Quando si guida una moto avere un’ottima visuale è un fattore fondamentale per la propria sicurezza. Gli specchietti retrovisori sono le risorse migliori per individuare e prevenire pericoli al di fuori del nostro campi visivo.

SPECCHIETTI MOTO OMOLOGATI: COME RICONOSCERLI E QUALI SONO LE NORME

Esistono molti modelli di specchietti retrovisori per le moto ma per non incorrere in sanzioni è importante che siano omologati. Per controllare l’avvenuta omologazione CE basta osservare se è presente la lettera E seguita da un numero all’interno di un cerchio che indica il paese in cui è avvenuta (il numero 8 corrisponde all’Italia).

In caso avessi fissato degli specchietti NON omologati violeresti l’art. 72 del codice stradale che comprende l’obbligo di equipaggiamento di dispositivi retrovisori omologati:

“Chiunque circola con uno dei veicoli citati nel presente articolo in cui alcuno dei dispositivi ivi prescritti manchi o non sia conforme alle disposizioni stabilite nei previsti provvedimenti è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 87 a € 345.”

Non solo: in caso ti fermasse una pattuglia potrebbe esserti anche contestata una violazione art. 78 del codice stradale (“Modifiche delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione e aggiornamento della carta di circolazione”) che comporta il ritiro della carta di circolazione, la revisione e una sanzione più cospicua: da 419 a 1.682 euro.

N.B. In caso di motocicli che per costruzione possono superare i 100km/h i dispositivi retrovisori devono essere obbligatoriamente due, uno per lato.

SPECCHIETTI: STILE VS EFFICACIA

Gli specchietti retrovisori possono essere quadrati, rotondi, oblunghi o di altre forme: ne esistono di tutti i tipi e modelli. Possono anche essere montati in modi diversi: sul manubrio (end bar), direttamente sulla carena o, in alcuni casi, al di sotto del manubrio. Al di là della scelta ricorda sempre che specchietti correttamente posizionati rendono la tua esperienza di guida più ricca, sicura e piacevole.

Rizoma_BS145B
Rizoma_BS185A_SPORT_
Triumph_Bonneville_T120_Class_Retro_BS144A

COME REGOLARE GLI SPECCHIETTI RETROVISORI DELLA MOTO

Le staffe montate sul manubrio sono tenute ferme da un dado di regolazione, segui questi 4 passaggi da seguire per una regolazione sicura:

  1. Assicurati che gli specchietti retrovisori possano muoversi facilmente, ma che non ci sia troppo lasco: non si devono spostare con il vento.
  2. Sali in sella, mettiti in posizione di guida e punta la ruota anteriore dritta difronte a te. Ovviamente la postura dipende dal tipo di moto che si guida, ma generalmente si adotta una posizione dritta, centrata e in equilibrio.
  3. Lascia un po’ di spazio davanti e dietro di te in modo da poterti muovere sulla sella in caso di frenata o accelerata.
  4. Ora aggiusta gli specchietti in modo che le estremità della tua spalla e del gomito siano visibili. Se non fosse così, allarga il dado di regolazione e riposizionali, prestando attenzione a stringere nuovamente il dado alla fine.
    Se gli specchietti si trovano sulla carena anteriore ovviamente non c’è bisogno di farlo e potete concentrarvi sul perfezionamento.

Questa sarà la regolazione di base che ti sarà indispensabile per non dover apportare modifiche mentre ti trovi in strada o nel traffico.

Nella maggior parte degli specchietti, quello che devi vedere è la strada dietro di te e parte della tua figura. Se ritieni che vedere l’estremità della tua spalla sia troppo in alto, aggiusta la posizione dello specchio portandola più giù. Ogni specchietto deve riflettere metà della corsia dietro di te in modo da avere una visuale sulla strada e includere la corsia adiacente il più possibile.

Ricorda: saranno sempre presenti dei punti ciechi e dovrai sempre guardare attentamente alle tue spalle prima di azionare gli indicatori di direzione per svoltare, accostare, sorpassare.

7 consigli per ritrovare confidenza con la tua moto

Quando si inzia ad andare in moto o subito dopo una caduta, può capitare di perdere la confidenza e farsi prendere da mille paure. Vediamo qualche consiglio che potrebbe esserti utile per risalire in sella e tornare a vivere la tua passione. Cadere, è successo a tutti...

Patente della moto senza esame: basterà un corso ma i costi?

In questi giorni entrerà in vigore la nuova normativa sulla patente A che porta vantaggi a livello burocratico semplificando le procedure. Il Senato infatti ha approvato il Decreto Infrastrutture-Bis, un grande cambiamento che piacerà ai motociclisti, che...

Pneumatici da moto: durata, mescole, equilibratura

I pneumatici sono davvero molto importanti e vanno scelti con attenzione.Lo sapevi che una stessa moto può essere più o meno maneggevole, più o meno piacevole e sicura da guidare, a seconda delle gomme che monta? Spesso si pensa di modificare le sospensioni e...

Spieghiamo la piega: come far curvare la moto in strada

Bentrovate miss! Come sta andando quest'estate a cinquantamila gradi? State girando, facendo ferie? Che estate strana, questa dove in teoria non si può nemmeno lavare la moto! Speriamo che la situazione migliori, ma nel frattempo ci rimane una buona fetta di stagione...

Estate in moto: 5 consigli per guidare in modo sicuro col caldo

Non ci sono più dubbi, l'estate 2022 è un delle più torride di sempre. Per non farci sconfiggere dal caldo nella stagione perfetta per andare in moto, vediamo qualche consiglio pratico. 1. Resta idratata Hai mai sentito parlare di esaurimento da calore? Succede quando...

Come affrontare gli ostacoli quando si è in moto

Sono molti gli ostacoli che deve affrontare chi guida una moto soprattutto in città. Nei tratti urbani possiamo trovare superfici con poca aderenza, buche, binari di tram, foglie e molto altro. Vediamo qualche consiglio per poter affrontare questi pericoli.Ostacoli e...

La frenata, questa sconosciuta: quanto ci mette la moto a fermarsi

Bentrovate care miss alla mia rubrica tecnica! Oggi parlaremo di frenata!Quante di voi sanno la risposta alla domanda del titolo? Per mia esperienza poche persone hanno ben in mente come e quanto frena la loro moto. Anche la me stessa di qualche anno fa era all'oscuro...

Tutorial per sopravvivere quando si guida nel traffico in città

Guidare in città sta diventando sempre più difficile. Per chi guida una moto sembra di essere invisibile. Gente distratta da mille pensieri (e dagli smarphone) diventa inconsapevolmente un problema in più per i motociclisti. "Uscire in moto sulle strade pubbliche è un...

Capelli e casco: i consigli delle motocicliste per tenerli in ordine

I capelli sotto il casco da moto spesso diventano un problema. Se sono lunghi tendono ad aggrovigliarsi e se sono corti ad appiattirsi. Inoltre sono soggetti alla polvere e alla sporcizia. Come rimediare? Ecco i consigli delle motocicliste della community di...

La moto va dove il pilota guarda: il ruolo della vista nella guida

Bentrovate miss per un nuovo capitolo della mia rubrica tecnica!Oggi parleremo dell'uso della vista, in particolare del concetto "la moto va dove il pilota guarda", che insieme alla mente (vedi la scorsa puntata) è il direttore d'orchestra della nostra guida e...

NON FIDARTI SOLO DEGLI SPECCHIETTI

Gli specchietti ti aiutano a guidare in modo sicuro: le informazioni che ti danno mentre guidi la moto ti aiutano a ridurre i rischi e a prendere decisioni importanti.

Eppure, nonostante gli specchietti siano sistemati nel modo migliore, dovrai sempre completarne la funzione girandoti e guardando indietro di frequente.

Capita spesso che i motociclisti si affidino totalmente agli specchietti e dimentichino di controllare i punti ciechi ma girarsi e controllare con i tuoi occhi è l’unico modo per vedere realmente ciò che ti circonda.

Lisa Cavalli
Copyright MissBiker 2020
Photo credits nel testo: Rizoma