianti frenanti – I dischi

https://youtu.be/Mu2d1Y4DQaw

Video: guida agli impianti frenanti – Le Pinze

https://youtu.be/7KyuSf71Tn0