Grazie alla collaborazione con Paddock Sorority possiamo ora condividere storie di motocicliste da tutto il mondo. La prima intervista in esclusiva è dedicata a Rui Jia, pilota cinese della categoria 600 in forza al Shizhao Racing Team.

RUI JIA: DAL PIANOFORTE ALLA PISTA

Rui-Jia

Rui Jia è nata a Tianjin, in Cina, nel 1989. Durante la sua infanzia non ha mai avuto un particolare interesse per il motociclismo o il motorsport. Era la musica ad occupare la maggior parte del suo tempo e della sua attenzione. Ha vissuto in Sud Africa per sei anni mentre suo padre era espatriato. Quando è tornata in Cina, è diventata un’insegnante di pianoforte.
Vivendo per alcuni anni dall’altra parte del mondo, Rui si è interessata sempre più ai viaggi e a esplorare nuovi luoghi approfondendone la cultura e il cibo. Per puro caso, questa sua curiosità è diventata la scusa per avvicinarsi al mondo delle corse motociclistiche.

“Ho letto storie sui viaggi a bordo di una moto in luoghi come il Tibet. Era così affascinante e le foto erano mozzafiato. È stato illuminante per me sapere che si può viaggiare in posti così meravigliosi e vedere luoghi stupendi con una moto. Così mi sono interessata alle motociclette come veicolo di trasporto. Ho pensato che sarebbe stato interessante guidarle, andare in posti bellissimi e divertirmi.”

Rui Jia

Viaggiare è stato l’inizio di questa avventura per Rui Jia anche se ha fatto solo uno o due lunghi viaggi dopo aver preso la moto. Il germoglio delle corse è cresciuto in fretta e la motociclista da tempo libero si è trasformata nella pilota.

“Dopo aver preso la mia moto, mi sono resa conto che sarebbe stato piuttosto pericoloso viaggiare per strada. Possono accadere molte cose inaspettate. Inoltre la mia moto non era molto adatta per i viaggi a lunga distanza (ho una moto da strada e una sportiva). Quindi in realtà ho guidato più che altro in città. Sono diventata amica di altri piloti e alcuni di loro mi hanno suggerito di provare a correre sui circuiti visto che ero già veloce. Così sono andata a un evento di track day e da lì sono iniziate le gare”.

Da quando Rui è salita in sella per la prima volta, guidare è sempre stato facile. Durante il suo primo giorno in pista, seguito dalla prima gara, Rui si è resa conto di avere talento nella guida e nelle corse, e la sua fiducia è cresciuta.

“Guidare una moto è stata una cosa che mi è riuscita subito abbastanza facile. Poi, quando mi hanno suggerito di andare in pista, sono arrivata seconda nella mia prima simulazione di gara. Era un evento di formazione per motocicliste, con una simulazione di gara all’interno del programma della giornata. Come seconda classificata dell’evento, il team che lo ha organizzato mi ha reclutata come pilota alle prime armi. La mia terza volta sul circuito è stata una gara CSBK a Erdos. Il mio tempo sul giro è stato abbastanza buono e mi ha permesso di qualificarmi per la finale pro. È stata una grande iniezione di fiducia per me “.

UN GRANDE MAESTRO E TANTA VOGLIA DI IMPARARE

Il talento da solo non sarebbe stato sufficiente per il successo nelle corse. Così Rui ha deciso di lasciare Tianjin e trasferirsi a Zhuhai per cercare un coach e una migliore formazione. È entrata a far parte della squadra corse guidata da Shizhao Huang, il primo e unico pilota cinese ad aver corso nelle gare motociclistiche del Gran Premio, ed è diventata la coordinatrice della squadra oltre che una pilota allenata direttamente da Shizhao.

“Dopo essere stata con la mia prima squadra per un anno, sono stata per conto mio per un po’. Due anni fa, ho incontrato Shizhao tramite il mio allenatore di corse automobilistiche e ho chiesto di unirmi alla sua squadra. Sapevo di avere una grande passione per il motociclismo e sapevo che se avessi voluto essere una pilota migliore, avrei dovuto allenarmi con i migliori. Quindi volevo allenarmi con Shizhao. All’inizio non voleva prendermi, ma sono stata molto insistente, ed eccomi qui. Ora guardandomi indietro, ho ancora le registrazioni di quella gara a Erdos in cui stavo davvero giocando in pista, cercando i passaggi impossibili. Ora ne so di più, so cosa stavo facendo di sbagliato allora e capisco di più come essere veramente veloce “.

Rui gareggia sia nelle gare sprint che in gare endurance. Essendo ora più matura come pilota, capisce cosa è importante per ogni tipologia di gara e su cosa deve lavorare per essere un pilota migliore.

“Le gare sprint esigono la perfezione in ogni curva di ogni giro. Devi essere in grado di eseguire ciò in cui ti sei esercitata e allenata, mantenere la velocità e combattere ruota a ruota per ottenere una posizione. La tua condizione fisica, le tue capacità e una mente calma ti portano i risultati. Le gare endurance non riguardano solo te stesso. Devi prenderti cura della tua moto, devi collaborare con il tuo compagno di squadra e hai bisogno di una buona strategia. Devi essere veloce e intelligente. Quanto tempo starai là fuori? Quando ritorni? La cosa fondamentale è conservare le proprie energie e mantenere la moto in buone condizioni. Per quanto mi riguarda, ho ancora molto da migliorare negli sprint, ad esempio le mie curve a destra sono migliori delle curve a sinistra perché mi alleno di più allo ZIC (Circuito internazionale di Zhuhai) che ha più curve a destra. Dovrò lavorare su queste cose. Per le gare endurance, ho bisogno di una mente più fredda. Non soffermarsi su una curva ma guardare di più al quadro generale: finire la gara”.

Rui Jia

Con il miglior pilota della Cina come suo allenatore, Rui è attenta anche ai più grandi piloti del mondo per migliorare la propria guida.

“Vado in palestra per allenarmi cardio 3-4 volte a settimana. Quando sono lì, è come se mi preparassi per una gara in MotoGP o WSBK. Il WorldSSP (campionato mondiale Supersport ) è ovviamente il più appetibile, dato che guido anche Yamaha R6 nella categoria 600cc, ma anche il WorldSSP300 sarebbe perfetto. Le moto più leggere però sono completamente diverse. Conosco il mio stile e la mia posizione di guida, quindi vorrei trovare piloti con uno stile simile al mio e concentrarmi su come guidano. Per quanto riguarda i miei idoli nel mondo delle corse, i miei preferiti sono Joan Mir e Maverick Vinales della MotoGP. Maverick è interessante. Le sue gare possono perfette o pessime, questo lo rende più simile a una persona reale secondo me. Sono anch’io un po’ come lui. Posso essere davvero emotiva in pista. Shizhao mi dice sempre di restare calma durante la gara, di fare solo quello che faccio quando mi alleno. Il tempo, le cose che si mangiano e molto altro possono influenzare la performance. Quindi si deve avere il controllo delle emozioni e della mente in modo da potersi esibire e mostrare alle persone proprie reali capacità “.

Oltre ad essere lei stessa una pilota e lavorare sulla propria guida, Rui è coordinatore del team e lavora con altri piloti, sia che entrino solo per una giornata in pista o che corrano con il team.

“La nostra squadra è un club, molti motociclisti vengono ad allenarsi o solo a divertirsi. Comunicare con loro, prenotare le moto o ripararle, lavorare con il circuito, questi sono tutti i miei compiti. Quando andiamo in altre città per le gare, mi occupo di organizzare tutta la logistica, compresa la registrazione e la prenotazione dei box. Nel track day se i piloti hanno bisogno di qualcuno che li guidi e mostri le traiettorie divento anche il loro allenatore. Se non sono impegnata in pista con gli altri piloti, corro e mi alleno anch’io. “

Rui Jia

Avendo corso per due anni, Rui ha frequentato molti circuiti in Cina. Guardando in giro per il mondo, Rui scherza anche sul voler provare tutte le piste.

 

“Mi piacerebbe provare tutti i circuiti in giro per il mondo se ne avrò l’opportunità. Naturalmente, le piste più vicine a noi sarebbero Sepang in Malesia e Buriram in Thailandia. Ma vorrei poter gareggiare in tutte.”

Quando la pandemia sarà finita e le restrizioni sui viaggi saranno allentate, speriamo che Rui Jia possa spostarsi per il mondo, gustare cibo interessante e guidare in tutti i circuiti possibili.

Fonte: The Pianist on Two Wheels – Exclusive Interview with Rui Jia

Ph. credits: Rui Jia
Special thanx to Paddock Sorority